Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Auguri Davide

Auguri Davide

Avrebbe compiuto 35 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato quattro anni fa, sconvolgendo il calcio italiano. Il nostro tributo a un ragazzo che ci mancherà per sempre

Sarebbe bello per i morbosi trovarti una macchia. Qualcosa fuori posto. Una frase poco felice. Invece no. Eri un ragazzo come si deve. E lo si vede dal cordoglio totale, omogeneo come una viscosità che fa bene. Ogni partita non uscivi con le stimmate del campione. Ma il tuo l’avevi fatto e lo facevi pure bene. Mai sbavature. Non eri Nesta, ma di sicuro dalle tue parti non si passava facilmente.

Sapere che prima di una giornata normale, di un campionato normale, in una trasferta normale, saresti stato speciale, nessuno se lo aspettava. Soprattutto non così. Non per un arresto cardiocircolatorio. Se ne sono accorti perché tu, sempre preciso, non eri ancora a fare colazione. Durante la notte qualcosa ha deciso che a 31 anni era venuto il tuo momento.

Quando successe a Piermario Morosini, pensavo ad un commissario tecnico superiore, qualcuno che convocava i giocatori per la loro dedizione, il loro impegno, il loro cuore. Già, il cuore, ha tradito anche te, Davide Astori. Capitano della Fiorentina, ora centrale della squadra più forte mai esistita. Divertiti, lassù, con Piermario e tutte le stelle più lucenti.

A trovarti una cosa, sì, c’è. Quando hai saputo che era nata tua figlia sei corso subito in ospedale mollando l’allenamento della squadra e i compagni basiti che pensavano ad un malore. No, correvi da tua figlia. Perché diamine, prima il padre, poi, molto poi, il giocatore. Ciao Davide.

A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Pugilato

Chi era Jackie McCoy, eroe silenzioso nel rumoroso mondo della boxe Il 15 gennaio del 1997 moriva di cancro Jackie McCoy, per quarantasei lunghi...

Calcio

“La strage e il miracolo – 23 giugno 1994, la Mafia all’Olimpico”: la partita che poteva cambiare tutto “La strage e il miracolo –...

Storie di Sport

Bjorn Borg, l’uomo di ghiaccio vissuto nell’eccesso Il 22 Gennaio 1983 annunciava il suo ritiro (sarebbe poi tornato nel 1991, senza lasciare traccia) il...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon Compie oggi 59 anni Hakeem Olajuwon, fenomenale cestista di origini nigeriane, due volte campione NBA con gli Houston...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Motori

Gilles Villeneuve, l’eterno poeta innamorato del limite /E volta nostra poppa nel mattino,/ Dei remi facemmo ali al folle volo/ Sempre acquistando dal lato...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

Mario Jardel e quei saluti calorosi sotto la curva sbagliata Con il calciomercato invernale nel vivo, riviviamo la storia di un bomber dal grande...

Pugilato

Muhammad Ali, in principio fu la bicicletta Quale ragazzino, negli anni Cinquanta, non avrebbe desiderato una bicicletta Schwinn? Una di quelle così belle e...

Calcio

Ventiduesima giornata spezzettata come al solito (questa sera si disputeranno Bologna-Napoli, Milan-Spezia e Fiorentina-Genoa). La prima tranche verteva sul posticipo serale tra Atalanta e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro