Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio moderno: Perché il Capitale guarda la Bandiera?

Maldini e il Milan, Moratti e l’Inter. Il passato che ritorna? No, forse meglio dire “che prova a ritornare”. Almeno nel caso dell’ex presidente nerazzurro che, secondo quanto trapelato nei giorni scorsi, sarebbe vicino a rientrare nella società dove è stato presidente dal 1995 al 2013. Troppo forte il richiamo di quei colori, del calore dei tifosi (di cui lo stesso Moratti alla fine di settembre ha ammesso di avere nostalgia), ma soprattutto l’essere parte, anche se con una piccola percentuale rispetto al passato (il petroliere acquisirebbe il 30% delle quote di Thohir), di un ambiente, l’Inter, e di un mondo, il calcio, che ha nel dna fin da giovane, quando il padre Angelo era a capo della Grande Inter di Herrera.

Per un ritorno possibile, un rifiuto certo. Quello di Paolo Maldini. Pochi giorni fa, tramite la sua pagina Facebook, il capitano e bandiera del Milan ha rifiutato la proposta di entrare a far parte del futuro organigramma “made in China” come direttore tecnico, che avrebbe svolto in coabitazione col futuro direttore generale (Marco Fassone). Nella sua decisione, serietà e amore: “Devo rispettare i valori che mi hanno accompagnato durante tutta la mia vita, devo rispettare i tanti tifosi che si sono negli anni identificati in me per passione, volontà e serietà, devo rispettare il Milan e me stesso”.

Dal terzino sinistro più forte del mondo arriva lo spunto per soffermarci su come, in Italia, nell’era del calcio “global” e “capital”, dove è sempre più massiccio l’intervento d’investitori stranieri che non hanno il calcio nei cromosomi (come sceicchi e cinesi), sembra sopravvivere la necessità di inserire nei quadri societari le bandiere, cioè quei giocatori che hanno fatto la storia di un club militandovi tutta la carriera (Maldini al Milan, Totti alla Roma, Bergomi all’Inter) o per buona parte di essa.

Come a voler mantenere un filo con la storia e il passato, venando di romantico un calcio tutto business e profitto, ma anche con la logica dei tempi correnti; se una società può essere gestita con una filosofia aziendale, è inevitabile che, per ottenere quei risultati fondamentali in ogni azienda, occorra ricorrere a risorse che, con il loro contributo, possano essere di supporto per l’ambiente. Ecco così che viene trovato un incarico all’ex atleta che si è guadagnato la fama e la stima del pubblico grazie alle sue gesta sul campo. È il caso di Javier Zanetti, confermato vice-presidente dell’Inter anche dopo l’avvento del gruppo Suning, di Pavel Nedved, alla Juventus anche in serie-B e oggi vicepresidente, oppure di Marco Di Vaio, club manager del Bologna italo-canadese di Joey Saputo. A un ruolo simile, anche se sul versante tecnico, è stato delocalizzato di recente Bruno Conti che, su mandato della nuova proprietà americana, si occuperà di visionare, in Italia e all’estero, giovani calciatori.

Uno spostamento che apre un interrogativo: perché si vogliono ancora le bandiere? Perché ci si rende conto della loro effettiva importanza per gestire situazioni negative – come Peruzzi ritornato in estate in una Lazio in comprensibile crisi d’identità emotiva per il “muro contro muro” fra tifoseria e presidenza – oppure per questioni d’immagine? Il simbolo è uno specchietto per le allodole col quale illudere i tifosi (romantici per definizione) e monetizzare la storia del club oppure un punto di forza al quale aggrapparsi nei momenti di crisi e costruire una mentalità vincente da cui ne trarrà giovamento tutto l’ambiente?

Già, perché vedere un ex campione del mondo finito a fare l’osservatore per quella società dove ha trascorso una vita sia da giocatore sia a capo di un settore giovanile generatore di talenti, lascia pensare che la bandiera assomigli, più che a una risorsa per migliorare, a un marchio da esportare. Se poi, addirittura, capitano situazioni dove si vuole affiancarla nello stesso ruolo a un altro elemento del management del domani, che magari non ha mai giocato al calcio, oltretutto subordinandocelo in casi di valutazioni divergenti sullo stesso punto, l’intento appare chiaro: metterlo in difficoltà agli occhi dei tifosi per incrinarne l’immagine e rovinarne il mito.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande palmarès,...

Calcio

Ronaldo: Manifesto di un Futurismo “fenomenale”  Compie oggi 44 anni, Luis Nazario de Lima, per tutti Ronaldo. Il Fenomeno che per il suo modo...

Calcio

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter Siamo sul finire degli Anni Settanta. Sandro Mazzola ha smesso soltanto da pochi anni con il...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Il nuovo infortunio occorso al giovane talento della Roma impone una riflessione sugli eccessi di un mondo, quello del calcio professionistico, che sembra incapace...

Calcio

Compie oggi 58 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni” più...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Il 3 settembre 1989 moriva  Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

“We will Ruud you”: il calcio ai tempi di Gullit Se Marco Van Basten è la fiaba da raccontare ai figli la sera mentre...

Calcio

Il Benfica e la Maledizione del “ballerino” Bela Guttmann Il 28 agosto 1981 moriva a Vienna Bela Guttmann, leggendario allenatore ungherese, che dopo aver...

Ultime Notizie Calcio

Dove eravamo rimasti? Dopo oltre tre mesi di astinenza causa pandemia da covid-19, il prossimo 20 giugno, salvo clamorose complicazioni, ripartirà finalmente il campionato...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro