Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Azeglio Vicini, ad avercene

Azeglio Vicini, ad avercene

Il 30 gennaio 2018 ci salutava per sempre Azeglio Vicini, storico allenatore dell’Italia ai Mondiali 90. Un grande uomo, le cui doti morali erano talmente grandi da mettere in secondo piano quelle da tecnico, altrettanto eccelse.

Azeglio Vicini non fu solo l’allenatore della nazionale ai mondiali del 1990. Ebbe la felice intuizione di lanciare Totò Schillaci in quelle “notti magiche”, ma anche uno dei primi a capire che Baggio era da far giocare assolutamente, uno che, come diceva lui: “faceva sembrare facili anche le cose più difficili”. Fu un gran signore, un buon Caronte, capace di portare la Nazionale da una epoca in cui l’allenatore si sceglieva in federazione, alla scelta esterna, che dopo di lui sarà con Arrigo Sacchi. Ma anche piccole perle, che ne fanno capire le sue competenze calcistiche.

Nel 1992, salva il Cesena, nella prima e unica volta in cui si mette in discussione davvero come allenatore di club. Poi, dopo un piccolo tentativo con l’Udinese, dice basta. Fece anche arrabbiare indirettamente Bearzot. 8 ottobre 1986, l’Italia appena presa da Vicini, gioca una amichevole contro la Grecia. Dentro quella squadra c’è un campione del mondo da molto giovane, ma con due grandi baffi, ai tempi. Tanto da sembrare più grande ed essere soprannominato “zio”. Beppe Bergomi. Il vecchio CT, Bearzot, lo ha fatto esordire in nazionale e lo adora, ma gli muove un piccolo rimprovero, non segna mai. Italia – Grecia termina 2-0, doppietta di Beppe Bergomi. Lo zio incontra Bearzot a partita finita, che gli dice “ah ma allora a me lo facevi apposta!!”.

Addio ad un allenatore che avrebbe meritato ben più di un terzo posto ai mondiali.

Ettore Zanca
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Altri Sport

Mistero Pantani: storia di una morte ancora tutta da chiarire Ieri abbiamo ricordato Marco Pantani, in occasione della ricorrenza della sua morte che ancora...

Pugilato

LaMotta – Robinson: Il Massacro di San Valentino Il 14 febbraio del 1951, nel giorno degli innamorati, non ci fu amore tra pesi medi...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Para e basta. Para più che puoi. La parte del corpo coinvolta non conta: para ed esulta....

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore Il 6 febbraio 1945 nasceva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro