FIFA GATE: Blazer vuota il sacco : “ Tangenti dal 1992”

Inizia la lettura
2 mins read

Le parole di Chuck Blazer sono come un fulmine in una giornata già temporalesca. Non bastassero gli arresti dei giorni scorsi, l’interessamento in prima persona di Jerome Valcke e le relative dimissioni del rieletto Blatter, ci ha pensato l’ex numero 2 della Federcalcio statunitense, nonché  ex segretario generale della CONCACAF ( Federcalcio Nord e Centro Americana e dei Paesi Caraibici) a buttare benzina su un fuoco che sicuramente farà fatica a spegnersi. Blazer, collaboratore dell’FBI dal 2013, ammette che gli alti organi della FIFA hanno preso tangenti dal 1992 per i Mondiali in Francia del 1998 e conferma quanto emerso nei giorni precedenti in merito alle “bustarelle” per l’assegnazione della manifestazione iridata del 2010 in Sudafrica a partire dal 2003.

Nel frattempo, l’FBI alza il tiro e punta la lente di ingrandimento sulla regolarità della selezione dei Paesi ospitanti i Mondiali del 2018 e del 2022, Russia e Qatar.

Alle indagini americane, si va ad aggiungere l’emissione di “red notices”, mandati di arresto ed estradizione, da parte dell’Interpol per 6 personaggi che orbitano nell’universo calcistico, con l’accusa di “criminalità organizzata e corruzione”. In questo gruppo, il posto d’onore è riservato a due ex top manager della FIFA : Jack Warner, ex vice Presidente della Federazione ed ex Presidente della CONCACAF, e il paraguaiano Nicolas Leoz, ex membro del Comitato esecutivo della FIFA.

Cosa ci aspetta il futuro, solo Dio lo sa. Anzi, solo Blazer lo sa.

 

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articoli recenti a cura di

Tutti a Tir…ah, no

Tutti a Tir…ah, no Visto dall’alto, sembra uno di quei plastici della Lego esposti nei negozi