Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Baseball, i Red Sox sul tetto d’Italia: a Paternò la vittoria è di tutta la comunità

Sognare non costa nulla. Poi, un giorno, succede che quel sogno è lì a pochi passi ma provare a raggiungerlo costa, a volte tanto. Ed è proprio in quel momento che ti rendi conto davvero quanto valgono quei sacrifici fatti in silenzio, in tempi non sospetti. E a Paternò, un comune ai piedi dell’Etna di quasi 50 mila abitanti, a un certo punto si sono resi conto in tanti che il sogno di quei ragazzi del baseball (disciplina poco diffusa in Sicilia) andava difeso e sostenuto. Oggi la festa per quel sogno diventato realtà è giustamente di tutti ma soprattutto la loro.

I Red Sox Paternò sono campioni d’Italia di baseball: dopo le due gare d’andata perdute malamente in trasferta in siciliani hanno ribaltato il risultato nelle tre gare di ritorno, tra le mura amiche. La festa è doppia perché il successo non è stato costruito solo in campo.

Neanche una settimana fa, infatti, la storia dei paternesi, che giocano in un impianto sportivo privato e sono costretti a fare i conti con un budget economico piuttosto ridotto, sembrava a un passo dal finale drammatico.

Siamo a un passo dal sogno e a un passo dal baratro” aveva detto il presidente dei Red Sox Paternò, Nunzio Botta, richiedendo un intervento alle istituzioni e agli imprenditori locali per un sostegno economico perché “non avevamo preventivato di arrivare ai play off e dunque ci sono state altre trasferte e altre spese non messe in conto, abbiamo preso un’altra mazzata economica per affrontare la trasferta a Imola (semifinale scudetto, ndr) e dunque immaginate quella di Bollate. Storicamente il Sud nel baseball ha vinto pochissimo perché c’è un gap notevole perché il numero delle società e degli atleti da noi è inferiore. Nel 2010 abbiamo conquistato uno scudetto nelle giovanili. Adesso vogliamo scrivere la storia con i grandi”.

E dunque alla vigilia della finalissima con il Bollate, la città aveva risposto presente partecipando a una colletta e onorando i sacrifici fatti da diverse stagioni dai ragazzi guidati dal manager Riccardo Messina.

Il sindaco di Paternò, Mauro Mangano, era stato tra i primi promotori della raccolta fondi: “Abbiamo lanciato un appello che in pochi giorni ha raccolto alcune risposte positive, imprenditori che daranno un contributo economico straordinario per aiutare i Red Sox e sostenere Paternò, anche noi della giunta stiamo partecipando, ancora non abbiamo raggiunto l’obiettivo, però, ci vuole più entusiasmo”.

A dimostrare la sua vicinanza nel momento decisivo della stagione era stato anche il presidente regionale della Federazione italiana baseball Michele Bonaccorso, che aveva sostenuto come le istituzioni siciliane dovrebbero “mettere a pari condizioni tutte le regioni d’Italia, per esempio azzerando il costo delle trasferte per quelle società che per motivi sportivi agonistici federali devono obbligatoriamente partecipare a gare a livello nazionale”.

Affrontata e scollinata in qualche modo la montagna di natura economica e data parola al campo, i Red Sox Paternò hanno perso malamente a Bollate e ribaltato a proprio favore nelle tre gare di ritorno tra le mura amiche, conquistando storicamente lo scudetto.

Il sogno è diventato realtà – dice commosso il manager Riccardo Messina -. A conclusione di una serie di 5 partite di livello stellare i Red Sox Paternò si laureano Campioni d’Italia battendo i campioni uscenti del Bollate. I ragazzi hanno giocato alla perfezione dal primo all’ultimo inning di gara 5 concedendo veramente poco agli avversari. Nelle ultime due partite addirittura non concedendo nessun punto ai lombardi. In una cornice di pubblico splendida i Red Sox Paternò hanno ribaltato lo svantaggio di due gare e conquistando l’agognato scudetto 2016”.

[foogallery id=”9367″]

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

A tu per tu con Luigi Mastrangelo, il “Muro” azzurro Abbiamo avuto il grande piacere di intervistare Luigi Mastrangelo, grandissimo ex pallavolista azzurro. Di...

Altri Sport

Sport e Prostituzione: da Campionesse a Escort, Suzy & Florica, atlete “d’alto bordo” Il sogno di ogni atleta, qualunque disciplina egli pratichi, è quello...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano la «prima» dello Snooker in Italia (sesta ed ultima parte): l’era di Steve Davis La finale del Gallia...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano, la «prima» dello snooker in italia (quinta parte): un duello in punta di stecca All’EXCELSIOR HOTEL GALLIA, di...

Storie di Sport

Walter Bonatti: la solitudine e la grandezza del “Re delle Alpi” Si festeggia oggi la giornata internazionale della montagna per sensibilizzare sul tema della...

Storie di Sport

Andrea Gaudenzi, il cuore e la racchetta Il 4 dicembre 1998 va in scena una delle partite più emozionanti della storia del tennis nostrano,...

Calcio

Tommaso Maestrelli, l’allenatore che parlava agli uomini Il 2 dicembre 1976 ci lasciava prematuramente Tommaso Maestrelli, l’allenatore il cui valore andava ben oltre il...

Altri Sport

Armin Zöggler: a tu per tu con il Cannibale del ghiaccio In questa anno balordo il momento  delicato dovuto alla seconda ondata Covid  ha...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

EURO 2012: la grande illusione La tradizione calcistica che accompagna il nostro paese è una delle più longeve e vincenti della storia di questa...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

1942: quando la Seconda Guerra Mondiale NON fermò il calcio Il 5 aprile del 1942 allo Stadio Luigi Ferraris di Genova, dopo  sedici lunghi...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro