Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Il Boom dei Videogiochi sulle spalle dei lavoratori

[themoneytizer id=”27127-1″]

Il Boom dei Videogiochi sulle spalle dei lavoratori

Malpagati, precari, costretti a lavorare anche 70 ore a settimana senza sosta. Quello che probabilmente non immaginate è che stiamo parlando di ingegneri, disegnatori, matematici, grafici e programmatori. Tutte mansioni ad altissima specializzazione.

Questo gruppo di semi-schiavi del nuovo millennio sono i Game workers, ovvero tutte le figure dietro la realizzazione dei videogiochi che entrano poi nelle nostre case.

L’industria dei videogame ha fatto registrare un fatturato di 43 miliardi di dollari lo scorso anno, ma le condizioni di chi questi giochi li crea partendo solo dall’idea è medievale: orari impossibili, solo 13 dollari l’ora, vessazione continua e soprattutto il licenziamento una volta che il gioco è uscito in commercio.

Pensate che solo il gioco Call of Duty ha fatto registrare 500 milioni di dollari in vendite nei primi giorni di uscita.

Ora questa piccola nicchia che le persone normali pensava dorata – “Sei il programmatore di Call of Duty? Che figo, ti copriranno d’oro” – sta lottando per avere condizioni migliori e dopo la visita del senatore rosso del Vermont, nonchè candidato forte alle primarie democratiche e probabile nemesi di Donald Trump alle prossime elezioni presidenziali americane, Bernie Sanders, i gamers hanno cominciato a fare qualche passo ufficiale per difendere i loro diritti  tra cui la creazione del sindacato “Game Workers Unite”. Il loro simbolo è un pugno bianco che tiene in mano un joystick su sfondo nero.

Insomma che sia comune, generico o specializzato questa triste storia ci mostra che grazie o a causa delle globalizzazione, in base a come la pensiate, il lavoro sia comunque e ovunque sottopagato e il lavoratore, messo in condizioni infime, sia sempre l’ultimissima ruota del carro. Malgrado i profitti da record.

  [themoneytizer id=”27127-1″]

Emanuele Sabatino
A cura di

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Da non perdere

Calcio

Aye, Mr President! – Quando Donald Trump stava per irrompere nel mondo del Calcio Compie oggi 75 anni Donald Trump, il magnate americano divenuto...

Pugilato

La vera storia di Jack Johnson: un perdono lungo 100 anni Il 10 giugno 1946 moriva Jack Johnson, il primo pugile afroamericano della storia...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Il 25 maggio 1995 moriva Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Motori

Ciao Nicky, il ragazzo normale che diventò Campione del Mondo Il 22 maggio 2017 ci lasciava Nicky Hayden, il campione del Mondo di Motociclismo,...

Calcio

Palestina-Israele, anche il calcio alle prese con l’Intifada Nell’ultima settimana la tensione tra Israele e Palestina ha toccato livelli altissimi, con il vicendevole lancio...

Calcio

Walter Zenga, l’uomo ragno tra i grattacieli di Boston Compie oggi 61 anni Walter Zenga, l’Uomo Ragno, storico portiere dell’Inter, ma anche della Sampdoria...

Altri Sport

Quando Homer Simpson divenne una leggenda (vera) del Baseball Il 19 aprile 1987 viene trasmessa per la prima volta sulla televisione americana una puntata del...

Altri Sport

Jackie Robinson: il pioniere dei diritti degli afroamericani nello Sport «Non sono interessato alla vostra simpatia o antipatia… tutto quello che chiedo è che...

Altri Sport

La “Diplomazia del Ping Pong” Il 10 Aprile 1971 la squadra di ping pong americana e i giornalisti al seguito accettarono l’invito e misero...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Basket

Oral Roberts, i fondamentalisti cristiani cercano la gloria (sportiva) Due eliminazioni eccellenti. E una terza che potrebbe proiettarli nelle migliori otto squadre di basket...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro