Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Andrea Janni, il “Gambe d’asparago” granata

Come Gigi Riva, anche Antonio Janni subì un grave incidente alla gamba con la maglia della Nazionale contro l’Austria a Vienna. Accadde nel 1929 e cinque anni prima contro la Germania aveva patito un altro infortunio. Parliamo di un giocatore che nel 2013 sul Guerin Sportivo Matteo Dotto ha inserito al 26° posto tra i 100 di sempre del Torino.

Una vita in granata, prima come mediano e poi come centrocampisti. In riva al Po i bianconeri Boniperti, Charles e Sivori formavano il ‘Trio delle meraviglie’. Ve ne era stato anche uno torinista composto da Adolfo Baloncieri, Julio Libonatti e Gino Rossetti, ma ben presto ci fu una correzione: da trio a poker di uomini, perché dietro ai funambolici attaccanti vi era lui, Janni.

In granata dal 1920 al ’37 conquistò uno scudetto (senza dimenticare quello revocato del 1927) e una coccarda tricolore. Di lui Vittorio Pozzo scrisse: “Janni vuole bene al suo Torino e sa che non si combatte che per la gloria di una bandiera o di una divisa. Sente questo dovere di gregario, sacrificando non il suo avvenire ma il personale successo del momento. E per questo l’amore suo verso la Società che l’ha accolto e l’ha inoltrato nei primi passi è ricambiato dai dirigenti e tifosi con quella spontaneità che costituisce il sogno più nobile di quei sentimenti che affratellano tutti i componenti della vasta famiglia granata, una famiglia eccezionalmente numerosa e che non è compresa tutta e solamente nella lista sociale”. Ha anche allenato il Toro, portandolo nel 1943 allo scudetto -subentrato a stagione in corso- e alla Coppa Italia.

Ponendo quindi le basi del ‘Grande Torino’. Da tecnico del Varese aveva segnalato Franco Ossola al presidente granata Ferruccio Novo.

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Il senso di Lukaku per la vita Compie oggi 28 anni Romelu Lukaku, il colosso belga dell’Inter. Le sue battaglie in campo sono lo...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe Il 12 maggio 2001 moriva, a Rio de Janeiro, Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 12 maggio 1975 nasceva, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti conosciuto...

Calcio

Ebrima Darboe, il sogno di una cosa – E poi, e poi Gente viene qui e ti dice Di saper gia’ Ogni legge delle...

Calcio

Bob Marley: il Reggae nella mente, il Calcio nel cuore L’11 maggio 1981 moriva il leggendario cantante reggae Robert Nesta Marley. Da tutti conosciuto...

Altri Sport

A tu per tu con Agostino Abbagnale, la Leggenda oltre il destino Buone notizie dal canottaggio azzurro che ha concluso gli Europei di aprile...

Altri Sport

Jonathan Edwards, il Gabbiano che non volava di domenica Compie oggi 55 anni Jonathan Edwards, l’uomo volante del salto triplo inglese. Vi raccontiamo la...

Pugilato

Gli amici, i riflessi, il gioco di gambe: storia di Willie Pep Ci si può scordare di un re? A quanto pare sì; perché...

Altri Sport

Le Origini del Giro: La storia della mitica Corsa Rosa Inizia domani alle ore 12 l’edizione 104 del Giro D’Italia, con partenza da Torino...

Pugilato

Rubin Carter. Il grido dell’innocenza Il 6 Maggio 1937 nasceva Rubin Carter, il pugile afroamericano la cui storia è diventata un’icona di lotta per...

Calcio

Luis Vinicio, ‘O Lione Un sudamericano napoletano d’adozione. Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di Bruno Pesaola, stavolta è il turno di Luis Vinicio,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro