Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Bufera sul Calcio inglese, Allardyce “pizzicato” ad accettare una tangente per favorire trasferimenti illeciti

Si preannuncia un terremoto nel calcio inglese. Il giornale britannico “The Telegraph” ha inviato dei reporter, sotto copertura, ad un incontro con Sam Allardyce attuale ct della nazionale di sua maestà. Fin qui nulla di strano, ma il peggio arriva proprio qui: durante questi incontri che si sono svolti a Manchester, Singapore e Hong Kong, i reporter si sono finti dei rappresentanti di una società asiatica che voleva “aggirare” le regole della FA sui trasferimenti dei giocatori. I finti investitori hanno offerto un compenso a Sam Allardyce di circa 400 mila sterline che l’allenatore britannico ha accettato.

CONSULENZA- Questi incontri sono stati tutti filmati dai reporter e sono già visibili sul portale del quotidiano inglese. Le 400 mila sterline richieste da Allardyce, sono il corrispettivo della consulenza del ct della nazionale inglese, al fine di eludere le norme della FA che vietano a terzi di possedere i cartellini dei giocatori e trarre profitto dalla compravendita dei diversi giocatori della Premier League. Un problema, quello della proprietà dei cartellini dei calciatori di terze parti nel mondo del calcio, che è stato descritto come “schiavitù”. Questo consente in modo efficace alle aziende di possedere una partecipazione sul cartellino di un calciatore e di lucrarci sopra in maniera illegale. In molti casi sono questi fondi finanziari a pagare la quota per il trasferimento e non il club che acquisisce il cartellino del giocatore, alimentando un sistema poco chiaro e limpido. La FA ha aperto la strada ad una serie di riforme, vietando la pratica nel 2008, seguita poi dal governo mondiale del calcio, la Fifa, solo nel 2015. Durante questi incontri Allardyce ha definito ridicole le regole della Federcalcio britannica e che “Non è un problema aggirarle” aggiungendo che “è ancora possibile ricavare molti soldi grazie a questo meccanismo. Ci girano un sacco di soldi intorno”. L’ex allenatore del West Ham ha poi parlato del trasferimento di Valencia proprio agli hammers qualche anno fa e che si concluse con le stesse modalità che gli venivano proposte dai finti uomini d’affari: “In passato siamo arrivati a Valencia. Era di proprietà di terze parti quando lo abbiamo comprato dal Messico..” lasciando intendere come il trasferimento del giocatore fosse poco trasparente secondo le regole della FA.

NON SOLO MERCATO- Nel corso di questi lunghi incontri Allardyce si è anche lasciato sfuggire qualche giudizio pesante su alcuni protagonisti del calcio inglese come Hodgson che a suo giudizio è stato “troppo indeciso” nei momenti cruciali del campionati europei e soprattutto consigliato male dal suo vice, Gary Neville, che “Dovrebbe sedersi e stare zitto”. Non meno discutibili i giudizi sui giocatori inglesi che vengono definiti “mentalmente fragili e non sono in grado di superare i momenti difficili” come del resto anche il giudizio che Allardyce dà sulla decisione della FA di  riammodernare Wembley definendola semplicemente “stupida”. Un polverone mai visto in Inghilterra che getta pesanti ombre non solo su Allardyce, ma anche sull’intero sistema calcio inglese sembrato già marcio da quella che dovrebbe essere la sua figura più importante del movimento calcistico britannico. Ora Allardyce rischia anche di essere licenziato, perché il contenuto di questi video potrebbe essere preso in considerazione dalla Federcalcio inglese che potrebbe poi decidere quali sanzioni comminare al suo CT, reo senza ombra di dubbio, di aver accettato un accordo di 400 mila sterline da una società esterna al calcio, interessata solo a lucrare in maniera non regolare sui trasferimenti del calciatori. Una serie di video che  la  dicono lunga sulla fibra morale del ct e su come sia ormai prassi cercare di fare di tutto per eludere le regole della FA.

http://www.telegraph.co.uk/news/2016/09/26/exclusive-investigation-england-manager-sam-allardyce-for-sale/

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Web e Tecnologia

Italiani ed uso della rete: numeri in crescita Informazione in rete ed acquisti online: due settori che trainano il dato relativo all’uso della rete...

Calcio

Il Nottingham Forest di Brian Clough in un football che non esiste più Il 20 Settembre 2004 moriva all’età di 69 anni Brian Clough,...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo C’è un tram, della Midlands Metro Service, che ha il nome di un calciatore....

Calcio

Viv Anderson, il primo Leone nero della Storia d’Inghilterra Il 29 Luglio 1956 nasceva Viv Anderson, il calciatore rimasto nella storia dello Sport per...

Calcio

Bert Trautmann: Giocare e vincere con il collo rotto Il 19 luglio 2013 moriva Bert Trautmann, il portiere tedesco che ci ha dimostrato come...

Calcio

Mongolia: come si gioca a calcio nella Città senza sole Mongolia (Монгол улс), Asia orientale. Cuore di quell’immenso territorio che fu l’Impero mongolo forgiato...

Calcio

Shaun Barker e l’importanza di lasciare un buon odore Ricordati di lasciare sempre buon odore. Mio padre me lo diceva spesso. Mi esortava ad...

Calcio

DeFoe e Bradley sulla pelle e nel cuore, per sempre Essere personaggi pubblici per qualcuno comporta un vestito di vanità cucito da sarti spocchiosi....

Calcio

Omosessualità e Sport: nel calcio nessuno è “libero” di amare davvero Il 28 giugno di ogni anno si celebra il Gay Pride, la giornata...

Calcio

Il Liverpool è campione d’Inghilterra, il digiuno lungo trenta, lunghissimi anni, è finalmente finito. L’ultimo titolo dei Reds risaliva al 1990, quando il campionato...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro