Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Barcellona 1936: le Olimpiadi Popolari dell’Utopia che non ci sono mai state

Barcellona 1936: le Olimpiadi Popolari dell’Utopia che non ci sono mai state

Le Olimpiadi di solito, dalla loro prima edizione dell’era moderna ad Atene nel 1896, ci vengono presentate come uno degli ultimi eventi mondiali “in grado di unire i popoli del globo”. Purtroppo, però, questo spirito di unione non ha caratterizzato tutte le edizioni dei giochi a cinque cerchi svoltesi finora.

Nel 1936, ad esempio, i giochi olimpici si svolsero, per l’XI volta, a Berlino: una città che solamente pochi anni prima era stata eletta ufficialmente come capitale del Terzo Reich nazista. Purtroppo, le idee folli portate avanti da Adolf Hitler e dai suoi seguaci non resero quell’evento sportivo un’occasione di fratellanza tra i popoli, anzi.

Furono infatti molti i limiti imposti a determinate categorie di atleti. Per citare qualche esempio concreto, possiamo ricordare che gli atleti ebrei tedeschi, con l’unica eccezione della fiorettista H. Mayer, vennero esclusi da qualsiasi disciplina; agli atleti africani, invece, fu permesso di partecipare solo sotto le bandiere dei loro dominatori coloniali.

Nonostante tutto l’evento olimpico organizzato dal “genio creativo” di Goebbels, sotto lo sguardo compiaciuto del Führer, portò anche qualche delusione ai nazisti. Ricordiamo, a tal proposito, l’impresa del velocista afro-americano Jesse Owens che, come descritto da noi di Io Gioco Pulito in un precedente articolo, riuscì a portare a casa ben quattro medaglie d’oro.

Oltre alle sconfitte sul campo c’è chi cercò di boicottare le Olimpiadi berlinesi non presentandosi proprio: ad esempio la Spagna e l’URSS non inviarono alcun loro atleta. Ma la protesta non si fermò qui.

Il Fronte Popolare spagnolo, assieme al governo autonomo della Catalogna, tentò infatti di organizzare una sorta di contro-manifestazione dell’olimpiade ufficiale. Questo evento venne denominato “Olimpiade Popolare” e si sarebbe dovuto tenere nella città catalana di Barcellona dal 19 al 26 luglio 1936.

Tale olimpiade, che doveva terminare 6 giorni prima l’inizio della kermesse nazista, almeno nelle intenzioni iniziali degli organizzatori, cercava di contrastare in tutto e per tutto la sua omologa berlinese. Doveva rappresentare una occasione di confronto sportivo “senza nazioni” e senza nazionalismi, dove l’unica bandiera sarebbe stata quella rossa e l’unico canto l’Internazionale.

Alla fine furono circa 6000 gli atleti, provenienti da 22 nazioni del mondo, che accettarono di recarsi in terra catalana per gareggiare. Altra differenza, con le Olimpiadi ufficiali, era rappresentata dal programma che comprendeva, oltre alle classiche discipline sportive, anche competizioni di scacchi, danza popolari, musica e teatro.

I fronti popolari dei vari paesi cercarono insomma di contrastare i fascismi e totalitarismi dilaganti in varie zone d’Europa dal punto di vista sportivo. Lo sport stesso, d’altronde, non era più considerato, a sinistra, come un «vizio borghese».

Per questi presupposti, alcuni le hanno descritte come le “olimpiadi dell’utopia”. Questo perchè, a Barcellona, si tentò di mettere in mostra un mondo ideale che contrastava, sotto numerosi punti di vista, quello reale che stava avviandosi in ben altra direzione.

Purtroppo le Olimpiadi Popolari non si tennero mai per un fatto storico assai conosciuto: lo scoppio della Guerra Civile Spagnola. Il 17 luglio 1936, solamente due giorni prima l’apertura a Barcellona, il generale Francisco Franco attuò il golpe fascista contro il governo iberico dando il via, in maniera ufficiale, al conflitto più sanguinoso della storia spagnola recente.

A ricordo di quei giochi mai disputati rimangono pochi manifesti, qualche foto e il valore di molti atleti che rimasero in Spagna a tentare di resistere all’avanzata franchista. A Barcellona, al posto della cerimonia di apertura dei giochi, si alzarono le barricate per difendere la libertà e la democrazia.

Chissà magari le sinistre del tempo avrebbero avuto modo di creare un fronte più solido contro quegli ideali che fecero scoppiare, neanche 10 anni dopo, un conflitto catastrofico come la Seconda Guerra Mondiale. Ma essa, come si dice in questi casi, “è tutta un’altra storia”.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

L’Ajax, la squadra del ghetto perseguitata dall’antisemitismo nazista Il 25 Febbraio è una data storica per la città di Amsterdam. In questo giorno, nel...

Pugilato

Max Schmeling contro Joe Louis: Terzo Reich contro Stati Uniti  Il 2 febbraio 2005 moriva Max Schmeling, il pugile tedesco che, suo malgrado, divenne...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste La storia di Istvàn Tòth e Géza Kertész è una di quelle che...

Calcio

Erno Erbstein, storia di un uomo che sapeva allenare Per il Giorno della Memoria vi raccontiamo la storia di Erno Erbstein, leggendario allenatore del...

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Il 23 Gennaio 1939 moriva in circostanze misteriose Matthias Sindelar, il fenomeno austriaco che con il suo gesto...

Pugilato

Johann Trollmann, il pugile sinti che prese a pugni il Nazismo Il 27 Dicembre 1907 nasceva ad Hannover, Johann Trollmann, il pugile sinti, la...

Calcio

Ikurriña e rivoluzione: la partita di calcio che cambiò la Storia del popolo basco Il 5 dicembre 1976 si giocò una partita che cambiò...

Altri Sport

Werner Seelenbinder, il lottatore rosso Il 24 ottobre 1944 moriva Werner Seelenbinder, il lottatore simbolo sportivo della resistenza al nazismo. Per ricordarlo vi raccontiamo...

Calcio

Real – Barca, Mas que Futbol: Storia, Calcio, Politica e Identità del Clasico Si gioca oggi alle 16 la sfida più sentita di Spagna,...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Il viaggio di Javi Poves: la storia di un calciatore anti-sistema Ha compiuto da poco 34 anni Javi Poves, il talento spagnolo che a...

Calcio

Il calcio ai tempi di Francisco Franco Il 29 settembre 1936 Francisco Franco viene nominato Generalísimo de los ejércitos de Tierra, Mar y Aire e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro