Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio moderno: Perché il Capitale guarda la Bandiera?

Maldini e il Milan, Moratti e l’Inter. Il passato che ritorna? No, forse meglio dire “che prova a ritornare”. Almeno nel caso dell’ex presidente nerazzurro che, secondo quanto trapelato nei giorni scorsi, sarebbe vicino a rientrare nella società dove è stato presidente dal 1995 al 2013. Troppo forte il richiamo di quei colori, del calore dei tifosi (di cui lo stesso Moratti alla fine di settembre ha ammesso di avere nostalgia), ma soprattutto l’essere parte, anche se con una piccola percentuale rispetto al passato (il petroliere acquisirebbe il 30% delle quote di Thohir), di un ambiente, l’Inter, e di un mondo, il calcio, che ha nel dna fin da giovane, quando il padre Angelo era a capo della Grande Inter di Herrera.

Per un ritorno possibile, un rifiuto certo. Quello di Paolo Maldini. Pochi giorni fa, tramite la sua pagina Facebook, il capitano e bandiera del Milan ha rifiutato la proposta di entrare a far parte del futuro organigramma “made in China” come direttore tecnico, che avrebbe svolto in coabitazione col futuro direttore generale (Marco Fassone). Nella sua decisione, serietà e amore: “Devo rispettare i valori che mi hanno accompagnato durante tutta la mia vita, devo rispettare i tanti tifosi che si sono negli anni identificati in me per passione, volontà e serietà, devo rispettare il Milan e me stesso”.

Dal terzino sinistro più forte del mondo arriva lo spunto per soffermarci su come, in Italia, nell’era del calcio “global” e “capital”, dove è sempre più massiccio l’intervento d’investitori stranieri che non hanno il calcio nei cromosomi (come sceicchi e cinesi), sembra sopravvivere la necessità di inserire nei quadri societari le bandiere, cioè quei giocatori che hanno fatto la storia di un club militandovi tutta la carriera (Maldini al Milan, Totti alla Roma, Bergomi all’Inter) o per buona parte di essa.

Come a voler mantenere un filo con la storia e il passato, venando di romantico un calcio tutto business e profitto, ma anche con la logica dei tempi correnti; se una società può essere gestita con una filosofia aziendale, è inevitabile che, per ottenere quei risultati fondamentali in ogni azienda, occorra ricorrere a risorse che, con il loro contributo, possano essere di supporto per l’ambiente. Ecco così che viene trovato un incarico all’ex atleta che si è guadagnato la fama e la stima del pubblico grazie alle sue gesta sul campo. È il caso di Javier Zanetti, confermato vice-presidente dell’Inter anche dopo l’avvento del gruppo Suning, di Pavel Nedved, alla Juventus anche in serie-B e oggi vicepresidente, oppure di Marco Di Vaio, club manager del Bologna italo-canadese di Joey Saputo. A un ruolo simile, anche se sul versante tecnico, è stato delocalizzato di recente Bruno Conti che, su mandato della nuova proprietà americana, si occuperà di visionare, in Italia e all’estero, giovani calciatori.

Uno spostamento che apre un interrogativo: perché si vogliono ancora le bandiere? Perché ci si rende conto della loro effettiva importanza per gestire situazioni negative – come Peruzzi ritornato in estate in una Lazio in comprensibile crisi d’identità emotiva per il “muro contro muro” fra tifoseria e presidenza – oppure per questioni d’immagine? Il simbolo è uno specchietto per le allodole col quale illudere i tifosi (romantici per definizione) e monetizzare la storia del club oppure un punto di forza al quale aggrapparsi nei momenti di crisi e costruire una mentalità vincente da cui ne trarrà giovamento tutto l’ambiente?

Già, perché vedere un ex campione del mondo finito a fare l’osservatore per quella società dove ha trascorso una vita sia da giocatore sia a capo di un settore giovanile generatore di talenti, lascia pensare che la bandiera assomigli, più che a una risorsa per migliorare, a un marchio da esportare. Se poi, addirittura, capitano situazioni dove si vuole affiancarla nello stesso ruolo a un altro elemento del management del domani, che magari non ha mai giocato al calcio, oltretutto subordinandocelo in casi di valutazioni divergenti sullo stesso punto, l’intento appare chiaro: metterlo in difficoltà agli occhi dei tifosi per incrinarne l’immagine e rovinarne il mito.

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 26 settembre 1973 ci salutava la grande attrice...

Calcio

Mourinho, quei due partiti così fastidiosi Due partiti, più che due correnti di pensiero e, “romanisticamente” parlando, vale sempre la pena precisare che non...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 45 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (quarta giornata) La domenica della Serie A si conclude con l’1-1 tra Juventus e...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Con l’Armistizio firmato da Badoglio l’8 settembre del 1943, iniziava...

Calcio

Immobile, Cassano e i pareri “cattura titoli” Si può discutere di ogni cosa, di ogni aspetto e dell’utilità di ogni giocatore, in ambito tecnico....

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro