Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio e Luxury Tax: Ceferin guarda agli Sport Americani per rendere il calcio più equo

[themoneytizer id=”27127-1″]

Calcio e Luxury Tax: Ceferin guarda agli Sport Americani per rendere il calcio più equo

Inizia la fase due del Fair Play finanziario. Fase due che di solito è la scusa utilizzata quando la fase uno è stata un completo disastro. 

Ceferin, il presidente della UEFA, è pronto al cambio di marcia sia a livello di sanzioni per chi trasgredisce, attesa tra pochi giorni la sentenza sul Manchester City che potrebbe dare il via ad un clamoroso effetto domino sulle panchine, sia a livello di nuovi regolamenti più duri e indirizzati a un maggior equilibrio del calcio europeo.

Da un bel po’ di tempo la massima federazione calcistica europea sta guardando ai modelli di business americani delle superleghe professionistiche come MLB, NFL. MLS e NBA. 

A cominciare dal progetto della Super Champions League europea proposta da Agnelli fino all’ultima idea, ovvero quella di una luxury tax. Dalla serie se non posso fermare il flusso di soldi delle grandi super potenze, almeno posso indirizzarlo per rendere il gioco più equo. 

Come funziona la Luxury tax?

La Luxury tax è una tassa sul lusso, in questo caso sul prezzo del cartellino dei giocatori e, magari in futuro dopo la costituzione di un salary cap, sugli ingaggi dei giocatori.

Le dichiarazioni di Ceferin al Daily Mail

“Il Fair Play Finanziario è stato istituito solo per evitare perdite. Ha avuto successo ma ora come ci muoviamo? Come lo adattiamo all’equilibrio competitivo?”

“Un club ha bisogno di 180 giocatori sotto contratto? Perché abbiamo bisogno di avere così tanti prestiti? Se compro un giocatore e lo mando in prestito e a 19 anni, posso capire. Ma se ha 32 anni, lo compro solo per indebolire gli altri praticamente“.

“Limitare le squadre è una delle idee, proibire o limitare i prestiti. E pensiamo ancora che una specie di “luxury tax” sarebbe fattibile. Se investi 100 milioni di sterline in più, ne versi altri 100 milioni, che saranno ripartiti tra tutti coloro che rispettano le regole”.

Il modello che sarebbe preso in esame è quello della Major League Baseball o della NBA dove per ogni dollaro speso in più del consentito, in questi casi sugli ingaggi dei giocatori visto che in America ci sono solo scambi di contratti e non di denaro per i cartellini, si pagano da 1,50 dollari fino 3,75 dollari di “multa” (la luxury tax, appunto) per ogni dollaro che eccede il limite consentito (la variazione dipende da quanto si va oltre il tetto massimo, suddiviso per scaglioni).

Il caso fulgido quello dei proprietari russi dei Brooklyn Nets che nel 2013 pagarono 80 mln di dollari di multa per aver sfondato il tetto del cap e che alla fine neanche vinsero nulla.

Un’idea giusta, un tentativo almeno di equilibrare il calcio europeo che speriamo veda la sua attuazione il più presto possibile.

[themoneytizer id=”27127-28″]

 

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Avrebbe compiuto oggi 72 anni Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

La versione di Jorge: il calcio secondo El Filósofo Valdano Il 21 Novembre si festeggia la Giornata Mondiale della Filosofia. Per celebrarla ecco il...

Alimentazione

La dieta nordica: uno studio basato sull’evidenza La dieta nordica include cibi comunemente consumati dalle persone nei paesi nordici. Diversi studi dimostrano che questo...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Calcio

Streaming illegale e IPTV: ecco come funziona il “Pezzotto” e quanto è facile abbonarsi Sono passati pochi giorni dalla maxi operazione della Guardia di...

Calcio

Nils Liedholm: c’era una volta il “Barone” Il 5 Novembre 2007 ci lasciava Nils Liedholm, indimenticabile Barone svedese del calcio italiano. Personaggio unico e...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City “L’acqua limacciosa della memoria, dove tutto ciò che cade si nasconde. Se la...

Altri Sport

Paul Allen: storia del Genio tifoso innamorato dello Sport Genio, rivoluzionario, magnate, filantropo. Non bastano le parole, gli aggettivi. Scrivo. Meglio: pigio i tasti...

Calcio

Edgar Davids, da Panamaribo parte la sua storia di riscatto sociale Nel momento in cui si raccontano delle storie legate al calcio, una delle...

Basket

Shawn Kemp, un potenziale MVP con la testa sbagliata nella Nba degli anni Novanta Spesso e volentieri tanti addetti ai lavori sottolineano quanto sia...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro