Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Calcio e scommesse: l’ex Palermo Lafferty potrebbe presto essere nei guai

Kyle Lafferty, classe 1987: un nome non nuovo per i tifosi di calcio italiani, in particolare per quelli del Palermo. Il centravanti nordirlandese, infatti, ha militato tra le fila rosanero durante la stagione 2013/2014, trascorsa nel purgatorio della Serie B.

Il rendimento dell’attaccante fu buono. Finì in doppia cifra, con 11 gol messi a segno, e vinse anche il premio come Calciatore dell’Anno del Palermo, un titolo conferito direttamente dai tifosi siciliani.

Un solo anno in Italia, poi il ritorno in Gran Bretagna, al Norwich City. I supporter palermitani si arrabbiarono non poco per la cessione ma alla fine per Zamparini risulterà sostanzialmente un affare; Lafferty, infatti, da quel momento non ne azzecca più una, finendo dapprima in Turchia e poi al Birmingham (quattro reti realizzate in due anni).

Ora, però, i problemi sembrano farsi ben più seri per il gigante di Enniskillen, che è stato accusato dalla Football Association di aver infranto i codici regolamentari vigenti tra i calciatori per aver scommesso su una partita.

La regola E8, in particolare, è quella che in Inghilterra non permette ai giocatori di scommettere su partite legate al mondo del calcio. In un comunicato ufficiale, la FA ha affermato che Lafferty avrebbe violato tale norma il 20 febbraio scorso.

Lafferty dovrà rispondere nei prossimi giorni in riferimento all’accusa ricevuta.

La cosiddetta ‘Rule E8’ impedisce ai calciatori professionisti non solo di scommettere su partite in cui sono coinvolti o possono avere un’influenza indiretta ma su qualunque match nel mondo, sui trasferimenti di calciatori ed allenatori e addirittura sui cartellini tirati fuori nelle varie gare.

Nella data in cui Lafferty è accusato di aver scommesso, c’è da dire che né il Norwich (in cui militava il calciatore in quel momento, visto che si è unito al Birmingham soltanto a partire dal 24 marzo) né l’Irlanda del Nord sono scese in campo.

Solo il tempo ci dirà chi ha ragione. La speranza è che almeno il solitamente integerrimo mondo del calcio inglese possa rimanere al di fuori da tali scandali. Di sicuro, però, c’è che, qualora Lafferty fosse effettivamente ritenuto colpevole, a differenza nostra, in Inghilterra non avrebbero remore a stabilire una pena esemplare.

Matteo Luciani
A cura di

Nato a Roma sul finire degli anni Ottanta, dopo aver conseguito il diploma classico tra gloria (poca) e insuccessi (molti di più), mi sono iscritto e laureato in Lingue e Letterature Europee e Americane presso la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tor Vergata. Appassionato, sin dall'età più tenera, di calcio, adoro raccontare le storie di “pallone”: il processo che sta portando il ‘tifoso’ sempre più a diventare, invece, ‘cliente’ proprio non fa per me. Nel 2016, ho coronato il sogno di scrivere un libro tutto mio ed è uscito "Meteore Romaniste”, mentre nel 2019 sono diventato giornalista pubblicista presso l'Ordine del Lazio

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Azzardo

Il concetto di gioco d’azzardo, che da sempre affascina la natura umana Un fenomeno che potrebbe ormai essere definito di massa, che cresce di...

Calcio

La storia di Alec Stock, esonerato due volte dall’irriconoscenza Da sempre in bilico e perennemente aggrappato al risultato, la vita dell’allenatore di calcio è...

Azzardo

Se il Covid aumenta la percentuale di giocatori da casa La pandemia non è stata una disgrazia per tutti, ci sono alcuni settori per...

Calcio

Matthew Le Tissier, una scelta da Dio Strano stadio, il vecchio “The Dell”; trentamila anime di gomiti che si strofinavano uno contro l’altro, nei...

Economia

Calcio e trading, pecunia non olet Un binomio che si è rafforzato nel corso degli anni e che, da una nicchia iniziale, è passato...

Calcio

Ranieri, il Leicester e lo zampino di Santa Rita, protettrice dei casi impossibili Compie oggi 69 anni Claudio Ranieri, l’allenatore romano il cui nome...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 14 Ottobre 1979 si svolgeva il primo Gay Pride della storia con una lunga e affollata parata a...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro