Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio, Fede e Discriminazione: in Egitto puoi essere Ronaldo basta che non sei Cristiano

Calcio, Fede e Discriminazione: in Egitto puoi essere Ronaldo basta che non sei Cristiano

Il 7 Aprile 2017 in Egitto durante la Domenica delle Palme due attentati terroristici rivendicati dall’ISIS presso la Chiesa di San Giorgio (Mār Girgīs) di Tanta e la cattedrale copta di San Marco ad Alessandria d’Egitto uccidono 45 cristiani copti, riportando all’attenzione la difficile situazione che questa comunità vive ogni giorno nel grande paese nordafricano. Una questione che riguarda tutti gli ambiti della quotidianità.  Compreso il calcio.

Il problema nel calcio

Come ti senti quando ti chiedono di cambiare nome perché con quel nome, chiaramente cristiano, non potrà mai giocare a calcio come professionista? La storia è quella dell’egiziano Mina Bendary da Alessandria, a 22 anni ha dovuto abbandonare il suo sogno di essere un calciatore professionista a causa di quella che lui ha percepito come una discriminazione religiosa. Il suo nome che lo definisce subito come un cristiano copto, è stato un ostacolo insormontabile che non gli ha mai reso possibile, dopo tre anni, il salto dalle giovanili alla prima squadra dell’ Al Ittihad, squadra della Premier League egiziana. “Il club mi ha detto di cambiare nome con uno musulmano per poter giocare in prima squadra. In Egitto non c’è spazio per i cristiani nel calcio professionistico.”

Una questione di percentuali?

In Egitto il 90% della popolazione è di fede musulmana mentre il restante 10% cristiana. La rosa della nazionale che ha preso parte al Mondiale russo era composta interamente da giocatori musulmani. Anche in patria il discorso non è diverso con nessun giocatore cristiano attualmente in forza a nessuna delle squadre della Premier League egiziana. Non è solo un’impossibilità statistica ma un’anomalia che ha radici profonde prima nell’amministrazione del calcio egiziano e poi, allargando, nella società egiziana in generale. Nel 2018 anche una ex stella del calcio egiziano come Mido, di fede musulmana, ha ammesso pubblicamente i problemi di natura discriminatoria a cui vanno incontro i giovani e talentuosi giocatori di fede cristiana: “Molti giocatori smettono da giovani a seguito delle discriminazioni da parte dei loro allenatori. Come è possibile che nella storia del calcio egiziano solo cinque giocatori di fede cristiana abbiano giocato nella massima divisione? E tra questi solo uno, Hany Ramzy, è stato l’unico cristiano ad indossare la maglia della nazionale”. Mido ha anche proposto un sistema di regole nuove con l’intento di costringere i top club egiziani ad avere in rosa una quota minima di giocatori di fede cristiana.

Shehata e il criterio divino

Hassan Shehata, ex allenatore della nazionale egiziana, di fede musulmana, che ha condotto i suoi a tre vittorie consecutive in Coppa d’Africa nel 2006, 2008 e 2010 ha sempre detto e ribadito che “Non solo le qualità tecniche saranno prese in considerazione per le convocazioni, ma anche e soprattutto il loro rapporto con Dio”.

L’accademia “Je Suis” a protezione dei cristiani

 L’accademia “Je Suis” è stata fondata da Bendary per dare riparo ai giocatori di fede cristiana più volte respinti dai club. Qui possono giocare dai 5 ai 30 anni e migliorare le loro qualità anche insieme ai giocatori di fede musulmana e se bravi abbastanza essere pronti al salto tra i professionisti.

La storia di Mina Samir

In questa accademia c’è Mina Samir, detto Ronaldo, per la somiglianza con lo juventino CR7, ha 20 anni ed è già stato respinto più volte prima di entrare in questa accademia. La ragione del rifiuto sempre la stessa: il nome Cristiano. “Gioco a calcio da quando ho 12 anni. La mia esperienza è stata con El Ismaily, il mister mi ha detto che era impressionato dalle mie qualità ma quando mi ha detto che mi chiamavo Mina mi ha detto che mi avrebbe fatto sapere. Non l’ho mai più risentito. In passato ho provato con il Petrojet, ero l’unico ragazzo cristiano e l’unico ad indossare una maglia gialla mentre tutti gli altri avevano quella nera. Il mister ha detto “tu, maglia gialla, come ti chiami?” e quando ho risposto Mina, lui capendo che ero cristiano ha detto che stava parlando con il ragazzo affianco a me che indossava però la maglietta nera. Lì ho capito che non ce l’avrei mai fatta”. Anche suo fratello Abanoub Samir, quando aveva 16 anni, ha provato ad entrare nella squadra Al Ittihad ma  gli chiesero di cambiare il nome in Mostafa Ibrahim, musulmano, e lui rifiutandosi disse addio al contratto. Un esposto è stato inviato dalla comunità dei cristiani copti alla FIFA che in accordo con i suoi nuovi regolamenti non tollera nessun tipo di discriminazione. La risposta dalla FIFA ancora non è arrivata anzi la massima federazione calcistica internazionale ha chiesto più materiale, come se non bastasse, per avere ancora più chiara e nitida la situazione.

Non solo Calcio

Alle ultime Olimpiadi di Rio nella delegazione egiziana di 122 atleti nessuno era di fede cristiana. Lo stesso anche quattro anni prima a Londra.

Non solo Sport

Per i cristiani copti in Egitto è difficile ottenere lavoro in primis e cariche istituzionali in secundis. Nessun posto di prestigio a livello istituzionale o governativo è in mano a persone di fede cristiana. Anche volendo nascondere la propria fede non è così semplice, perché questa è ben visibile sul documento di identità.

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Storie di Sport

Strage di Monaco, le colpe dei tedeschi Durante le Olimpiadi di Monaco 1972, nella notte tra il 5 e il 6 Settembre un gruppo...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

40 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] La rivoluzione del Surf: Shahla Yasini, la prima iraniana sulla cresta dell’onda Il primo aprile 1979 viene proclamata la nascita della Repubblica...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Ruqsana Begum: quando essere campionesse deve rimanere un segreto Ruqsana Begum, 35enne campionessa mondiale di Muay Thai, ha recentemente confessato ai suoi...

Basket

[themoneytizer id=”27127-1″] L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Frederic Kanouté, la carriera non cambia i valori Parlando di calciatori che pur facendone parte non hanno mai piegato i propri principi...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Tra povertà e persecuzione dei Rohingya, in Myanmar resiste solo lo Sport La Corte penale internazionale dell’Aja ha aperto un’indagine sulle deportazioni...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Palestina-Israele, anche il calcio alle prese con l’Intifada Il 28 Settembre 2000 iniziava la Seconda Intifada dopo la visita del capo del...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il Biglietto della discordia: l’Iran, le donne e il divieto medievale per entrare allo Stadio La chiamavano Blue Girl, per i colori...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Come Mohamed Salah è diventato un mezzo di integrazione Che lo sport, e quindi il calcio, sia cultura è innegabile. Per citare...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Chi vince la FA Cup quest’anno non potrà brindare Per rispetto alle altre religioni che non bevono alcol, la FA inglese ha...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro