Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio Femminile: la strada verso il professionismo passa per i diritti tv e le scommesse

[themoneytizer id=”27127-1″]

Calcio Femminile: la strada verso il professionismo passa per i diritti tv e le scommesse

Sorelle d’Italia. La nazionale azzurra perde per un rigore inesistente contro il Brasile ma per differenza reti passa come prima del girone e spera in un accoppiamento facile agli ottavi di finale.

Intanto nel BelPaese il bombardamento mediatico a fin di bene delle storie e delle gesta delle ragazza sta facendo piano piano breccia nel cuore degli italiani che, messo da parte lo scetticismo iniziale, sostengono le azzurre nelle battaglie sul campo.

Proprio per questo l’agognato cambiamento sognato dalle ragazze di poter diventare professioniste sembra giorno dopo giorno sempre più vicino. Gli stipendi non potranno mai essere uguali a quelli degli uomini, non per una questione di misoginia o altre amenità varie, che sanno tanto di cose dette a caso a discapito di un sempre meno utilizzato ragionamento fattuale e logico, ma perchè il calcio è un’ industria privata e i suoi dipendenti, i calciatori, guadagnano in base al fatturato totale. 

Alla fine è tutta una questione di soldi, più ne fai fare e più ne fai. Giusto e doveroso però che queste ragazze che per una vita hanno inseguito i loro sogni e che eccellono in una disciplina sportiva possano fare della propria passione e del proprio sacrificio e duro lavoro una professione primaria e con un contratto in regola che dia tutte le garanzie. 

Gli italiani cominciano a scommettere sugli eventi femminili, e questo a livello di flusso di soldi direzionati verso questo sport è una cosa positiva perchè piaccia o non piaccia in questo momento i bookmakers hanno tanti soldi da investire in sponsorizzazioni e pubblicità e se hanno un forte ritorno sul calcio femminile daranno una grande mano dal punto di vista economico al movimento.

Anche le televisioni si stanno muovendo di conseguenza, il mercato è vergine, i diritti TV si prendono per un piatto di lenticchie ma il seguito è in crescita: 2,8 mln nella gara di esordio contro l’Australia e 2,3 mln per la seconda contro la Giamaica, in entrambi i casi più del 18% di share. Anche qui il ritorno economico di spot pubblicitari spingerà le televisioni ad investire sempre di più nel movimento e nel settore.

Insomma nessuno fa niente perchè è giusto farlo, a fronte di un investimento minimo il ritorno potenzialmente è molto profittevole ma ricordiamoci che dobbiamo essere noi a spingere il cambiamento, seguendo le ragazze, tifandole, seguendole sui social ecc. L’interesse costante di noi cittadini e appassionati di calcio e di sport garantirà il professionismo a questa generazione di calciatrici e a quelle future, sperando che non sia solo una moda passeggera di inizio estate fin tanto che i maschietti stanno sotto l’ombrellone.

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Calcio

Cosa deve fare l’Italia per andare ai mondiali Dopo le ultime negative prestazioni, gli azzurri sono chiamati a un reset emozionale che li spinga...

Inchieste & Focus

Grace Murray Hopper, matematica statunitense diceva che la frase più pericolosa del mondo è “abbiamo sempre fatto così”. Questo nello sport dovrebbe essere applicato...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 28 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Silvio Piola, il più grande marcatore italiano che non vinse mai lo scudetto Il 29 settembre 1913 nasceva Silvio Piola, simbolo del calcio italiano...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 29 settembre 1942 nasceva Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Azzardo

Il grande inganno dei Bonus di Benvenuto: quando il “regalo” è utile solo ai Bookmaker Sono messi in grandissima mostra, scritti grandi e con...

Altri Sport

Sport e Prostituzione: da Campionesse a Escort, Suzy & Florica, atlete “d’alto bordo” Il sogno di ogni atleta, qualunque disciplina egli pratichi, è quello...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Washington, 14 marzo 1996. Va di scena il match NBA...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro