Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Economia

Calcio e trading, pecunia non olet

Calcio e trading, pecunia non olet

Un binomio che si è rafforzato nel corso degli anni e che, da una nicchia iniziale, è passato a toccare da vicino un numero sempre crescente di società. Il trading online, non sempre visto di buon occhio per la sua peculiarità di essere uno strumento complesso alla portata di tutti, quindi potenzialmente in grado di generare perdite del capitale investito, è partito già da qualche anno alla conquista del calcio.
L’ultimo esempio in ordine di tempo, per restare al nostro campionato, è stato rappresentato dall’Atalanta: la meravigliosa realtà plasmata da Gasperini che è ormai una realtà consolidata nei piani alti della Serie A e finanche della Champions League (lo scorso anno al suo esordio nella competizione ha sfiorato la finale), ha stretto una partnership con Plus 500, uno dei broker più famosi della rete. .
Il tutto a testimonianza di come il business del trading sia ormai in pianta stabile nel calcio e vada alla ricerca proprio di squadre che sono sulla cresta dell’onda; segno evidente di un settore in grande salute e potenzialmente in grado di investire cifre enormi.

Dalla Juventus all’Atletico Madrid

Perché l’accostamento tra trading online e squadre note è più datato, in Italia lo ha reso noto la Juventus; la squadra più seguita di Italia nel 2017 ha sottoscritto un accordo con 24Option, altro broker famoso in rete per quello che riguarda l’intermediazione negli investimenti online.
Una opportunità che era stata colta anche da quello che oggi è il suo giocatore più rappresentativo, Cristiano Ronaldo: quando era ancora al Real Madrid l’asso portoghese aveva prestato la propria immagine per al noto Broker di Forex e CFD XTrade Europe. Mentre guardando all’estero, viene subito alla mente il legame tra l’Atletico Madrid di Simeone e Plus 500, lo stesso broker che oggi compare sulle maglie dell’Atalanta.
Il gioco più popolare al mondo è da sempre uno strumento molto efficace di marketing diretto, uno dei terreni più ambiti dalle grandi aziende: ed il fatto che il trading online ne stia andando lentamente alla conquista è la prova provata di come si parli di un settore estremamente ricco, in ascesa poderosa. Il successo delle piattaforme di trading è dovuto ad una apparente semplicità di investimento, in modo del tutto autonomo, senza doversi rivolgere ad intermediari fisici; gli utenti lo vedono come uno strumento estemporaneo, l’investimento diventa una sorta di scommessa.

Il trading online e di rischi

Un po’ come il gioco d’azzardo (sono loro i due comparti ad oggi più ricchi in rete insieme all’industria del sesso), intorno al quale sta nascendo, non a caso, una levata di scudi per far sì che le società di calcio possano tornare a sfruttare i soldi, tanti, che gli operatori di gambling distribuivano fino a prima del Decreto Dignità. D’altronde quando ci sono di mezzo i soldi, si può anche far finta di niente su alcune dinamiche.
Pecunia non olet, lo insegnavano gli antichi Romani: i soldi fanno comodo, che vengano dal gioco d’azzardo o dal trading online poco importa. Perché il trading resta comunque uno strumento a rischio, per certi versi equivoco, di sicuro da approcciare in totale sicurezza.
Il problema dei broker che operano in rete senza garantire certezze, talvolta, senza neanche avere i requisiti per farlo, è ormai noto. Se alcuni hanno una fama acclarata che può fornire qualche garanzia, altri lasciano qualche punto interrogativo.
Ma malgrado ciò il trading online è il nuovo promoter del calcio europeo: le società più ambite fanno a gara per accaparrarsi gli sponsor che pagano profumatamente: broker che spesso risiedono dall’altra parte del mondo, talvolta anche in un qualche paradiso fiscale.
Una manna dal cielo per un calcio sempre più indebitato: e se qualcuno ci vede un qualcosa di poco romantico o di moralmente non del tutto trasparente, corre il rischio di essere etichettato, quantomeno, fuori tempo.

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro