Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio Italiano: l’Uefa ci promuove, ma la Fifa ci boccia

Riabilitata in Europa, bistrattata nel Mondo. Se con la futura riforma della Champions League riceve una boccata d’ossigeno artificiale grazie a una formula che le permetterà di schierare quattro squadre nella massima competizione europea per club a partire dal 2018-19, l’Italia subisce uno schiaffo dal ranking Fifa, che nell’aggiornamento dello scorso 15 settembre l’ha estromessa dalla “top ten” (dove era rientrata a fatica nel marzo 2015), facendola scivolare al tredicesimo posto (“meno tre” rispetto a luglio).

Vero, si tratta pur sempre di una classifica fondamentalmente scientifica, che tiene sì conto del campo, ma subordinandolo a una procedura algebrico-temporale (si prende in esame l’ultimo quadriennio attribuendo maggior peso specifico ai risultati più recenti) che produce più di un’anomalia. Per esempio, la Germania campione del mondo in carica e semifinalista a Euro ’16 è addirittura terza, dietro al Belgio (fuori ai quarti di finale nelle ultime due competizioni internazionali e dopo Euro ’12 al 53.mo posto!) e all’Argentina, sempre e solo finalista tra Coppa America (’15 e ’16) e mondiale, dove tra l’altro fu battuta proprio dai tedeschi.

Pertanto, come tutte le statistiche, anche il report del massimo organo mondiale calcistico è da approcciare con la massima cautela e va guardato non tanto sul “breve periodo” quanto sul “medio-lungo” per trarvi qualche considerazione di natura tecnica.

Soffermandosi sul dato degli azzurri, si nota come il crollo sia avvenuto negli ultimi quattro anni. Quinti a settembre 2006, cioè due mesi dopo Berlino, in questo stesso periodo del 2012 erano comodi sesti, a “-43” dall’Uruguay e a “+53” sull’Argentina. Da allora, nonostante il quarto posto di gennaio 2013, costante e inesorabile calo in favore di avversari che, dopo l’argento europeo di Kiev, erano fuori dai radar della “top 20”. Tipo il Galles, oggi 7.mo e allora 45.mo, che poco più di quindici anni fa liquidavamo in quaranta minuti nella corsa a Euro 2000. O la Colombia, attualmente alle pendici del podio, ma nel 2012 stagnante al 22.mo posto. Prive di un settore giovanile florido e consolidato, queste nazionali hanno beneficiato del classico filone aureo generazionale: per cui, ottime qualificazioni ed eccellente mondiale (i cafeteros) o europeo (i dragoni di Sua Maestà).

Ben altro discorso invece il balzo in avanti del Cile, da 14.mo a 7.mo in un lustro. Autoproclamatasi, di rigore, incubo nazionale di tutta l’Argentina, la Roja ha alzato le ultime due coppe Americhe grazie a sei giocatori (Toselli, Carmona, Isla, Medel, Vidal, Alexis Sanchez) terzi al mondiale Under 20 del 2007. E anche il Portogallo (ora 7.mo, ma che tra qualche mese beneficerà del trionfo francese) nella notte di Saint-Denis aveva sei calciatori d’argento e bronzo fra mondiale Under 20 2011 ed Europeo 2015: Cedric, Danilo, Guerreiro, Joao Mario, W. Carvalho e Rafa Silva.

Ecco allora che viene da riflettere come il mediocre piazzamento dell’Italia, se sul piano statistico accusa l’unica vittoria in dieci partite ufficiali (amichevoli comprese) tra l’ottobre 2013 e il mondiale brasiliano, risenta anche di cause molto più strutturali. Come il mancato ricambio generazionale dell’ultimo quadriennio tra under 21 e Nazionale maggiore. Della selezione di Devis Mangia, la più talentuosa degli ultimi dieci anni e seconda solo alla Spagna nell’Europeo di categoria del 2013, soltanto in quattro sono approdati con i più grandi: Florenzi, Verratti, Immobile e Insigne (per la cronaca, tutti valorizzati da Zeman). Gli altri oggi sono relegati in panchina (Regini, Bertolacci, Gabbiadini), provano a rifarsi una vita in provincia (Biraghi, Saponara, Destro), hanno espatriato (Leali, Caldirola, Donati, Marrone, Sansone, Borini, Paloschi) o annaspano in serie-B (Bardi, Colombi, Bianchetti, Capuano, Crimi). Uno, Fausto Rossi, è addirittura svincolato.

Invece ben otto “azzurrini”, cioè il doppio, del ciclo precedente (2009) entrarono stabilmente nella Nazionale “A”. Alcuni di loro (Abate, Ranocchia, Candreva e Marchisio) continuano a farne parte. Una differenza che fa capire come i numeri della Fifa non siano solo aride statistiche e che riattualizza una delle ragioni esposte la scorsa settimana sulla crisi del calcio italiano, cioè la predilezione per il business e per lo straniero da parte delle società e della federazione, che alle politiche per la tutela e lo sviluppo del nostro movimento rivolgono un pensiero degno del miglior Adriano Celentano: “Francamente me ne infischio”.

A cura di

Classe 1982, una laurea in "Giornalismo" all'università "La Sapienza" di Roma e un libro-inchiesta, "Atto di Dolore", sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, scritto grazie a più di una copertura, fra le quali quella di appassionato di sport: prima arbitro di calcio a undici, poi allenatore di calcio a cinque e podista amatoriale, infine giornalista. Identità che, insieme a quella di "curioso" di storie italiane avvolte dal mistero, quando è davanti allo specchio lo portano a chiedere al suo interlocutore: ma tu, chi sei?

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Gigi Radice non se ne andrà mai Di Gigi Radice non se ne sentiva parlare da tempo ed era fin troppo scontato che, quando...

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (sedicesima giornata) A guardare oggi la classifica sembra che la Lega di serie A...

Calcio

Ciao Madiba: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni Il 5 Dicembre 2013 ci lasciava Nelson Mandela, uno degli uomini più...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 4 dicembre 2011 ci lasciava uno dei personaggi più iconici...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Calcio

Alberto César Tarantini: Corri uomo corri La vita l’ha vista fuggire troppe volte, molte delle quali senza preavviso. Forse per questo oggi gli riesce...

Calcio

I sogni di gloria calcistica della Colombia di Pablo Escobar Il 2 Dicembre 1993 moriva Pablo Escobar, il narcotrafficante più famoso del mondo. Vi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Avrebbe compiuto ieri 73 anni Luciano Re Cecconi, iconico calciatore della...

Calcio

E’ un mercoledì oltremodo denso quello che vede accorciarsi le distanze in vetta alla classifica: cinque punti contengono il viaggio delle prime quattro, sempre...

Calcio

Gary Speed e la lettera mai data alla moglie C’è qualcosa che odora di celluloide quando si sentono le parole addolorate di un amore...

Calcio

Chi vinceva il Pallone d’Oro al posto di Maradona? Quest’anno torna il Pallone d’Oro, dopo l’anno di pausa a causa della pandemia di Covid19....

Calcio

La vittoria del Napoli nell’ultimo match della domenica racconta tante storie. Quella di Mertens, tanto per cominciare: rientrato a tempo pieno in squadra dopo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro