Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Calcio a 5, Luca Leggiero: “A Pescara le gioie più importanti. Triplete? Ci proveremo”

Pescara respira a pieni polmoni il calcio a 5. La squadra della cittadina adriatica infatti si è aggiudicata, per il secondo anno consecutivo, la Coppa Italia trionfando contro la Luparense nella gara conclusiva delle Final eight disputatasi al Pala Giovanni Paolo II colmo in ogni ordine di posto.

Una squadra, quella del Pescara, che nel corso degli anni ha visto crescere in modo esponenziale i trofei in bacheca e la passione della città verso questo sport al punto che per la Divisione calcio a 5 è la meta prescelta da qualche tempo per le gare di un certo prestigio. Una finale resa ancora più emozionante dalla vittoria dell’Under 21.

Per raccontare questo momento eccezionale, abbiamo dato voce a uno dei protagonisti del Pescara calcio a 5, il difensore Luca Leggiero.

Due vittorie in due anni in Coppa Italia, partiamo da qui?

“Stiamo crescendo con il passare degli anni. Vincere una volta può essere anche una fortuna, ma la seconda vittoria consecutiva nella stessa competizione inizia a significare qualcosa. Cioè che stiamo lavorando bene e il lavoro sta producendo i suoi frutti”.

A inizio stagione vi siete aggiudicati anche la Supercoppa Italiana, pensate al triplete?

“Siamo nelle stesse condizioni dello scorso anno e ci proveremo anche quest’anno. I playoff sono diverse dalla Final eight: tre partite secche contro un percorso più lungo che non ci spaventa. In Coppa Italia eravamo sfavoriti e poi abbiamo vinto e siamo ancora pronti a lottare di partita in partita”.

Domani torna il campionato, come vi preparate al finale di stagione?

“Sì, sabato scenderemo in campo contro il Latina senza pensare ai playoff; il nostro obiettivo è arrivare primi in classifica. Vogliamo mantenere inalterati i punti di distacco dalla Luparense e avere un’occasione e un vantaggio quando finirà la Regular season”.

Dal 2014 in panchina siede mister Fulvio Colini. Che ruolo ha avuto nei successi di questi anni?

“Fondamentale. Io ero a Pescara prima di lui, quando non vincevamo nulla. Dal suo arrivo sono cambiate le cose e mi sono reso conto dal valore in più che ci ha dato. E’ determinante per il gruppo e lo è per me”.

Parliamo un po’ di te. Il calcio a 5 per Luca Leggiero è…

Tutto. Sport, passione, lavoro, gioia. Lo pratico da sempre e sono partito dal basso: lo facevo per tutti i motivi tranne che per lavoro. Poi arrivi a certi livelli e diventa la tua professione; grazie al calcio a 5 ora vivo bene e in allegria. Penso sia il mestiere che tutti vorrebbero fare”.

Dalla Puglia all’Abruzzo: cosa rappresenta per te oggi la maglia del Pescara?

“E’ quella che mi ha dato le gioie sportive più importanti. E’ la mia maglia e difficilmente dimenticherò quanto fatto in questa squadra. In futuro chissà, ci saranno altri colori, ma ora penso solo al biancazzurro”.

Quindi non stai pensando ad appendere le scarpette al chiodo?

“Assolutamente no. Voglio giocare ancora anzi, credo a 33 anni di essere nel momento migliore della mia carriera”.

Pescara e il calcio a 5: un movimento e un rapporto in costante ascesa. Altro successo di pubblico al Pala Giovanni Paolo II. Come ti spieghi questo “amore”?

Il calcio a 5 a Pescara e in Abruzzo è conosciuto ormai da anni merito anche dei successi del Montesilvano. Da qualche tempo credo che anche noi abbiamo contribuito ad amplificare questa passione. Inoltre Pescara è diventata un punto di riferimento importante per tutto il movimento calcio a 5 italiano; una città scelta a cui fanno riferimento dirigenti, società e giocatori. Sono davvero contento di aver trionfato qui non solo perché indosso i colori biancazzurri ma per la stessa città. Al Pala Giovanni Paolo II c’è stato un tifo eccezionale; vincere davanti ai propri tifosi non ha prezzo ma penso che se il trofeo fosse andato agli avversari, l’emozione e la gioia sarebbero state le stesse. E’ la città che genera intensità intorno al calcio a 5”.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Il ciclismo secondo Fabio Genovesi Il ciclismo è da sempre uno degli sport più popolari dello Stivale perché nasce da lontano e di pari...

Interviste

Pantani, Biaggi, Panatta: le relazioni (non) pericolose di Manuela Ronchi Da pochi giorni è uscito il libro di Manuela Ronchi, edito da Gribaudo, Le...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Eventi

Yuliya Mayarchuk torna al cinema con “Mai per sempre”, il nuovo film di Fabio Massa «L’amore è la cosa più importante della mia vita»....

Calcio

Sport, Diritto e Management: Intervista a Raffaele Chiulli, Presidente GAISF Che fase sta vivendo lo sport mondiale? Quali sono le sue prospettive di sviluppo,...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Altri Sport

Pronta a ripartire anche la stagione ciclistica 2020, compromessa integralmente dall’emergenza Covid, che è coincisa con l’inizio della stagione, con un calendario fitto che...

Interviste

70 anni di Adriano Panatta: a tu per tu con la Leggenda del tennis italiano In questa delicatissima fase storica rivedere la luce di...

Calcio

Andrea Carnevale racconta Italia 1990 Il 7 Luglio 1990 con la vittoria per 2 a 1 sull’Inghilterra, l’Italia di Vicini conquista il terzo posto...

Calcio

E’ soprattutto la vittoria di Gennaro Gattuso, il trionfo di un uomo ancora frastornato dal dolore per la morte della sorella. Il Napoli vince...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro