Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Argentina Flop: la speranza non si chiama Messi ma Nigeria

La sconfitta per 3-0 contro la Croazia ha creato un clima irrespirabile all’interno dello spogliatoio della Seleccion. Ferma ad 1 punto, pareggio con l’Islanda con errore di Messi dal dischetto, dopo due partite la banda di Sampaoli dovrá vincere l’ultima partita ma potrebbe non bastare. Oggi alle 17.00 va in scena Islanda-Nigeria e l’Argentina per avere completamente il destino nelle proprie mani all’ultima giornata ha bisogno solo di un risultato: la vittoria della Nigeria.

Dovessero vincere gli africani la classifica a 90 minuti dal termine sarebbe: Croazia 6, Nigeria 3, Argentina ed Islanda 1. Una vittoria degli argentini all’ultima, a meno di sorprendente vittoria dell’Islanda contro la Croazia, lì farebbe passare agli ottavi. In caso di pareggio tra Islanda e Nigeria si entrerebbe nel pericolo biscotto: Croazia 6, Islanda 2, Argentina e Nigeria 1. La Croazia sarebbe comunque prima e potrebbe “decidere” di perdere contro l’Islanda per far fuori Messi & co. Dovesse vincere l’Islanda, Argentina quasi giá in volo nel burrone. Croazia 6, Islanda 4, Argentina 1, Nigeria 0.

Un pareggio permetterebbe alla Croazia di rimanere prima e all’Islanda di passare il turno. Se Islanda e Argentina arrivano a pari punti? Scontro diretto terminato in paritá quindi differenza reti. La seleccion ha -3 mentre l’Islanda al momento 0. Comela giri la giri situazione complicata per l’Argentina che deve sperare nella partita di oggi e nello specifico nella Nigeria. Chi pensa male, come il sottoscritto per natura, si aspetta un arbitraggio pro-Nigeria per togliere un pò le castagne dal fuoco a Messi e compagni. Agirá la classica mano invisibile del calcio mossa da poteri forti e soldi degli sponsor?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 12 maggio 1975 nasceva, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti conosciuto...

Snooker

Stephen Hendry, l’inizio del dominio (seconda parte) In  casa Hendry tutto fila per il verso giusto, così almeno sembra e i ragazzi crescono bene,...

Calcio

Zavarov, lo ‘Zar’ che girava in Duna e sognava la pace Compie oggi 60 anni Oleksandr Zavarov, l’uomo scelto dalla Juve per rimpiazzare Platini,...

Calcio

Ruud Krol a Napoli, anche libero va bene In una foto al porto di Napoli, in mezzo a due pescatori e con una grossa...

Calcio

La rivincita di Igor Akinfeev Compie oggi 35 anni Igor Akinfeev, il portiere russo che agli ultimi Mondiali si è preso una rivincita attesa...

Altri Sport

A tu per tu con Giovanni “Johnny” Pellielo, la Leggenda del Tiro a Volo Fasi decisive per il mondo dello sport in generale che...

Calcio

Le partite degli altri: l’ultima volta della DDR Aggrappati a un gol, impensabile ancor più che imprevisto, di Jürgen Sparwasser, quando le spartane maglie...

Calcio

René Houseman, “El Loco Impresentable” Il 22 Marzo 2018 ci lasciava Renè Houseman, Campione del Mondo 1978 con la sua Argentina, scomparso  per un...

Calcio

Giuseppe “Nanu” Galderisi racconta Messico 1986 Per i 58 anni compiuti oggi da Nanu Galderisi, vi riproponiamo l’intervista in cui ci raccontò la sua...

Calcio

Il paradiso e l’inferno in un colpo solo: la Nigeria ai Mondiali 1998 La Nigeria a Francia ’98: quel sogno infranto dal poker danese....

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro