Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

FIFA GATE: Andrew Jennings, l’uomo che ha “incastrato” Blatter

“Signor Blatter, lei ha mai preso un tangente?”. Siamo nel 2002. Blatter è stato appena rieletto per il secondo mandato alla Presidenza della FIFA. Il giornalista di turno non è uno a caso, ma Andrew Jennings, scozzese, 71 anni, professione reporter d’inchiesta free lance. Il ruolo del personaggio in questione ricopre una posizione chiave nella maxi indagine condotta dall’FBI.

E’ lo stesso Jennings ad affermarlo il giorno dopo l’ondata di arresti che ha portato il fermo di 7 dirigenti ai vertici del calcio mondiale, nel giugno scorso: attraverso il suo profilo Twitter dichiara di aver consegnato documenti necessari all’FBI per dare inizio all’inchiesta sulla FIFA. Ed è lo stesso organo statunitense a darne conferma attraverso il quotidiano Washington Post.

Andrew Jennings non è un reporter improvvisato: possiamo affermare che abbia dedicato gran parte della sua vita professionale ad indagare e far emergere tutte le ambiguità che hanno sempre contraddistinto la Federazione calcistica mondiale e, in particolare, il modus operandi del suo numero 1 più famoso, per l’appunto, Joseph Blatter.

A testimonianza di tutto ciò, i suoi report su BBC Panorama, datati 2002 e 2006, dove Jennings aveva portato alla luce un giro di tangenti per l’aggiudicazione della competizione mondiale. Tangenti destinate, guarda caso, al colonnello svizzero. Ma il mastino scozzese non si è limitato a questo: dal 2002, conduce un’inchiesta sulle operazioni della ditta di forniture di materiale di abbigliamento ISL, International Sports and Leisure, facendo emergere che l’azienda, tra il 1992 e il 2000 avrebbe pagato oltre 36 milioni di euro a Joao Havelange, al tempo numero 1 della FIFA, e a Ricardo Teixeira, Presidente della Lega Sudamericana di calcio, al fine di ottenere la fornitura di materiale sportivo a FIFA, CIO e IAAF.

Ora che Blatter sta lentamente uscendo di scena dal panorama calcistico mondiale, Jennings individua nel presidente ad interim fino alle nuove elezioni, Domenico Scala, italo svizzero, “l’ennesimo bugiardo”, riassumendo il tutto con l’epiteto “pupazzo pagato da Blatter”. Non a caso, Jennings sta lavorando su un film che avrà come protagonista proprio Scala, accusato, dal reporter scozzese, di non aver adempiuto al ruolo, quando occupava la poltrona di Presidente dell’Audit and Compliance Committee, l’organo di revisione e vigilanza interno alla FIFA, non condannando  e non portando alla luce l’operato della Federcalcio mondiale.

Infatti, il nome di Scala compare, anche, in uno dei suoi libri intitolato con una parola derivata dal lessico italiano, che è già tutto un programma: Omertà- Sepp Blatter’s Fifa organised crime family, del 2014.

In merito alle parole di Jack Warner, già indagato per la tangente di 10 milioni a lui consegnata per il voto della Concacaf nell’aggiudicazione dei mondiali in Sudafrica del 2010, il quale additava l’FBI e le autorità statunitensi di portare avanti l’indagine FIFA al fine di sostituirsi alla stessa al comando delle Federcalcio internazionale, Andrew Jennings risponde alla sua maniera, concisa ma molto chiara : “E’ una stronzata”.

social banner

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Sono le 14,30 del 12 luglio 1998. Parigi. Non un città qualsiasi, né una giornata qualsiasi. In quel...

Altri Sport

A tu per tu con Isolde Kostner, la leggenda dello sci azzurro In questo caotico ed indecifrabile momento che sta vivendo il Paese, tra...

Calcio

Nobby Stiles: l’anti-divo che arrivò sul tetto del mondo Se pensiamo al grande Manchester United e all’Inghilterra Campione del Mondo, ci vengono in mente...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Snooker

Quella sera al Gallia di Milano, la «prima» dello snooker in italia (quinta parte): un duello in punta di stecca All’EXCELSIOR HOTEL GALLIA, di...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu – Non spiegherei la felicità a un bambino. Gli darei un pallone. – Dorothee Solle Qualcuno pensò, in fondo a ragion...

Calcio

Ciao Madiba: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni Il 5 Dicembre 2013 ci lasciava Nelson Mandela, uno degli uomini più...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Sandro Mazzola racconta Messico 1970 Sandro Mazzola fu uno dei calciatori più rappresentativi dell’Italia vicecampione del mondo nel 1970. Coprotagonista con Gianni Rivera della...

Calcio

Kasper non ha paura Compie oggi 34 Kasper Schmeichel, il portiere danese del Leicester che ha dovuto convivere tutta la sua carriera con la...

Altri Sport

Stefania Belmondo: a tu per tu con la “Trapulin d’oro” dello sci italiano Il mondo dello sport riparte con fatica tra la seconda ondata...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro