Connect with us

Cerca articoli

Azzardo

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione

Bookmakers italiani e stranieri: l’importanza della regolamentazione

Un tema un bel po’ complesso e per il quale si rende necessaria un po’ di chiarezza; d’altra parte siamo nel web, mondo di mezzo dove non sempre le regole vengono seguite ed all’interno del quale lecito ed illecito, talvolta, si sovrappongono; e si parla di bookmakers, terreno scivoloso per tante ragioni.
La differenziazione più evidente quando si entra in questo mondo è quella relativa alla regolamentazione: esistono in sostanza bookmakers regolamentati ed altri che non lo sono. In Italia ci pensa l’Adm a legiferare in materia (Agenzia Dogane e Monopoli). Sul portale dell’Adm sono presenti gli elenchi dei bookmakers autorizzati ad operare in Italia con riferimento al gioco a distanza.

La questione dei bookmakers esteri

Il dibattito acceso da anni è il seguente: scommettere su siti di bookmakers esteri è un qualcosa di legale o no? Ciò in virtù del fatto che la maggior parte degli operatori stranieri ha una licenza estera, di un altro paese, quindi non una rilasciata dall’Adm. Il che crea un conflitto di normative in essere tra quella italiana (sempre facente capo all’Adm) e quelle di altri paesi.
Per dirla in altre parole più concrete e senza girarci troppo intorno, i siti di scommesse con sede all’estero seguono regolamentazioni all’infuori delle frontiere del paese italiano, di conseguenza questi bookmakers non possono esercitare in Italia in quanto non in possesso di consenso locale. Il che non vuol dire che questi operatori, e per chi volesse approfondire è possibile consultare una lista di siti non Aams presente su questo sito, non possano comunque garantire sicurezza o condizioni vantaggiose.

Cosa dice la legge

Il fatto è, che come si diceva in apertura, il web è un terreno complesso all’interno del quale non è facile far rispettare le regole: ed ecco allora che in Italia, non esiste una legge che vieti ad un giocatore di scommettere tramite un bookmaker estero, facilmente accessibile andando semplicemente a collegarsi al relativo sito internet.
In alcune realtà questo avviene, ad esempio paesi come Usa, Cina e Belgio dove è in vigore una normativa tale da impedire formalmente agli scommettitori di puntare tramite siti che abbiano sede in un’altra area commerciale. In Italia invece lo si può fare tranquillamente, tutto ciò che viene usato come deterrente è la consapevolezza di rischi e di mancanza di garanzie che il giocatore deve (o sarebbe più giusto dire, dovrebbe) conoscere.

Operatori regolamentati e non

Ed è importante che gli scommettitori italiani siano a conoscenza di questo aspetto, che sappiano riconoscere bookmaker regolamentati e non regolamenti; operatori anche residenti all’estero e con licenza di altro paese ma pur sempre sicuri, rispetto ai tanti con sede in paesi improbabili (spesso paradisi fiscali) che operano in modo scorretto, come si è visto svariate volte a seguito dell’emergere di truffe legate alle scommesse sul calcio (ne avevamo parlato in un nostro precedente articolo).
La domanda che a questo punto in molti potrebbero porsi è: ma se i bookmakers all’estero non possono offrire, al giocatore italiano, garanzie e sicurezza, perché vengono così tanto cercati? La risposta è piuttosto semplice e concreta: molti utenti vengono attratti dalle offerte e dai vari bonus che i bookmakers mettono a disposizione, spesso molto più allettanti di quelli offerti dagli operatori italiani Aams. È indubbio che i vantaggi proposti da siti di scommesse offshore siano numerosi rispetto ai bookmakers di scommesse sportive locali.
Ma come sempre in Italia si è scelto di non scegliere: i bookmakers che operano all’estero non sono vietati, sono facilmente raggiungibili oggi tramite la rete, ma, in sostanza, si va a dire che il loro utilizzo è vivamente sconsigliato in quanto potrebbe non essere sicuro.

 

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro