Connect with us

Cerca articoli

Eventi

Arriva Jeremias Rodriguez all’Atlantic City e i fan vanno in visibilio

Occhio vispo, sorriso strafottente e fisico da calciatore. Lui è Jeremias Rodriguez, l’ex  inquilino del Grande Fratello vip che adesso non è più solo il fratellino di Belen ma brilla ormai di luce propria. E ha tanti motivi per essere soddisfatto. Uno su tutti l’amore della sua famiglia interamente riunita in Italia, paese che ama e che ha ormai conquistato il suo cuore. E adesso, dopo la parentesi all’interno della casa più spiata d’Italia, si prepara per nuovi impegni senza tralasciare le tante ospitate in tv e serate dove non si risparmia. Come lo scorso 24 febbraio, una data che è già evento. Un sabato targato naturalmente Atlantic City, il locale notturno per antonomasia dove le sorprese e i personaggi noti non mancano mai. Un locale che riesce, grazie all’ottimo team e all’efficiente organizzazione di Antonio Giordano e del gruppo partner di questi eventi con vip, “Belli freschi”, a realizzare delle serate che fanno sempre centro. Non si contano le macchine, migliaia di persone aspettano Jeremias. Tutto è perfetto per il suo arrivo: dalla location alla sicurezza fino alla musica, grazie all’ottima gestione del proprietario Claudio Panarello che, ancora una volta, dopo Eva Henger, Cecilia Rodriguez e Jack Vanore, (tanto per citarne alcuni) mette a segno l’assist vincente. E lui arriva. Jeans e giubbotto: si è presentato così all’Atlantic City, con quell’aria irriverente ed il sorriso disarmante. Insieme a lui c’è l’immancabile manager di vip e tronisti Gianluca Russotti. Tanti i nomi del suo management: da Cecilia Rodriguez a Francesco Monte, passando per Eva Henger, Mariano Catanzaro, e il tanto discusso Fabrizio Corona, per citarne alcuni. I due si fanno largo tra la folla e raggiungono la consolle dove Jeremias saluta i fan. Poi toglie il giubbotto e resta con la maglietta. Ha il tatuaggio con la scritta Santiago in bellavista.

Gli bastano pochi minuti per trasmettere tutto il suo buon umore e la simpatica “esse” vibrante. Perché, alla fine, Jeremias è proprio così come lo vedi: simpatico, frizzante, a tratti sfacciato quanto basta e pungente. Si lascia andare a balli sfrenati tra la folla, tanti abbracci e baci. Selfie all’infinito. «Sono qui solo per questo. Sono qui per stare con voi» esclama. E ancora saluti, autografi, strette di mano. Potresti persino proporgli di bere un drink insieme e direbbe di sì. E in quello sguardo irrequieto, illuminato da lampi di ironia, ogni tanto fa balenare una dolcezza che genera molta curiosità. Lasciandosi un passato turbolento alle spalle, di cui fa fatica a parlare – «Ho fatto molti errori in passato», Jeremias sembra aver trovato la sua dimensione. E adesso, a 29 anni, dopo aver conquistato l’Italia con il suo carattere contradditorio ma schietto, l’affetto della gente non cenna a diminuire, come è accaduto in Sicilia. Foto con tutti, balli, abbracci, e autografi. Gli basta una risata di pancia e un sorriso. Il buon sangue argentino non mente. E la gente impazzisce. C’è persino chi prova ripetutamente a baciarlo. «Questa città mi ha accolto con un calore immenso, la gente è davvero molto calorosa, come tutta la Sicilia», mi dice con una leggera inflessione argentina nella esse. E tra una domanda e l’altra, non smette di chiedermi: «Sei fidanssata?».

E anche se sembra vivere cogliendo l’attimo, sul suo futuro sembrano già accendersi i riflettori di “Uomini e donne”. Sarà il nuovo tronista?

Jeremias Rodriguez non è stato l’unico ospite dell’Atlantic City. Prima di lui, Eva Henger, Cecilia Rodriguez,  il nazionale Jack Vanore, Andrea Melchiorre e Amedeo Andreozzi. E ancora Nicolas Saint Jean, campione del mondo di flair. Un modo per animare la movida calatina e in questo, i gestori dell’Atlantic City, grazie all’organizzazione di “Belli Freschi” e al Gianluca Russotti Management sono imbattibili. Una gestione che funziona, attenta soprattutto a soddisfare le esigenze della clientela; un team straordinariamente affiatato ed una sicurezza impeccabile. Un mix vincente.

Angela Failla
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

I leggendari 1.140 minuti dello Swindon Town dalla Third Division alla gloria di Wembley Il calcio è uno sport meraviglioso e niente entusiasma più...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 25 settembre 1913 nasceva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Altri Sport

Un Gentiluomo chiamato Larry Lemieux: quando per vincere devi perdere Il 24 Settembre 1988 alle Olimpiadi di Seul, Larry Lemieux, un uomo che a...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Altri Sport

Perché corro alla Maratona di New York Il 13 settembre 1970 si correva la prima edizione della Maratona di New York, quest’anno rimandata a...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Inchieste & Focus

L’Altra Faccia di Pyongyang: la Corea del Nord e lo Sport “organico” di Kim Jong Un Oggi, 9 Settembre, si celebrano in Corea del...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Calcio

#Prequel, prima del Professionismo: Intervista a Nick “Dinamite” Amoruso In occasione dei suoi 46 anni compiuti oggi, vi riproponiamo l’intervista a Nick Amoruso nella...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Avrebbe compiuto oggi 79 anni Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue doti...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia “Corri, Forrest, Corri!” La celebre frase del Film Forrest Gump, interpretato da Tom Hanks nel 1994,...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro