Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Calcio e Covid-19: la speranza nei ragazzini

Calcio e Covid-19: la speranza nei ragazzini

Il Covid-19 ha messo in ginocchio il nostro paese. ma i ragazzini che giocano a “pallone” possono aiutare a ritrovarci.  Semplicemente…

Tutto fermo, figli abbandonati al loro destino, genitori al lavoro, scuole chiuse sino a settembre (7 mesi). Potrebbe sembrare una situazione ormai normalizzata ma non lo è e non lo sarà mai.

Pensiamo a tutti i ragazzini italiani che in questo momento non possono giocare con gli altri perché le “norme” non lo consentono.

I nostri “politici” hanno capito che questi ragazzini non ce la fanno più e che sono arrivati ad un livello di sopportazione ormai che sta sfociando nelle patologie più strane?

Riescono, i nostri politici, a immaginare quante ore questi giovani passano sul “cellulare” a perdere tempo e a vivere una virtualità che li sta trasformando in qualcosa che di umano ha sempre di meno?

Io sono convinto che i nostri ragazzi dal 18 maggio usciranno da casa, magari non potranno andare nei campi sportivi, nelle scuole calcio a scimmiottare allenamenti dei calciatori prò. Forse torneremo a vedere per strada o nei parchi (per favore tagliate le erbacce e cacciate i cinghiali) quelle lunghe partite che iniziavano subito dopo pranzo e che finivano subito prima di cena, quando tua madre “disperata” ti chiamava per la quarantesima volta per dirti che la cena era pronta.

Saranno giocate partite senza allenatori, senza arbitri, senza genitori ingombranti. Non ci sarà più un allenatore a comporre due squadre tatticamente preparate per affrontare la difficilissima gara del campionato provinciale Under 15 per scegliere la formazione vincente.

La scelta questa volta sarà fatta da due capitani che rispettando l’ordine decrescente del valore tecnico dei compagni comporranno due squadre equilibrate.

E se i ragazzi sono dispari? Nessuno al giocatore in più, gli darà una casacca di un colore diverso per giocare da Jolly (quello che gioca con tutti e con nessuno) ma semplicemente sarà scelto tra lui e il pallone (famoso palla o scarto).

Tranquilli non ci sarà nessuno psicologo a intervenire per la scelta, a studiare le dinamiche che essere considerato “scarto” comporta …. anche perché dopo un nano secondo lo “scarto” sarà inserito perfettamente a giocare con la squadra con un giocatore in più (superiorità numerica 😊 ). Il colore delle maglie? Pensate che un ragazzino che gioca a “pallone” possa far fatica a riconoscere immediatamente i suoi compagni di squadra (ciaone pscicocinetica 😊 ).

Gli scarpini da 300 Euro?

Lasciati a casa per “giocare” veramente con gli amici puoi anche giocare con le scarpe da 10 Euro, non devi vincere altrimenti l’allenatore ti cambia, non devi convincere l’osservatore che è venuto a vederti che sei un fenomeno, devi soltanto giocare, urlare, “sbucciarti” le ginocchia, abbracciarti con i compagni ma anche litigare per un intervento brusco o per una “busta” di troppo, potrai dribblare correre come e quanto vorrai senza che gli “scienziati” ti mettano il cardiofrequenzimetro e controllino gli spostamenti con il drone.

Quanto tempo?… a volte anche quattro ore. Come torni a casa?

Distrutto, felice, ferito, ma dopo una grande doccia fatta a casa, senza passare al bar del cento sportivo per prendere un integratore e una barretta energetica post sport, puoi tranquillamente raccontare ai tuoi genitori che ti sei divertito e che sei felice.

Questo maledetto Covid-19 ci ha tolto decine di migliaia di affetti importanti, ci ha messo in ginocchio come Paese-economico e come Paese-comunità.

Speriamo almeno che da queste macerie possano rinascere delle generazioni sane che trovino nei semplici valori e regole del “pallone”, la forza per far ripartire questo Paese. Coraggio ragazzi segnare una porta con due sassi in un prato è una cosa fantastica. Ma sarà ancora più TOP (come dite voi) se vi ritroverete come comunità.

Enrico Fabbro
A cura di

Da non perdere

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

A tu per tu con Eleonora Cristiani, tra social calcio e Cosenza Abbiamo intervistato Eleonora Cristiani, volto noto della Serie B. Eleonora, tifosissima del...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 19 febbraio 1961 nasceva Justin Fashanu, il primo calciatore professionista a fare coming out e dichiarare la sua...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro