Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Giornata mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta

Giornata Mondiale dell’Ambiente: Come il Calcio si sta muovendo per difendere la salute del pianeta

Nel giorno in cui si celebra la Giornata Mondiale per l’ambiente 2020, vediamo quanto inquina il calcio e in che modo si sta muovendo per un futuro del pallone sostenibile.

Il calcio inquina e bisogna subito correre ai ripari. Il gioco più popolare in Europa, infatti, genera 750 mila tonnellate di rifiuti all’anno.

Se è vero che il  42,7 % della popolazione mondiale si interessa al calcio – gli ultimi Mondiali di calcio maschile sono stati visti da oltre 3,5 miliardi di persone – non è stato però possibile stabilire con precisione l’impatto ambientale sull’ecosistema locale e globale di questo sport.Impronta Ecologica

L’approccio più frequente per stabilire l’impatto ambientale di qualcosa è l’analisi della sua impronta ecologica (ecological footprint): questa stabilisce un’area speculativa del mondo che sarebbe necessario reintegrare per sopperire all’energia totale e alle risorse consumate dal dato evento (o individuo).

Nel caso delle grandi kermesse calcistiche, quest’energia riguarda tutte quelle attività che avvengono sia dentro ma anche fuori dallo stadio passando dall’erogazione di bibite, al check dei biglietti, al riscaldamento, fino all’illuminazione.

Il Primo Passo

Già nel 2013 la Fifa aveva sviluppato delle direttive – i Green Goals – per l’organizzazione e la pianificazione di eventi sportivi più verdi. Il Comitato olimpico internazionale (Ioc) ha condiviso le nuove linee guida per pratiche di approvvigionamento più sostenibili atte a contrastare la palese crisi ambientale in cui ci troviamo.

Nella valutazione delle candidature per l’organizzazione di eventi sportivi dell’Uefa, già da qualche anno, vigono dei criteri di sostenibilità per favorire la messa in atto di eventi con il più basso impatto ambientale possibile. Purtroppo però questi criteri non risultano determinanti: per gli scorsi Mondiali femminili a esempio, l’Italia era stato l’unico paese a proporre un Mondiale a impatto zero ma la Uefa ha comunque deciso di premiare la candidatura della Francia.

Life Tackle

Il progetto Life Tackle cofinanziato dalla Commissione europea con il programma Life e appoggiato anche dalla FIGC, attraverso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa si occupa di indagare i processi di smaltimento dei rifiuti e di utilizzo energetico dei maggiori impianti sportivi europei. L’obiettivo è ben preciso: il miglioramento della gestione ambientale degli incontri di calcio. Sul sito www.lifetackle.eu vengono mostrate le linee guida da seguire per stadi ed eventi sportivi eco-sostenibili.

I Risultati degli studi

Dagli studi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sono emersi dati interessanti e che fanno riflettere: uno stadio della massima serie può consumare fino a 8 milioni di chilowattora di elettricità (l’equivalente dell’uso energetico di 2500 famiglie) e 100mila metri cubi di acqua e genera da 1,82 a 6,81 kg di rifiuti per spettatore generando quindi alla fine della stagione circa 750 mila tonnellate di rifiuti.

Sfamare gli affamati

Quando si parla di sprechi non si può non considerare quelli alimentari. Sono circa 1500 i pasti serviti per ogni partita all’interno dello stadio ma solo alcuni di essi hanno adottato politiche di donazione dei pasti avanzati ad enti benefici.

Il Ruolo delle Squadre

Non solo impianti a impatto zero ma un ruolo fondamentale lo possono prendere anche le squadre con alcune iniziative. Ad esempio il Cagliari ha deciso di bandire la plastica dalle sue partite per far comprendere l’impatto sul territorio. Anche la Juventus, nel 2016 fu la prima squadra a studiare la valutazione del ciclo di vita di una partita di calcio. Ed è stato scoperto che come causa principale di inquinamento, al primo posto, vi era la mobilità dei propri tifosi.

Politiche e amministrazioni

Altro problema sempre poco discusso è quello relativo al Green procurement, ovvero quelle regolamentazioni giuridiche incluse negli statuti delle organizzazioni per l’acquisto di prodotti, servizi e opere che contribuiscono a proteggere l’ambiente.

La catena di acquisti che gli stadi e squadre devono effettuare, spesso, per non dire quasi sempre, sono appaltati a fornitori esterni che non sono abituati a fornire alternative verdi. Se questi criteri fossero inclusi negli statuti delle gare di appalto, i fornitori potrebbero fare in modo di garantire dei servizi più eco-compatibili.

Ultima ma non per importanza la necessità di coinvolgere le amministrazioni locali. In Italia, quasi tutti gli stadi sono di proprietà del comune e quindi, ogni volta che cambia la bandiera politica, cambiano anche le politiche verdi, di mobilità ed ecologistiche. Il che si tramuta spesso in un passo in avanti e uno indietro.

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Facebook

Da non perdere

Calcio

St. Pauli: i Pirati tedeschi che giocano contro l’odio Il 15 Maggio 1910 ad Amburgo nasceva un club che si è reso famoso negli...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Calcio

Nando Martellini, una voce sul tetto del Mondo Il nostro tributo al leggendario Nando Martellini nel giorno in cui ricordiamo la sua scomparsa avvenuta...

Calcio

Quando Ezequiel Lavezzi era del Genoa ma finì al Napoli Compie oggi 36 anni Ezequiel Lavezzi, il Pocho che ha fatto innamorare Napoli ma...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il  2 maggio 1998 moriva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Le maledizioni e le imprecazioni rappresentano una vera e propria caratteristica nel mondo calcistico attuale....

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 30 Aprile 1945 nel suo bunker di Berlino, Adolf Hitler si suicidava a 56 anni...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Calcio

Piazzale Loreto e Michele Moretti, il terzino partigiano: quando il calcio si incrocia con la Storia Il 29 aprile 1945 i corpi di Benito...

Calcio

Storia, Disciplina e Onore: CSKA, viaggio nello Sport dell’Armata Rossa Il 29 Aprile 1929 nasceva la Polisportiva CSKA, massima espressione dello Sport dell’Unione Sovietica...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro