Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio Femminile: la strada verso il professionismo passa per i diritti tv e le scommesse

[themoneytizer id=”27127-1″]

Calcio Femminile: la strada verso il professionismo passa per i diritti tv e le scommesse

Sorelle d’Italia. La nazionale azzurra perde per un rigore inesistente contro il Brasile ma per differenza reti passa come prima del girone e spera in un accoppiamento facile agli ottavi di finale.

Intanto nel BelPaese il bombardamento mediatico a fin di bene delle storie e delle gesta delle ragazza sta facendo piano piano breccia nel cuore degli italiani che, messo da parte lo scetticismo iniziale, sostengono le azzurre nelle battaglie sul campo.

Proprio per questo l’agognato cambiamento sognato dalle ragazze di poter diventare professioniste sembra giorno dopo giorno sempre più vicino. Gli stipendi non potranno mai essere uguali a quelli degli uomini, non per una questione di misoginia o altre amenità varie, che sanno tanto di cose dette a caso a discapito di un sempre meno utilizzato ragionamento fattuale e logico, ma perchè il calcio è un’ industria privata e i suoi dipendenti, i calciatori, guadagnano in base al fatturato totale. 

Alla fine è tutta una questione di soldi, più ne fai fare e più ne fai. Giusto e doveroso però che queste ragazze che per una vita hanno inseguito i loro sogni e che eccellono in una disciplina sportiva possano fare della propria passione e del proprio sacrificio e duro lavoro una professione primaria e con un contratto in regola che dia tutte le garanzie. 

Gli italiani cominciano a scommettere sugli eventi femminili, e questo a livello di flusso di soldi direzionati verso questo sport è una cosa positiva perchè piaccia o non piaccia in questo momento i bookmakers hanno tanti soldi da investire in sponsorizzazioni e pubblicità e se hanno un forte ritorno sul calcio femminile daranno una grande mano dal punto di vista economico al movimento.

Anche le televisioni si stanno muovendo di conseguenza, il mercato è vergine, i diritti TV si prendono per un piatto di lenticchie ma il seguito è in crescita: 2,8 mln nella gara di esordio contro l’Australia e 2,3 mln per la seconda contro la Giamaica, in entrambi i casi più del 18% di share. Anche qui il ritorno economico di spot pubblicitari spingerà le televisioni ad investire sempre di più nel movimento e nel settore.

Insomma nessuno fa niente perchè è giusto farlo, a fronte di un investimento minimo il ritorno potenzialmente è molto profittevole ma ricordiamoci che dobbiamo essere noi a spingere il cambiamento, seguendo le ragazze, tifandole, seguendole sui social ecc. L’interesse costante di noi cittadini e appassionati di calcio e di sport garantirà il professionismo a questa generazione di calciatrici e a quelle future, sperando che non sia solo una moda passeggera di inizio estate fin tanto che i maschietti stanno sotto l’ombrellone.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Economia

Come fare trading online Un numero crescente di persone si chiede che cosa sia il trading online e come farlo. Quest’articolo vuole rispondere a...

Calcio

Sarnano, 1 Aprile 1944: Partigiani contro Nazisti 1 a 1 Il Primo Aprile 1944, in centro Italia, si sarebbe giocata una partita di calcio...

Calcio

Paolo List e gli altri: vittime innocenti della Sla, la malattia dei calciatori Il 28 Marzo 2016 moriva a soli 52 anni Paolo List,...

Salute e Benessere

Prodotti legali a base di CBD: ecco tutto quello che c’è da sapere sui loro benefici I prodotti derivati della pianta di Cannabis sono...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Compie oggi 52 anni Mahmoud Abdul Rauf, il cestista americano,...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Economia

La volatilità dei mercati, il rischio principale per gli investitori È un termine di uso comune, certamente familiare a tutti coloro i quali sono...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 3 aprile 2016 ci lasciava Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio...

Azzardo

Conviene utilizzare i pronostici in rete prima di scommettere? Quello del betting è un mondo particolarmente ricco ed articolato, che nel corso degli anni...

Azzardo

Sanzioni agli operatori di gioco online. Italia modello virtuoso nel 2020 Sanzioni per gli operatori di gioco in sensibile aumento: sono circa cinquanta i...

Calcio

Azeglio Vicini, ad avercene Il 30 gennaio 2018 ci salutava per sempre Azeglio Vicini, storico allenatore dell’Italia ai Mondiali 90. Un grande uomo, le...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro