Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio e Luxury Tax: Ceferin guarda agli Sport Americani per rendere il calcio più equo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Calcio e Luxury Tax: Ceferin guarda agli Sport Americani per rendere il calcio più equo

Inizia la fase due del Fair Play finanziario. Fase due che di solito è la scusa utilizzata quando la fase uno è stata un completo disastro. 

Ceferin, il presidente della UEFA, è pronto al cambio di marcia sia a livello di sanzioni per chi trasgredisce, attesa tra pochi giorni la sentenza sul Manchester City che potrebbe dare il via ad un clamoroso effetto domino sulle panchine, sia a livello di nuovi regolamenti più duri e indirizzati a un maggior equilibrio del calcio europeo.

Da un bel po’ di tempo la massima federazione calcistica europea sta guardando ai modelli di business americani delle superleghe professionistiche come MLB, NFL. MLS e NBA. 

A cominciare dal progetto della Super Champions League europea proposta da Agnelli fino all’ultima idea, ovvero quella di una luxury tax. Dalla serie se non posso fermare il flusso di soldi delle grandi super potenze, almeno posso indirizzarlo per rendere il gioco più equo. 

Come funziona la Luxury tax?

La Luxury tax è una tassa sul lusso, in questo caso sul prezzo del cartellino dei giocatori e, magari in futuro dopo la costituzione di un salary cap, sugli ingaggi dei giocatori.

Le dichiarazioni di Ceferin al Daily Mail

“Il Fair Play Finanziario è stato istituito solo per evitare perdite. Ha avuto successo ma ora come ci muoviamo? Come lo adattiamo all’equilibrio competitivo?”

“Un club ha bisogno di 180 giocatori sotto contratto? Perché abbiamo bisogno di avere così tanti prestiti? Se compro un giocatore e lo mando in prestito e a 19 anni, posso capire. Ma se ha 32 anni, lo compro solo per indebolire gli altri praticamente“.

“Limitare le squadre è una delle idee, proibire o limitare i prestiti. E pensiamo ancora che una specie di “luxury tax” sarebbe fattibile. Se investi 100 milioni di sterline in più, ne versi altri 100 milioni, che saranno ripartiti tra tutti coloro che rispettano le regole”.

Il modello che sarebbe preso in esame è quello della Major League Baseball o della NBA dove per ogni dollaro speso in più del consentito, in questi casi sugli ingaggi dei giocatori visto che in America ci sono solo scambi di contratti e non di denaro per i cartellini, si pagano da 1,50 dollari fino 3,75 dollari di “multa” (la luxury tax, appunto) per ogni dollaro che eccede il limite consentito (la variazione dipende da quanto si va oltre il tetto massimo, suddiviso per scaglioni).

Il caso fulgido quello dei proprietari russi dei Brooklyn Nets che nel 2013 pagarono 80 mln di dollari di multa per aver sfondato il tetto del cap e che alla fine neanche vinsero nulla.

Un’idea giusta, un tentativo almeno di equilibrare il calcio europeo che speriamo veda la sua attuazione il più presto possibile.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Quando Zinedine Zidane poteva andare al Milan Compie oggi 49 anni Zinedine Zidane, il fenomeno franco algerino, attuale allenatore del Real Madrid, con il...

Calcio

Pierino Prati, il mestiere di far goal Il 22 giugno 2020 ci lasciava Pierino Prati, l’attaccante del Milan e della Roma, campione d’Europa con...

Calcio

A tu per tu con Mauro Suma A Tu per Tu con Mauro Suma, noto giornalista di fede rossonera. Suma inizia la sua carriera...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Nel calcio attuale degli anni 2020 le trattative si fanno sui social con alcuni like o commenti sospetti. È il caso di Cristiano Ronaldo,...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Calcio

L’Orlando City e i seggiolini arcobaleno in memoria della strage del Pulse Il 12 Giugno 2016 nel locale Pulse di Orlando, punto d’incontro della...

Basket

Predrag Stojakovic, il miglior tiro che non sia mai entrato Compie oggi 44 anni Predrag Stojakovic, uno delle mani più educate della Storia Nba....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro