Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio e Covid-19: la speranza nei ragazzini

Calcio e Covid-19: la speranza nei ragazzini

Il Covid-19 ha messo in ginocchio il nostro paese. ma i ragazzini che giocano a “pallone” possono aiutare a ritrovarci.  Semplicemente…

Tutto fermo, figli abbandonati al loro destino, genitori al lavoro, scuole chiuse sino a settembre (7 mesi). Potrebbe sembrare una situazione ormai normalizzata ma non lo è e non lo sarà mai.

Pensiamo a tutti i ragazzini italiani che in questo momento non possono giocare con gli altri perché le “norme” non lo consentono.

I nostri “politici” hanno capito che questi ragazzini non ce la fanno più e che sono arrivati ad un livello di sopportazione ormai che sta sfociando nelle patologie più strane?

Riescono, i nostri politici, a immaginare quante ore questi giovani passano sul “cellulare” a perdere tempo e a vivere una virtualità che li sta trasformando in qualcosa che di umano ha sempre di meno?

Io sono convinto che i nostri ragazzi dal 18 maggio usciranno da casa, magari non potranno andare nei campi sportivi, nelle scuole calcio a scimmiottare allenamenti dei calciatori prò. Forse torneremo a vedere per strada o nei parchi (per favore tagliate le erbacce e cacciate i cinghiali) quelle lunghe partite che iniziavano subito dopo pranzo e che finivano subito prima di cena, quando tua madre “disperata” ti chiamava per la quarantesima volta per dirti che la cena era pronta.

Saranno giocate partite senza allenatori, senza arbitri, senza genitori ingombranti. Non ci sarà più un allenatore a comporre due squadre tatticamente preparate per affrontare la difficilissima gara del campionato provinciale Under 15 per scegliere la formazione vincente.

La scelta questa volta sarà fatta da due capitani che rispettando l’ordine decrescente del valore tecnico dei compagni comporranno due squadre equilibrate.

E se i ragazzi sono dispari? Nessuno al giocatore in più, gli darà una casacca di un colore diverso per giocare da Jolly (quello che gioca con tutti e con nessuno) ma semplicemente sarà scelto tra lui e il pallone (famoso palla o scarto).

Tranquilli non ci sarà nessuno psicologo a intervenire per la scelta, a studiare le dinamiche che essere considerato “scarto” comporta …. anche perché dopo un nano secondo lo “scarto” sarà inserito perfettamente a giocare con la squadra con un giocatore in più (superiorità numerica 😊 ). Il colore delle maglie? Pensate che un ragazzino che gioca a “pallone” possa far fatica a riconoscere immediatamente i suoi compagni di squadra (ciaone pscicocinetica 😊 ).

Gli scarpini da 300 Euro?

Lasciati a casa per “giocare” veramente con gli amici puoi anche giocare con le scarpe da 10 Euro, non devi vincere altrimenti l’allenatore ti cambia, non devi convincere l’osservatore che è venuto a vederti che sei un fenomeno, devi soltanto giocare, urlare, “sbucciarti” le ginocchia, abbracciarti con i compagni ma anche litigare per un intervento brusco o per una “busta” di troppo, potrai dribblare correre come e quanto vorrai senza che gli “scienziati” ti mettano il cardiofrequenzimetro e controllino gli spostamenti con il drone.

Quanto tempo?… a volte anche quattro ore. Come torni a casa?

Distrutto, felice, ferito, ma dopo una grande doccia fatta a casa, senza passare al bar del cento sportivo per prendere un integratore e una barretta energetica post sport, puoi tranquillamente raccontare ai tuoi genitori che ti sei divertito e che sei felice.

Questo maledetto Covid-19 ci ha tolto decine di migliaia di affetti importanti, ci ha messo in ginocchio come Paese-economico e come Paese-comunità.

Speriamo almeno che da queste macerie possano rinascere delle generazioni sane che trovino nei semplici valori e regole del “pallone”, la forza per far ripartire questo Paese. Coraggio ragazzi segnare una porta con due sassi in un prato è una cosa fantastica. Ma sarà ancora più TOP (come dite voi) se vi ritroverete come comunità.

A cura di

Da non perdere

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Slavisa Zungul, il Maradona del Calcio Indoor Compie oggi 67 Slavisa Zungul, un nome ed un cognome che a tanti milioni di appassionati di...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

21-6-1978, Argentina-Perù: Marmellata rosso sangue Se è vero che ogni edizione della Coppa del Mondo ha avuto il suo sottoscala, lo sgabuzzino dove si...

Calcio

Calcio e totalitarismo: Quali squadre tifavano i dittatori? Il 25 luglio 1943 terminava il Regime Fascista, ponendo fine alla dittatura di Benito Mussolini, un...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il Madagascar, al giorno d’oggi, è conosciuto per essere la...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 71 anni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Le meteore della Serie A: Adrian Pit, 41 minuti per entrare nella storia della Roma Compie oggi 38 anni Adrian Pit, l’esterno romeno che...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro