Connect with us

Cerca articoli

Calcio

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi

La “Resistenza del Pallone” del Mahatma Gandhi

Il 30 gennaio 1948 veniva ucciso a Nuova Delhi, da un estremista di fede indù, il Mahatma Gandhi, il simbolo della non violenza che portò i suoi ideali anche nel calcio, in prima persona. La chiamarono la “Resistenza del pallone”. Vi raccontiamo in che modo il Mahatma rivoluzionò il calcio in Sudafrica.

Il concetto della “non-violenza” fu sviluppato, nel corso della sua vita, sotto numerosi punti di vista per combattere alcune disuguaglianze assai attuali all’epoca. In questo senso, come però ben pochi sanno, fu fondamentale anche il ruolo del calcio: sport con cui il Mahatma venne in contatto durante il periodo della sua vita trascorso in Inghilterra e, soprattutto, in Sudafrica.

In questo pezzo, noi di Io Gioco Pulito, cercheremo di fare capire quanto abbia inciso il mondo calcistico nel far sviluppare i concetti base della lotta non violenta portata avanti dallo stesso Gandhi. In Sudafrica, tali ideali di libertà, sarebbero stati ripresi da un’altra storica figura, anch’essa conosciuta nel mondo intero: quella di Nelson Mandela.

Il padre indiano della non violenza, per essere precisi, era entrato inizialmente in contatto con il mondo del pallone durante il suo soggiorno in Inghilterra, paese in cui arrivò nel 1886 per completare gli studi. Si laureò infatti, in giurisprudenza, nell’estate del 1891 presso la University College di Londra.

A quel tempo il calcio era nato da poco. Nel 1888, infatti, per essere precisi in data 17 aprile, era stata fondata la Football League: la seconda lega professionistica dell’attuale campionato dell’isola di sua maestà che, ad oggi, risulta essere la più antica competizione a livello di campionato al mondo.

Il calcio, però, si sarebbe rivelato fondamentale durante il soggiorno sudafricano del Mahatma. Tale avventura iniziò nel 1893 quando Gandhi arrivò nella città di Durban, ad appena 23 anni di età, per occuparsi di una causa riguardante una ditta indiana chiamata Dada Abdulla & Company.

Ad accogliere il giovane avvocato indiano ci fu una situazione che mai lo stesso Gandhi si sarebbe immaginato. Infatti, la folta comunità indiana locale, che all’epoca contava circa 150 mila individui, era soggetta ad una forte discriminazione nel paese simbolo dell’apartheid.

Il Mahatma, dopo l’esuberanza iniziale, capì in poco tempo che la situazione che dovevano affrontare i suoi connazionali non era molto diversa da quella che vi era a quell’epoca in India. “Quando la nave è arrivata al molo e ho visto la gente salire a bordo per incontrare i loro amici, ho osservato che gli indiani non erano tenuti in grande considerazione” ci spiega bene lo stesso Gandhi nelle sue memorie dell’epoca.

Lo stesso avvocato, durante i suoi 21 anni trascorsi nel paese, fu più volte attaccato dal punto di vista razziale e segregato visto che faceva parte di una comunità che veniva considerata inferiore.

Le leggi sulla segregazione, infatti, proibivano ad alcune minoranza del paese africano, come indiani, africani nativi e altri popoli di colore, di esercitare i diritti umani fondamentali di cui godevano i padroni coloniali di origine europea. Probabilmente è stato proprio questo fatto a far accendere le braci della giustizia e della libertà nel subconscio del Mahatma.

Lo stesso avvocato decise, in poco tempo, di combattere tali tipi di ingiustizie. Oltre che al pacifismo e al metodo non-violento, Gandhi capì che il gioco del calcio sarebbe stato molto importante per portare a risultati concreti la sua missione.

Per attirare i meno fortunati, il padre dell’indipendenza indiana aveva bisogno di acculturarsi in un ambiente meno fortunato. Il calcio, essendo lo sport per la classe operaia, piaceva alle classi inferiori della società sudafricana ed era per questo perfetto allo scopo del Mahatma.

Tutto questo fece sì che nel 1896 Gandhi, assieme ad un gruppo di altre persone, fondò la Transvaal Indian Football Association. Essa può essere considerata come il primo esempio di associazione calcistica africana non gestita da bianchi.

Inoltre, nel periodo trascorso nel paese australe, il Mahatma ha contribuito alla creazione di ben tre club calcistici nelle tre città più importanti del Sud Africa: Pretoria, Durban e Johannesburg. Tutte e tre i team furono chiamati “Passive Resisters Soccer Club” per mettere ben in risalto il loro spirito antirazzista. In queste squadre, come testimoniato più volte, Gandhi ricoprì un ruolo molto importante per quel che riguarda la gestione.

I team dei “passivi” erano molto attivi dal punto di vista sociale e nel chiedere maggiore equità nella società sudafricana di allora. Tali realtà sportive, infatti, hanno contribuito dal punto di vista sociale in vari modi: ad esempio finanziando le famiglie di attivisti sociali imprigionati oppure organizzando incontri locali per protestare contro l’ingiusto carcere dei loro compagni attivisti. Gandhi infatti, oltre ad essere un appassionato del mondo del pallone, capì che questo sport era un ottimo mezzo per stabilire un dialogo all’interno della società.

Lo stesso fatto che, durante una partita di calcio, si sfidassero due squadre composte da 11 giocatori, fu molto importante. Il padre della indipendenza indiana, infatti, riteneva che questo sport avesse un enorme potenziale per promuovere il gioco di squadra.

Il lavoro sportivo di Gandhi non deve perciò essere considerato inferiore al resto; la sua eredità in questo ambito ha spianato la strada alle vittime della segregazione razziale per praticare sport come hanno fatto i loro padroni coloniali.

Nel 1903 fu addirittura fondata l’Associazione sudafricana del calcio indù. Nel 1910 il Sudafrica riuscì ad ottenere l’indipendenza dalla Gran Bretagna: in questo processo fu fondamentale anche il lavoro del Mahatma.

Nel 1914 Gandhi tornò in India e le squadre calcistiche da lui fondate si sciolsero poco dopo. Altri team di calcio, però, emersero dalle nascenti comunità calcistiche indiane che seguirono sul sentiero tracciato da Gandhi: alcuni esempi possono essere il Moonlighters Football Club o il Manning Rangers FC.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro