Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso

Bruno Pesaola, il Petisso

Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona.

Nato a Buenos Aires da emigrati italiani, Bruno Pesaola venne acquistato dal club partenopeo nel 1952 -arrivava dal Novara- e indossò quella maglia per otto stagioni. Ala sinistra rapida, muscolarmente potente, tecnica raffinata, dribbling veloce, cross al bacio e assist meravigliosi. Da allenatore portò il Napoli (quando militava in Serie B) alla prima Coppa Italia (senza dimenticare due trofei aboliti come la Coppa delle Alpi e la Coppa di Lega Italo-Inglese) della sua storia e al secondo posto in campionato del 1968: dalla sua fondazione, mai il ‘Ciuccio’ era salito sulla piazza d’onore.

Dopo quel piazzamento si trasferì alla Fiorentina, quando ai calciatori viola era stato promesso un premio salvezza. Ma il ‘Petisso’ (piccoletto) capì che quella squadra poteva fare molto di più e così cinquantadue anni fa a Campo di Marte giunse il secondo scudetto. Probabilmente, se la società gigliata avesse continuato a investire sulla squadra, Pesaola avrebbe aperto un ciclo. Non fu così, e al terzo anno in riva all’Arno arrivarono il crollo e l’esonero. Nel 1974 regalò al Bologna la coccarda tricolore, l’ultimo titolo -esclusa Coppa Intertoto del 1998- del club felsineo.

Tornò a Napoli nel 1976 sfiorando la finale di Coppa delle Coppe. ‘Citta nuova’ e il ‘Ciuccio’ erano da tempo nel suo cuore e nel campionato successivo al Mundial ’82 venne chiamato da Corrado Ferlaino -assieme Gennaro Rambone– per ottenere la salvezza. Missione compiuta con tanto di dichiarazione d’amore: “Una gioia più grande anche dello scudetto vinto con la Fiorentina”.

Bruno Pesaola (amante del whisky e delle sigarette), un napoletano nato per caso in Argentina che decise di stabilirsi a ‘Citta nuova’. Nei giorni successivi alla sua morte la Curva B dello stadio San Paolo lo ricordò con il seguente messaggio: ‘Sei il calcio che mi hanno raccontato… Quello di mio padre che io ascoltavo incantato… Parlava di uomini e maglie e di epiche battaglie… Ti ritroverò ogni mattino nei miei sogni da bambino. Addio Petisso’.

Avatar
A cura di

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Paolo Bettini, il Grillo più veloce del mondo In questa pazza stagione agonistica, che si sta svolgendo rigidamente a...

Calcio

Luigi Barbesino, il mistero della morte del campione d’Italia caduto in guerra Tra le storie dimenticate della Serie A, c’è sicuramente quella di Luigi...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Pugilato

Leone Jacovacci, il pugile soldato più forte del razzismo Il 19 aprile 1902 nasceva Leone Jacovacci, il pugile la cui storia sembra una vera...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Altri Sport

Charlie Chaplin: storia di un atleta diventato il più grande comico di sempre Il 16 aprile si celebra il Charlie Chaplin Day per ricordare...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Interviste

A tu per tu con Marco Marfella, ilMenestrelloh del web (e non solo) A Tu per Tu con Marco Marfella, in arte ilMenestrelloh. Marco...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Altri Sport

Garri Kasparov: l’uomo contro la macchina quando l’uomo non era ancora una “macchina” Compie oggi 58 anni Garri Kasparov, il leggendario scacchista russo che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro