Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Anatolji Zinchenko, il calciomercato e la Guerra Fredda

Anatolji Zinchenko, il calciomercato e la Guerra Fredda

Tra le storie di calcio ai tempi della Guerra Fredda c’è anche quella di Anatolij Zinčenko e del suo passaggio dallo Zenit di San Pietroburgo (all’epoca Zenit Leningrado) al Rapid Vienna. Un trasferimento che tutt’ oggi è considerato il primo caso di calciatori sovietici che arrivarono a giocare in una squadra che militava in un campionato occidentale. Sul quale permangono ancora nubi di mistero. E’ accaduto nel 1980, quando Zinčenko è un attaccante trentunenne che milita nello Zenit. Fino a quel momento, non si può certo dire che la sua, sia stata una di quelle carriere come a dire, folgoranti.

Con la maglia dello Zenit, in otto anni, ha realizzato in campionato 50 gol in 183 presenze con una media di 0,2 gol a partita. Nella sua carriera ci sono state anche 3 apparizioni con la maglia dell’Unione Sovietica in altrettante gare amichevoli ma senza reti messe a segno. Il suo passaggio dallo Zenit al Rapid sembrerebbe allora un’altra di quelle operazioni di calciomercato destinate a non fare parlare troppo di sé. Al contrario invece il passaggio di Zinčenko alla squadra di Vienna fu considerato un trasferimento “epocale”. E non solo perché la società austriaca sembrava sulle tracce di altri calciatori come Blokhin o Konkov. Ma anche perché si trattava sempre di un calciatore sovietico che varcava la “cortina di ferro” per andare a giocare in una squadra che sebbene considerata “di sinistra” (data la sua origine dovuta ad un gruppo di lavoratori), era comunque di un campionato occidentale. Proprio per questo che forse, alla fine, intorno al trasferimento di Zinčenko si addensarono le nubi di mistero.

Infatti ci fu chi dietro il suo passaggio al Rapid vide in realtà ben altre ragioni che quelle di natura sportiva. Piuttosto, motivi di natura “politica”. In particolare, la volontà del Partito Comunista sovietico di riavvicinarsi al Partito Comunista austriaco.

Zinčenko rimase a Vienna 3 anni (gli ultimi della sua carriera) vincendo anche 2 campionati e una Coppa d’Austria. La verità non si è mai saputa del tutto anche se (come riporta sempre il sito laltrocalcio) lo stipendio del calciatore sarebbe stato pagato direttamente dall’ambasciata sovietica. Il suo, comunque, non sarà l’unico caso di calciatori che firanno a giocare in campionati occidentali. Tra questi anche Aleksandr Zavarov attaccante della Dinamo Kiev che nell’estate del 1988 si trasferirà alla Juventus. Anche in questo caso si disse, pesarono le buone relazioni di casa Fiat all’interno del Cremlino.  L’anno successivo Zavarov verrà raggiunto anche dal difensore della Dinamo Minsk Sergej Aleinikov.  Sempre nell’estate del 1989 il (Pallone d’Oro (1986) Igor Belanov si trasferirà invece al Borussia Monchengladbach. Mentre nell’estate del 1990 toccherà al centrocampista Oleksij Mikhailichenko arrivare in Italia anche se per rimanervi una sola stagione. Avrà il tempo di vincere comunque uno storico scudetto con la maglia della Sampdoria. Quando ormai il muro di Berlino sarà già caduto.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pato firma per l’Orlando City. Sundas di American Group Sport Management esprime la propria soddisfazione: “Un grande colpo per l’MLS e per Orlando” Alexandre...

Calcio

Quando Cristiano Ronaldo fu ad un passo dalla Serie A Compie oggi 36 anni Cristiano Ronaldo, attuale attaccante della Juventus che, molti anni prima...

Calcio

Quando Messi stava per andare al Como Oggi, insieme a Cristiano Ronaldo, è unanimemente riconosciuto come il calciatore più forte in attività. Qualcuno porta...

Calcio

Quando James Rodriguez stava per andare al Bari Nell’estate del 2014 il colombiano James Rodriguez, dopo un grande Mondiale in Brasile disputato con la...

Calcio

Quando Pavel Nedved poteva “tradire” la Juve per andare all’Inter Il 22 dicembre 2003 veniva assegnato il Pallone d’oro a Pavel Nedved, fenomeno ceco e...

Calcio

Lazio: qualificarsi agli ottavi di Champions League non è sufficiente per essere una grande squadra Anche le vittorie possono insegnare. Come le sconfitte. È...

Calcio

Sentenza Bosman 25 anni dopo: storia dell’uomo che cambiò per sempre il calcio Il 15 Dicembre 1995 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea emette...

Calcio

L’Inter vuole approfittare di questo periodo particolare per battere la Juventus Dopo aver regnato incontrastata sul calcio nostrano per ben cinque anni, dal 2005...

Calcio

Falcao, l’addio, la politica e il Papa Compie oggi 67 anni Paulo Roberto Falcao, l’ottavo Re di Roma, rimasto nella memoria dei tifosi giallorossi...

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

Quando Didier Drogba poteva diventare il Bomber del Chievo In clima di Calciomercato, ecco una storia incredibile che ha visto anni fa il bomber...

Calcio

Quando Le Roi Michel Platini era praticamente dell’Inter Siamo sul finire degli Anni Settanta. Sandro Mazzola ha smesso soltanto da pochi anni con il...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro