Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Caio Junior e il dono soprannaturale di essere padre

[themoneytizer id=”27127-1″]

Caio Junior e il dono soprannaturale di essere padre

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

In quanti modi un padre può proteggere un figlio? Tanti: tirarlo fuori a mani nude dalle macerie, correre più veloce per andare a riprenderlo ovunque si trovi, fargli capire il bene e il male e guardare quel lampo preoccupante negli occhi che solo chi ama vede di taglio. Poi ci sono quei modi involontari, il puro istinto. Quel quid soprannaturale che dopo ti fa pensare all’esistenza di angeli sporchi di fango e lavoro.

Matheus se lo chiede da quel giorno come suo padre abbia potuto salvarlo senza saperlo. Matheus è il figlio di 28 anni di Caio Junior, allenatore della mitica Chapecoense. La squadra che nel 2016 aveva sorpreso tutti arrivando in finale di Copa Sudamericana, l’equivalente della nostra Europa League. Una squadra operaia, operosa e tosta. Una famiglia in cui tutti si conoscono a memoria dentro e fuori dal campo. Un sogno che si è scontrato con una fin troppo solida realtà di un costone di montagna a Medellin, il 28 novembre del 2016. L’aereo dove viaggiava la squadra precipitò per mancanza di carburante e si salvarono in pochi, troppo pochi, con danni fisici permanenti. Tra questi non c’era Caio. la finale non si giocò. La squadra rivale, il Nacional di Medellin in teoria avrebbe vinto a tavolino, invece assegnò il trofeo alla Chapecoense. La nobiltà del dolore.

E veniamo a Matheus. Nei giorni precedenti quella partenza litiga amorevolmente col padre. Vuole viaggiare con lui per andare a vedere la finale. Il padre non vuole; è sempre stato contrario a far viaggiare familiari con la squadra e comunque la società sta organizzando un volo privato. Alla fine però il viaggio si fa con un volo di linea, Matheus a quel punto dice al padre che farà il biglietto e andrà con loro, Caio cede. Come cedono i padri sfiniti.

Viene il giorno della partenza, in hotel. Otto giocatori vedono l’allenatore prendere un ascensore con il figlio e per rispetto prendono l’altro. Caio e Matheus sono soli. Caio domanda: “hai portato il passaporto?”, Matheus risponde di no, che in mezzo a quel tira e molla se lo è scordato. Caio a quel punto gli dice “non puoi venire con noi, anzi, sbrigati a tornare a casa”. Lo abbraccia forte, gli dice “ti voglio bene, prendi questi soldi per tornare e voglio bene a mamma e a tuo fratello”. A Matheus sembra inusuale quell’affetto. Forse era solo sollievo di non dover badare lui, forse, chissà.

L’aereo precipita e Matheus apprende nella notte della tragedia, 71 morti. A quel punto è solo dolore e una serie di ricordi di figlio che amava il padre al punto da avere imparato da piccolo “Caio” prima di “mamma”. E dopo arriva la consapevolezza dello strano gioco innescato dal destino. Matheus non aveva il passaporto, ma per andare in Colombia il passaporto non serviva. Bastava un semplice documento.

Se uno dei giocatori fosse stato nell’ascensore con loro, avrebbe tranquillizzato Matheus e l’avrebbe fatto partire ma non è andata così e l’amore di un padre si è chiuso con un “ti voglio bene”. E una domanda: in quanti modi conosciuti un padre può salvare la vita al proprio figlio?

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook!

[themoneytizer id=”27127-28″]

Ettore Zanca
A cura di

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Spesso mando ciò che scrivo a una mia carissima amica. Le chiedo di dare un’occhiata perché di lei...

Calcio

Alberto César Tarantini: Corri uomo corri La vita l’ha vista fuggire troppe volte, molte delle quali senza preavviso. Forse per questo oggi gli riesce...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Jorge Carrascosa, il Lupo solitario /Quello che non ho, è una camicia bianca,  quello che non ho, è un segreto in banca  quello che...

Calcio

Ubaldo Matildo Fillol, una vita tra i guanti Compie oggi 70 nni Ubaldo Matildo Fillol, leggendario portiere argentino campione del Mondo con l’Albiceleste nel...

Calcio

La chiamarono la Guerra del Calcio Il 14 Luglio 1969 iniziava quella che viene definita la “Guerra del Calcio” tra Honduras e El Salvador....

Calcio

110 anni di St. Pauli: la storia della Brigata Garibaldi e del calcio dal basso tedesco Molte volte in questo periodo di pandemia da...

Altri Sport

Festa d’Europa: perché alle Olimpiadi non vedremo mai il Team Europe Il 9 Maggio si celebra la Festa d’Europa (Giorno Europeo) per ricordare il...

Calcio

A modo suo: “El Trinche” Carlovich Compie oggi 74 anni Tomas “El Trinche” Carlovich, iconico giocatore argentino che ha sempre preso il calcio, e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro