Connect with us

Cerca articoli

Storie di Sport

Borg e McEnroe, la storica rivalità diventa un film

Quella finale è stata più che un evento sportivo, è diventata un dramma fantastico da vedere anche per chi non era appassionato di sport”. Così l’attore svedese Stellan Skarsgård, 66 anni, in merito alla storica e indimenticabile finale di Wimbledon del 1980 tra lo svedese Björn Borg e lo statunitense John McEnroe. Il match del famoso tie-break dei 34 punti, è unanimemente considerato la più bella sfida tennistica di sempre. Ed è un aspetto sul quale si concentrerà una pellicola svedese la cui uscita è prevista il  prossimo 9 Novembre. Un film “Borg/McEnroe dove recita anche il già citato Skarsgård (che presta il volto all’allenatore Lennart Bergelin) ma nel quale, soprattutto, sono i due protagonisti a far (già) parlare di loro: Shia LaBeouf (31 anni) nei panni di McEnroe, e il collega svedese Sverrir Gudnason (39 anni), alias Borg. Sceneggiato da Ronnie Sandhal e diretto dal danese Janus Metz, il lungometraggio si concentrerà, dunque, anche sulla rivalità – da Oscar, è proprio il caso di dire – tra due giganti del tennis, senza dimenticare gli aspetti “mondani” (sul set è stata riprodotta una copia del celebre Studio 54 di New York, il night frequentato da entrambi i campioni).

shia-labeouf-john-mcenroe-bjorn-borg

Numero uno per 109 settimane, 64 tornei in carriera (11 Slam), il crepuscolo di Borg – che si sarebbe ritirato nel 1983, quando ancora doveva compiere 27 anni – per sua stessa ammissione, prese il via proprio da quella finale vinta a Wimbledon ben trentasette anni fa. Proprio lì capì che McEnroe era arrivato davvero molto vicino a batterlo. La partita, infatti, si concluse con il trionfo dello svedese che si impose in cinque set sullo statunitense: McEnroe, sotto 2-1, riuscì a vincere il quarto set 18-16 al tie-break, salvo poi cedere alla quinta e decisiva partita vinta 8-6 da Borg. Sul filone dei duelli sportivi come quelli tra Niki Lauda e James Hunt nella Formula 1 (confluiti anche questi in un film, “Rush”, diretto da Ron Howard nel 2013), il biopic Borg/MCEnroe – con la partecipazione anche di Leo Borg, figlio del campione, che interpreterà il ruolo di suo padre da ragazzino – non potrà esimersi dal ripercorre la loro rivalità dentro e fuori dal campo da tennis negli anni 1970 e 1980. Occorre precisare che lo svedese e l’americano hanno il medesimo numero di vittorie in tornei Atp: sette ciascuno. Ma mentre Borg era freddo, pacato e riservato, il “bad boy” McEnroe aveva un temperamento irascibile, sempre pronto a scatenarsi anche contro gli arbitri (celebre il suoYou can’t be seriousrivolto ad un giudice di sedia).

sverrir-gudnason-e-shia-lebeouf-volti-di-borg-e-mcenroe-nel-film

Non stupisce, dunque, la crescente attesa di fan e appassionati in vista dell’uscita del film girato tra Svezia, Londra, Principato di Monaco e New York. Il tennis nel cinema, infatti, è da sempre presente con numerose pellicole – più o meno fortunate – che lo vedono protagonista. Da “Wimbledon” (2004) diretto da Richard Loncraine e liberamente ispirato alla storia vera di Goran Ivanišević, tennista croato che vinse il torneo di Wimbledon nel 2001, a “Match point” (2005) con la regia di Woody Allen a “Gioco, partita, incontro” (1995) di Lee H. Katzin, solo per citarne alcuni.

 


Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Max Baer, la vera storia del “cattivo” antagonista di Cinderella Man Il 21 Novembre 1959 moriva Max Baer, il pugile statunitense divenuto famoso per...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Pugilato

The Rumble in the jungle, Foreman – Ali: Ho visto un Re – Le parole della verità sono toccanti La voce della verità è...

Eventi

Yuliya Mayarchuk torna al cinema con “Mai per sempre”, il nuovo film di Fabio Massa «L’amore è la cosa più importante della mia vita»....

Pugilato

Primo Carnera e il cinema: tre Film da vedere assolutamente Il 25 ottobre 1906 nasceva Primo Carnera, leggendario pugile friulano campione del Mondo dei...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport Il 24 ottobre 1972 moriva Jackie Robinson, il primo afroamericano della storia a debuttare...

Economia

Borsa e finanza, i film più famosi della storia del cinema Un mondo completo quello della Borsa, un mercato particolare da sempre sotto l’occhio...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” Il 14 Ottobre 1979 si svolgeva il primo Gay Pride della storia con una lunga e affollata parata a...

Tennis

Martina Trevisan: la luce che illumina il Tennis Italiano “Quello che non uccide, fortifica” è una citazione molto usata e credo che in questo...

Tennis

Un campione può permettersi di sbagliare? A quanto pare no. Mi riferisco alla ormai nota pallata che Djokovic ha tirato a fondo campo, durante...

Calcio

Sayonara Film è lieta di annunciare che sarà “Les aigles de Carthage” di Adriano Valerio il corto di apertura della 35esima Settimana Internazionale della...

Storie di Sport

Jimmy Connors e quel desiderio indomabile di lottare per vincere Compie oggi 68 anni Jimmy Connors, iconico e fenomenale tennista statunitense. Per celebrarlo vi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro