Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Bebe Vio, la Regina della Resilienza

Bebe Vio, la Regina della Resilienza

Compie oggi 24 anni Beatrice Vio, per tutti Bebe, un esempio per tutti, nello Sport e fuori. Il nostro tributo alla Regina della Resilienza.

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Si voleva suicidare. Così dissero i genitori. Quando apprese dell’amputazione degli arti non voleva più vivere.

Beatrice Vio. Per gli amici Bebe. Una ragazza solare e splendida. Bebe è molto brava, è campionessa mondiale di fioretto e medaglia d’oro e non si sa quante altre cose ancora. Se la si invita a cena non è raro vederla presentare col tacco 8. Un fenomeno di forza atletica, visto che con le flessioni batte anche i palestrati. Il suo fiore all’occhiello è aver battuto Valentina Vezzali. Proprio lei. Nostra signora della scherma. l’ha sconfitta 10 a 7. Bebe è speciale. Da piccola infatti, ha avuto una meningite fulminante, con una serie di necrosi che le hanno fatto perdere quattro arti. Ci vollero 42 giorni di isolamento in camera iperbarica per capire quanto si era propagata la setticemia, ci vollero dosi di anestetico da cavallo per poter fare trapianti di pelle dalla schiena ai monconi di braccia e gambe.

“Ogni giorno dovevo fare una lista di quello che mangiavo e una lista da uno a dieci del male che provavo. Non dicevo mai dieci perché pensavo che ci sarebbe stato sempre qualcosa di peggio. Sono arrivata a nove e mezzo quando mi hanno tolto la pelle dalla schiena. Ho un flash in cui mi vedo come dall’angolo in alto della camera, il letto appoggiato contro il muro, un letto durissimo, e io che grido: «Nove e mezzo!». Poi mi hanno dato un letto ad aria, cioè un letto che aveva un buco nel centro e una ventola sotto, e ho cominciato a soffrire di meno.”

Bebe è senza braccia e senza gambe, combatte con l’uso di protesi. E vince. Unica a duellare senza il braccio armato nella sua categoria paralimpica, la B, ovvero quella di chi è privo dei quattro arti. Le piacciono le sue cicatrici, quasi quanto le sue medaglie, non riesce a vedersi senza“Come non riuscirei a vedermi con le gambe a tirare di fioretto”, dice.

Quando si allena lo fa con un vigore tale da dire lei stessa col sorriso: “prima o poi le spacco queste protesi”. Ha sempre saputo che sarebbe tornata a tirare di scherma anche senza braccia e senza gambe, pure quando i dottori, come dice “mi hanno quasi sputato in faccia quando ho detto che volevo tornare a gareggiare”. Bebe è uno degli esempi portati dagli psicologi che parlano di resilienza. La capacità di alcuni esseri umani di adattarsi alle circostanze che la vita impone tirando fuori risorse inaspettate.

E non è speciale per quello che la vita le ha tolto, ma per quello che le ha dato, molto prima di essere crudele con lei. Qualcosa di molto più radicato degli arti. Voleva suicidarsi, arrivava a nove e mezzo nella soglia del dolore per non dire mai dieci, sapendo che sarebbe stato peggio. Ora lamentiamoci del lunedì mattina, se ne abbiamo ancora il coraggio.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook.

A cura di

Da non perdere

Storie di Sport

Uruguay 1930, l’inizio di tutto (dove successe di tutto) Il 30 luglio 1930 terminava la prima edizione dei Mondiali di calcio della storia, con...

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Ieri 28 luglio ricorreva il giorno in cui nasceva nel lontano 1925 Bruno Pesaola, argentino di nascita, napoletano d’adozione. Il...

Calcio

Chilavert non si giudica dalla copertina Compie oggi 56 anni José Luis Chilavert, leggendario portiere del Paraguay. Per celebrarlo vi raccontiamo un aneddoto davvero...

Calcio

Sandor Kocsis, una storia nella Storia Continuiamo a commettere l’errore di giudicare la storia di una vita dalla sua durata, senza mai fermarci a...

Calcio

Mercoledì 18 giugno 1986: El Buitre è tutto qui. Quattro reti, quattro perle. Un poker di istantanee che racchiudono l’identikit calcistico di Emilio Butragueño....

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Ieri 19 luglio nasceva nel 1953 Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Giacinto Facchetti: Tre, come Treviglio Tra i tanti primati del calcio italiano, ce n’è uno, sempre passibile di aggiornamenti, incrociando le dita, che gli...

Calcio

Armando Picchi: cuore, sangue e anarchia Il suo nome nel cuore dei vecchi interisti è sinonimo di leggenda. Il suo ricordo è legato all’Inter...

Altri Sport

Michael Phelps: lo Squalo che doveva solo essere capito Compie oggi 36 anni Michael Phelps, da molti considerato il più grande nuotatore di sempre....

Calcio

Chiedi chi era Masinga Il nostro tributo a Phil Masinga, simbolo dei Bafana Bafana, scomparso 2 anni fa, che oggi avrebbe compiuto 52 anni....

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro