Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Una bionda sugli Sci, Sofia Righetti: “Lo sport aiuta a sentirci vivi”

Spesso ci chiediamo se lo sport e la disabilità possano davvero essere due termini quasi speculari, o se invece chi è costretto in sedia a rotelle o è bloccato da qualsiasi problematica fisica (o mentale) sia destinato a vivere lo sport solo attraverso quella scatola magica chiamata tv. La risposta a queste domande la dà Sofia Righetti, classe 1988, segni particolari: una forza della natura. Brillante, vivace, amante del rock e vegana convinta, Sofia non è solo una grande donna ma anche un’atleta paralimpica di gran spessore. All’età di cinque mesi a causa di un’ischemia midollare dovuta ad un errore chirurgico, perde l’uso delle gambe. Nonostante la sua vita inizi – di fatto – su una sedia a rotelle, la Righetti sviluppa una passione particolare: quella dello sci alpino, nata nel 2012, dopo aver visto alcuni filmati di atleti paralimpici di quell’anno che partecipavano agli X games Invernali, categoria Sitting. Sofia si mette allora in contatto con l’atleta Tommaso Balasso che diventerà poi il suo primo allenatore e che la aiuta a lavorare sul suo corpo, permettendole di concretizzare la sua passione per lo sci alpino anche a livello agonistico.

Nel 2014 Sofia diventa Campionessa Nazionale di Sci Alpino, vincendo la medaglia d’oro in slalom gigante e la medaglia d’argento in slalom speciale. In un’intervista rilasciata a Lettera43, la Righetti spiega perché ha scelto di specializzarsi proprio in questo sport: «Perché è uno sport aggressivo, veloce, elettrizzante, individuale nonostante il lavoro col team che c’è dietro… è come suonare la chitarra elettrica».

Essere sportivi in un mondo dove serpeggia ancora l’idea che un corpo debole e fragile non sia adatto ad attività fisica di qualsivoglia genere, si può fare: secondo la filosofia della sciatrice lo sport, l’allenamento costante, la voglia di arrivare ma soprattutto credere fino in fondo alle proprie capacità, portano lontano. Questo è secondo Sofia uno dei motivi che fa delle Paralimpiadi e – in generale – dell’istituzione di categorie sportive per disabili un mezzo attraverso cui l’atleta torna a credere nel proprio corpo.



Attraverso la pratica sportiva paralimpica è possibile riscattare l’identità sociale di chi viene visto solo come disabile, rivoluzionando l’immagine che di solito si ha di chi vive un handicap: quella di svantaggiati. Sempre a Lettera43 la Righetti dice: «gli atleti delle Paralimpiadi e delle Special Olympics fanno mangiare la polvere a chi si ritiene “normodotato”». La ricetta per fare sport però, comprende non solo buone dosi di coraggio e costanza ma anche di concentrazione, cattiveria, adrenalina e ancora concentrazione. A questo si aggiungono avere la mente lucida e i muscoli scattanti. Lo sport ricorda la sciatrice, è soprattutto divertimento: senza questo elemento fondamentale, si perderebbe l’essenza stessa di ogni attività, amatoriale o agonistica che sia.

Un corpo vivo, dunque, pulsante, così lo racconta Sofia. Questo è ciò che lo sport permette di fare, aiutando tutti, ma soprattutto chi non crede più in sé, a recuperare fierezza e forza. Qualsiasi sport si pratichi, qualsiasi corpo si abbia, senza eccezioni.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Basket

Brandon Roy, il raffinato killer dalle ginocchia di cristallo Ha compiuto ieri 38 anni Brandon Roy, uno dei talenti più forti della NBA recente,...

Altri Sport

A tu per tu con Igor Cassina, il ginnasta venuto dallo spazio Con mille imprevisti e diecimila difficoltà siamo arrivati alla partenza di questa...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

Storia di un pallone da calcio che è andato nello Spazio Il 20 luglio 1969 per la prima volta nella storia l’uomo raggiungeva la...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Ripetuto volteggio fra apice e baratro, la vita di Nadia Comăneci si è sviluppata quasi fosse...

Snooker

La caccia a Steve Davis non ha tregua anche se il nuovo sovrano, il GOLDEN BAIRN, ha già legittimato sul campo il sorpasso nei...

Calcio

Mandela Day: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni ll 18 Luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, il presidente sudafricano che è...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Altri Sport

A tu per tu con Francesco Attolico, l’Airone azzurro della pallanuoto Momenti frenetici a Tokyo dove a giorni sta per partire la trentaduesima edizione...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro