Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il calcio raccontato come piace a me

Il calcio raccontato come piace a me

Le persone che ho come riferimento nella mia vita sono poche. A loro ho consegnato una tessera della mia vita. Ad alcune più di una. Qualche giorno fa una persona per me molto importante stava parlando con me del più e del meno. Ad un certo punto dal nulla mi ha detto: “devi vedere il film Pelè, credo sia il calcio raccontato come piace a te”.

Ho subito messo in lista il film. Devo dire che fino ad ora la figura di Pelè non aveva mai colpito il mio immaginario e quindi mi ero preparato ad un film che per quanto consigliatomi in maniera autorevole poteva non entusiasmarmi. Fin dalla prima scena mi ha inchiodato allo schermo, con quella sensazione che ho quando qualcosa mi aggancia bene e non mi molla più come un delirio che finisce solo dopo qualche ora. Bellissimo tutto.

La scelta del momento, le scene, i colori, l’intensità, la musica. Ma soprattutto bello il modo di raccontare di calcio, con la poesia che diluisce i suoi umori nel fiume implacabile della storia che sfocia e decide vincitori e sconfitti. La leggenda di chi dalla povertà diventa un idolo palleggiando un mango per esercitarsi, che riscatta l’intera etnia di calciatori di colore fino a quel momento giudicati al rango di esseri inferiori, ma anche l’orgoglio di una nazione che veniva considerata fino a quel momento una barzelletta.

E poi il loro modo di affermare la Ginga. Prima arte marziale contro la schiavitù, poi modo di giocare geniale e di pancia, quasi senza schemi. Momenti del film che sono pura poesia per immagini che commuove anche se non vuoi. Finito di guardare il film, ho mandato un messaggio a chi me lo aveva consigliato: “ti detesto, ho pianto come una fontana una scena sì e una no”. La sua risposta: “è il modo che hai tu di intendere il calcio, speravo tanto ti piacesse”.

Mi auguro di avere sempre accanto chi mi conosce così, senza clamori e ostentazione. Poi passa, lascia un piccolo regalo sul tavolo con un bigliettino di pensiero e oltre il regalo azzeccato, conservo le sue parole. E vi lascio con una frase del film: “hai due alternative. O dimostri veramente chi sei, o sali su quel treno. E non lo saprai mai.”.

 

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

El Maestro Tabarez e le Origini della Garra Charrua Compie oggi 74 anni Oscar Tabarez, l’allenatore dell’Uruguay che incarna perfettamente lo spirito della squadra...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro