Connect with us

Cerca articoli

Viaggi e Turismo

Anzio, la dimora di Nerone

Situata a una sessantina di chilometri da Roma, Anzio rappresenta una meta comodissima per i vacanzieri che provengono dalla Capitale, dai Castelli Romani, da Latina e Frosinone. E’ un luogo ricco di storia, basti pensare che Nerone, conosciuto per aver dato l’ordine di incendiare Roma, nacque ad Antium, territorio che comprendeva le attuali Anzio e Nettuno. Il suo amore per questo  luogo prese letteralmente forma a Ponente della città, dove l’Imperatore Romano fece costruire un porto ad uso e consumo esclusivo della sua famiglia. A poche centinaia di metri di distanza, dirigendosi verso ovest, si possono tuttora visitare le suggestive Grotte di Nerone, scavate nella roccia che lambisce il mare. Gli imperatori della dinastia Giulio-Claudia la visitavano frequentemente (ad Antium nacque anche Caligola). Qui, inoltre, Cicerone riorganizzò i resti delle sue biblioteche una volta tornato dall’esilio.

Riprendendo la marcia dalle Grotte verso Nord e percorrendo la SP601 ci troviamo alla nostra sinistra Tor Caldara, torre di avvistamento della seconda metà del ‘500 e ora Riserva Naturale Regionale caratterizzata da una mineralizzazione solfifera e da una foresta che si affaccia sul mare. La spiaggia di Levante è invece un buon rifugio quando il Maestrale, durante le giornate estive, diventa troppo fastidioso. Il mare di Anzio detiene un prestigioso record: è l’unico nella provincia di Roma a fregiarsi della Bandiera Blu nel 2019.

Ad Anzio sorgono raffinate palazzine in stile liberty costruite ai primi del ‘900 e alcune eleganti ville cardinalizie, edificate tra il seicento e l’ottocento, come Villa Albani, Villa Sarsina e Villa Adele. La città portuale, nel corso del secolo scorso, è stata uno dei luoghi simbolo di un momento cruciale della Seconda Guerra Mondiale. E’ qui che il 22 gennaio del 1944 sbarcarono gli Alleati nel tentativo di sorprendere e aggirare la linea Gustav dei tedeschi. Ed è tra Anzio e Aprilia che il padre del leader storico dei Pink Floyd, Roger Waters, perse la vita nella campagne di Aprilia, insieme a tanti altri giovani soldati sbarcati al porto. Roger aveva pochi mesi quando il padre partì per la guerra. Dopo 70 anni, quando aveva ormai perso le speranze è riuscito a ritrovare la tomba di suo padre. Ad Anzio è stato accolto con una toccante cerimonia nel 2014. A lui è stata conferita la cittadinanza onoraria mentre a suo padre è stato dedicato un monumento. Il Museo dello Sbarco, non a caso, è uno dei luoghi da visitare ad Anzio, così come il Museo Civico Archeologico.

Anzio, il regno della cucina a base di pesce

Se vuoi mangiare il pesce in mille modi ad Anzio devi andare. Non è un proverbio ma un invito esplicito a provare la cucina portodanzese (o anziate) in uno dei tantissimi ristoranti sparsi lungo tutto il territorio. L’antica tradizione marinara della cittadina è ben radicata, qui la pesca è ancora una delle attività più dinamiche ed è praticata da una flotta di quasi 100 pescherecci. Tra i ristoranti più rinomati non si può non citare “Romolo al Porto”, una tappa fissa per gli amanti della cucina a base di pesce, un ritrovo abituale anche per chi non è del posto, situato sulla banchina centrale. Accanto c’è “Porto Innocenziano”, un altro ristorante meritevole di considerazione, mentre per chi vuole abbinare un’ottima cena di pesce a una meravigliosa vista sul mare il ristorante “Da Alceste” è l’ideale.

Più in generale bisogna essere sfortunati per mangiare male ad Anzio, tra le decine di ristoranti che con i loro profumi inebriano la città con piatti di cotto e crudo di pesce. Tra i piatti tipici della cucina anziate sono da provare gli spaghetti con alici e pecorino romano, un connubio tra mare e terra, la minestrina di mare alla portodanzese e la zuppa di pesce.

A cura di

Da non perdere

Viaggi e Turismo

T•SPACE è una community di viaggiatori alla continua scoperta dell’identità culturale e naturalistica dei territori con cui si interfaccia, attraverso esperienze incentrate sul senso...

Calcio

Ezio Sclavi, il portiere senza ruolo Quando nel 1919 il quattordicenne Fulvio Bernardini arrivò al campo della Lazio (sarebbe poi diventato un’icona giallorossa da...

Calcio

Il Campionato Romano di Guerra: il calcio a Roma durante e dopo l’occupazione nazista Il 5 giugno 1944 a Roma si respirava un’aria nuova...

Calcio

Chiamatelo Garellik: La storia di Claudio Garella Compie oggi 66 anni Claudio Garella, iconico portiere del Napoli Campione d’Italia, famoso per il suo modo...

Calcio

16 Maggio 1976: una “Scheggia” e una salvezza per l’ultimo atto della Lazio di Maestrelli Reso famoso dall’incipit di uno dei romanzi più celebri...

Calcio

Don Mario De Ciantis: un prete al calciomercato Una preghiera e una trattativa. Don Mario De Ciantis: dall’altare alle stanze del calciomercato. Signore e...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Il 30 aprile 1989 ci lasciava uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone....

Economia

Società italiane di calcio quotate in Borsa, andamento degli ultimi mesi Tra le società quotate in Borsa, da tempo, ci sono anche alcuni dei...

Alimentazione

Dieta senza glutine: una guida per principianti È sempre più praticata, a volte per necessità altre volte per moda, da un numero crescente di...

Calcio

Francesco Acerbi: storia di una rinascita Compie oggi 33 anni Francesco Acerbi, colonna difensiva della Lazio, la cui storia, oggi più che mai, ci...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Il 18 Gennaio 1977 se ne andava Luciano Re Cecconi, iconico...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro