Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il calcio raccontato come piace a me

Il calcio raccontato come piace a me

Le persone che ho come riferimento nella mia vita sono poche. A loro ho consegnato una tessera della mia vita. Ad alcune più di una. Qualche giorno fa una persona per me molto importante stava parlando con me del più e del meno. Ad un certo punto dal nulla mi ha detto: “devi vedere il film Pelè, credo sia il calcio raccontato come piace a te”.

Ho subito messo in lista il film. Devo dire che fino ad ora la figura di Pelè non aveva mai colpito il mio immaginario e quindi mi ero preparato ad un film che per quanto consigliatomi in maniera autorevole poteva non entusiasmarmi. Fin dalla prima scena mi ha inchiodato allo schermo, con quella sensazione che ho quando qualcosa mi aggancia bene e non mi molla più come un delirio che finisce solo dopo qualche ora. Bellissimo tutto.

La scelta del momento, le scene, i colori, l’intensità, la musica. Ma soprattutto bello il modo di raccontare di calcio, con la poesia che diluisce i suoi umori nel fiume implacabile della storia che sfocia e decide vincitori e sconfitti. La leggenda di chi dalla povertà diventa un idolo palleggiando un mango per esercitarsi, che riscatta l’intera etnia di calciatori di colore fino a quel momento giudicati al rango di esseri inferiori, ma anche l’orgoglio di una nazione che veniva considerata fino a quel momento una barzelletta.

E poi il loro modo di affermare la Ginga. Prima arte marziale contro la schiavitù, poi modo di giocare geniale e di pancia, quasi senza schemi. Momenti del film che sono pura poesia per immagini che commuove anche se non vuoi. Finito di guardare il film, ho mandato un messaggio a chi me lo aveva consigliato: “ti detesto, ho pianto come una fontana una scena sì e una no”. La sua risposta: “è il modo che hai tu di intendere il calcio, speravo tanto ti piacesse”.

Mi auguro di avere sempre accanto chi mi conosce così, senza clamori e ostentazione. Poi passa, lascia un piccolo regalo sul tavolo con un bigliettino di pensiero e oltre il regalo azzeccato, conservo le sue parole. E vi lascio con una frase del film: “hai due alternative. O dimostri veramente chi sei, o sali su quel treno. E non lo saprai mai.”.

 

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Pugilato

Max Baer, la vera storia del “cattivo” antagonista di Cinderella Man Il 21 Novembre 1959 moriva Max Baer, il pugile statunitense divenuto famoso per...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro