Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Argentina Flop: la speranza non si chiama Messi ma Nigeria

La sconfitta per 3-0 contro la Croazia ha creato un clima irrespirabile all’interno dello spogliatoio della Seleccion. Ferma ad 1 punto, pareggio con l’Islanda con errore di Messi dal dischetto, dopo due partite la banda di Sampaoli dovrá vincere l’ultima partita ma potrebbe non bastare. Oggi alle 17.00 va in scena Islanda-Nigeria e l’Argentina per avere completamente il destino nelle proprie mani all’ultima giornata ha bisogno solo di un risultato: la vittoria della Nigeria.

Dovessero vincere gli africani la classifica a 90 minuti dal termine sarebbe: Croazia 6, Nigeria 3, Argentina ed Islanda 1. Una vittoria degli argentini all’ultima, a meno di sorprendente vittoria dell’Islanda contro la Croazia, lì farebbe passare agli ottavi. In caso di pareggio tra Islanda e Nigeria si entrerebbe nel pericolo biscotto: Croazia 6, Islanda 2, Argentina e Nigeria 1. La Croazia sarebbe comunque prima e potrebbe “decidere” di perdere contro l’Islanda per far fuori Messi & co. Dovesse vincere l’Islanda, Argentina quasi giá in volo nel burrone. Croazia 6, Islanda 4, Argentina 1, Nigeria 0.

Un pareggio permetterebbe alla Croazia di rimanere prima e all’Islanda di passare il turno. Se Islanda e Argentina arrivano a pari punti? Scontro diretto terminato in paritá quindi differenza reti. La seleccion ha -3 mentre l’Islanda al momento 0. Comela giri la giri situazione complicata per l’Argentina che deve sperare nella partita di oggi e nello specifico nella Nigeria. Chi pensa male, come il sottoscritto per natura, si aspetta un arbitraggio pro-Nigeria per togliere un pò le castagne dal fuoco a Messi e compagni. Agirá la classica mano invisibile del calcio mossa da poteri forti e soldi degli sponsor?

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Interviste

A tu per tu con Antonio Cairoli Abbiamo avuto l’onore e il piacere di intervistare Antonio Cairoli, uno dei più grandi piloti di motocross...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Dominique Rocheteau, elegante anarchia – L’operaio si lava le mani prima di pisciare e l’intellettuale dopo – Jacques Prévert I cliché che riguardavano la...

Calcio

Cesare Maldini: il simbolo di un calcio che non c’è più Il 5 febbraio 1932 nasceva Cesare Maldini, compianto allenatore di un calcio che...

Altri Sport

A tu per tu con Rossella Fiamingo Abbiamo avuto il piacere di intervistare Rossella Fiamingo, campionessa di scherma nella specialità spada. Medaglia d’argento alle...

Calcio

Mané Garrincha: quando l’oro era gratis Il 20 gennaio 1983 ci salutava Manè Garrincha, il fenomeno brasiliano scomparso neanche cinquantenne per cirrosi epatica ed...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro