Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Azionariato Popolare: anche il Governo si impegna a riportare il calcio ai tifosi

[themoneytizer id=”27127-1″]

Azionariato Popolare: anche il Governo si impegna a riportare il calcio ai tifosi

Un emendamento al Ddl Delega sullo sport appena approvato apre la possibilità a quel sogno proibito di diventare, anche se in minuscola parte, proprietario del club del cuore. Il famoso azionariato popolare.

L’emendamento presentato da Daniele Belotti, Lega, dovrà poi essere approvata con decreto attuativo ma è comunque un piccolo passo in avanti con la mission di riportare lo sport più popolare, anche nella sua forma professionistica, in mano ai tifosi favorendo la coesione sociale e la partecipazione dal basso nella vita dei club.

Queste le parole del deputato leghista: “La riforma contiene obiettivi di grande rilevanza, tra i quali, come tifoso ci tengo a sottolineare, la novità introdotta da questa legge che prevede, per la prima volta, l’istituzione di un organo di rappresentanza dei tifosi; un collegio da 3 a 5 membri eletti ogni tre anni dagli abbonati che parteciperà, pur senza diritto di voto, alle assemblee dei soci, proprio perché l’abbonato, di fatto, è come un azionista, non è solo un cliente. 
Per motivare questa nostra scelta, basta solo un dato: 145 fallimenti di società di calcio dalla A alla serie D negli ultimi 15 anni. Un numero impressionante che ha umiliato decine di migliaia di tifosi, intere comunità, colpite al cuore e alla schiena da presidenti speculatori che hanno fatto solo i loro interessi o peggio, i alcuni casi, hanno usato il calcio per riciclare denaro sporco. E’ un primo passo verso l’azionariato popolare nel calcio sul modello spagnolo e tedesco oltre che per la responsabilizzazione delle tifoserie per arginare la violenza negli stadi”.

In Europa, il modello è abbastanza diffuso, molti sono i club in cui piccoli singoli azionisti, in genere tifosi, posseggono il 100% della proprietà o una quota di questa. In Germania è stata introdotta nel 1998 la regola del 50+1 che prevede l’obbligo che la maggioranza delle azioni sia in mano ai supporter:  le squadre possono comunque scegliere di mettersi sul mercato entrando in borsa con le quote spesso raccolte da imprenditori o aziende locali.

In Spagna la situazione è più netta: o una squadra è totalmente in mano ai privati che possono quindi acquistare anche tutte le quote della società o è invece un’associazione no profit in mano ai propri soci, con la regola “un socio un voto” in sede di assemblea come nel caso di Real Madrid e Barcellona. 

Anche in Inghilterra, i tifosi hanno sempre più un contatto diretto con le società di calcio, entrando in organigramma con rappresentati o avendo una struttura che lavoro in sinergia con le strategie del club.

In Italia qualche tentativo è stato fatto ma senza effetti, ora però c’è uno spiraglio di luce in fondo al tunnel sperando che questa lodevole proposta non rimanga solo tale.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Emanuele Sabatino

Nato a Roma nel 1990, anno delle notti magiche. Ex giocatore di basket, nonostante gli studi in legge, dopo una lunga parentesi personale negli States, decide di seguire la sua passione per lo sport e per il giornalismo. Giornalista iscritto all'albo, da quattro anni vice caporedattore di GiocoPulito.it, speaker radiofonico a Tele Radio Stereo e co-conduttore a TeleRoma 56.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Campioni del mondo! Gli azzurri di Mancini riportano a casa…il titolo non ufficiale “Campioni del mondo! Grazie alla rete di Nicolò Barella gli azzurri...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Ikurriña e rivoluzione: la partita di calcio che cambiò la Storia del popolo basco Una bandiera, nel panorama calcistico attuale, è una delle basi...

Calcio

Coppa del Bicentenario: quando i SuperEroi del Team America sfidarono il Mondo Nell’estate del 1976, in territorio statunitense, il mondo del calcio diede vita...

Calcio

I fantasmi di Gary e Robert Avrebbe compiuto oggi 43 anni Robert Enke, il portiere tedesco la cui tragica storia lo accomuna ad un...

Altri Sport

Barcellona 1936: le Olimpiadi Popolari dell’Utopia che non ci sono mai state Le Olimpiadi di solito, dalla loro prima edizione dell’era moderna ad Atene...

Calcio

Il Derby di Mostar tra nazionalismo, religione, politica e odio A Roma, molte volte, quando si gioca la partita tra Roma e Lazio, si...

Altri Sport

L’indipendenza basca e il ciclismo: Iban Mayo e la macchia arancione L’indipendenza basca è un capitolo della geopolitica che ha legami con l’origine sconosciuta...

Calcio

10.380 km di passione: Luch Vladivostok vs Baltika Kaliningrad, la trasferta più estrema al Mondo “Maciniamo i chilometri, superiamo gli ostacoli…”: è questa una...

Altri Sport

Gimondi contro Merckx, la rivincita dell’Eterno Secondo nell’Inferno del Montjuïc Il 16 agosto 2019 ci salutava Felice Gimondi, eroico ciclista italiano. Per ricordarlo vi...

Calcio

Erano i mondiali di calcio del 2002. La partita era Italia – Messico. Io ero in ospedale con mio padre. Lui odiava il calcio....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro