Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Parma piange, Catania non ride

Parma piange, Catania non ride, il pallone rotola non si sa dove. Potrebbe essere questo il titolo di un film che racconta la storia di questi ultimi due giorni di calcio italiano. Bisognerebbe scegliere il regista e, forse, data la trama tremendamente horror, la scelta potrebbe ricadere su Stanley Kubrik o Dario Argento. I luoghi delle riprese sarebbero necessariamente le città di Parma e Catania, rispettivamente sconvolte dalle vicende che riguardano, le squadre di calcio locali.

Nei giorni in cui il Dg della Figc Michele Uva aveva annunciato “l’inizio di una nuova era” per il calcio nostrano,  sono arrivate le due notizie che per il pallone di casa nostra, hanno gli effetti di due cazzotti nello stomaco.  La prima, annunciata da tempo, è il fallimento ufficiale del Parma Calcio, società storica della massima serie, già retrocessa, agonizzante da mesi, e aggrappata alla speranza che l’arrivo di un presunto cavaliere bianco potesse salvarla. Alla fine, dopo alcuni discussi passaggi di consegne, l’unico che si è presentato è stato Giampiero Manentiche più che “bianco” è sembrato un “cavaliere nero”, che avrebbe voluto fare l’affare mettendoci di tasca sua il becco di un quattrino. Questa è solo l’impressione, dato che di certo, c’è solo la notizia che Manenti, non ha fatto in tempo a mettere piede al Tardini, che è stato subito arrestato, per una vicenda di carte clonate.  Qualcuno allora dirà che era inevitabile che finisse così.

L’altra notizia, che è giunta poche ore dopo l’ufficialità del fallimento del Parma Calcio, è arrivata da Catania, e ha sempre a che fare con la giustizia. Altri arresti “eccellenti” sono avvenuti nel mondo del calcio. Questa volta è toccato ad  Antonino Pulvirenti, da anni patron del Catania. Con lui, sono stati arrestati anche, altri 6 dirigenti della squadra etnea. L’arresto è avvenuto nella mattinata di oggi e la richiesta è arrivata dalla Procura di Catanzaro che sta indagando su una serie di partite sospette, che sarebbero state “comprate” e a vantaggio proprio del Catania.

La tesi della Procura è che grazie a queste partite, il Catania è potuto rimanere in serie B, scongiurando il rischio di retrocedere in Lega Pro. A conferma di questa tesi, il contenuto di alcune intercettazioni, pubblicate sul sito del Fatto Quotidiano, in cui il presidente del Catania al telefono con l’ex direttore sportivo Delli Carri, farebbe riferimento “parlando in codice” ad alcune “partenze di treni” che  secondo la tesi della Procura, in realtà, altro non erano che riferimenti alle partite da comprare. Tra le conversazioni intercettate ce ne sarebbe una che coinvolgerebbe in modo particolare Pulvirenti. “ Se non ci pensavamo noi – avrebbe detto il presidente del Catania al telefono con l’ex dg Delli Carri– per queste 5 partite eravamo già retrocessi”.

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e corruzione: Gegio Gaggiotti e i suoi capolavori Il 16 gennaio 1924 nasceva Eugenio Gaggiotti, l’uomo che è considerato il “pioniere” delle combine...

Calcio

La cantina Nevio Scala: dalla panchina alle vigne Capolavoro in Emilia-Romagna. Tra calcio e buon vino Nevio Scala ha scritto un romantico romanzo di...

Motori

Bertrand Gachot: passare alla storia a propria insaputa Compie oggi 58 anni Bertrand Gachot, il pilota di Formula Uno che pur non vincendo mai...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

“C’è del Marcio in Danimarca”. E l’Italia scoprì il sospetto di combine in Serie A L’8 novembre 1903 nasceva Luigi Allemandi, difensore dell’Italia Campione...

Calcio

1913-14: quando la Juventus divenne “lombarda” ed evitò la retrocessione Il primo novembre 1897 un gruppo di studenti del liceo classico Massimo D’Azeglio di...

Basket

Shawn Kemp, un potenziale MVP con la testa sbagliata nella Nba degli anni Novanta Spesso e volentieri tanti addetti ai lavori sottolineano quanto sia...

Calcio

Franco Scoglio, Professore di calcio e di vita Il 3 ottobre 2005 ci lasciava Franco Scoglio, storico e iconico allenatore del Genoa. Il nostro...

Calcio

Vai col liscio! Casadei, balere, Riviera e Ricchiuti. Rimini e il calcio: i dolci ricordi dei ragazzi di Acori. Sogno biancorosso. Una favola semplice,...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Calcio

“E’ stato un colpo maligno della sorte”. Così Mario Cecchi Gori, padre di Vittorio, commenta a caldo la debacle della retrocessione in Serie B...

Calcio

I proverbi in Italia dicono che tutte le strade portano a Roma. E il detto dovrebbe essere ulteriormente vero se ti chiami Augusto, come...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro