Connect with us

Cerca articoli

Inchieste & Focus

Alonso-Hamilton, di nuovo insieme..in ultima fila: i nemici tornano amici?

Amici, mai. Vicini e uniti dal “mal comune, mezzo gaudio”. Alonso ed Hamilton partiranno dall’ultima fila del Gran Premio del Belgio. Una certezza scaturita dagli eventi: la McLaren, che imbarca acqua da tutte le parti, questa volta la perde dalla power unit. Alonso è costretto a cambiarla e, come regolamento, subisce una penalizzazione di 35 posizioni. Anche il motore Mercedes del Campione del Mondo, però, si sacrifica in nome della affidabilità. Sostituzione di 4 elementi della power unit. Quanto basta per retrocedere di 55 posizioni. Considerato che si parte in 22, Hamilton occuperà l’ultima fila in griglia anche in caso di pole.

Alonso, ormai abituato, quasi rassegnato, alle avversità, si ritrova beffato. Non solo il danno di partire dal fondo, ma in compagnia dell’unico compagno di squadra che ha sofferto. Corre la stagione 2007: Hamilton, debuttante, e Alonso, Bicampione del Mondo in carica, guidano la McLaren più competitiva degli ultimi anni. L’inglese mostra immediatamente il suo talento. Lo spagnolo non gradisce le attenzioni riservategli dalla scuderia. Woking, che lo ha allevato, lo coccola. Anche troppo, per i gusti dell’asturiano. Un mondiale potenzialmente dominato, rischia di finire nelle mani di Hamilton. Sfugge, e si colora di rosso Ferrari, con il “benestare” di Alonso che nell’ultimo scorcio di stagione, quando è fuori dai giochi, aiuta poco e niente il compagno. Per la serie, muoia Sansone e tutti i Filistei: è meglio cedere il testimone a Raikkonen piuttosto che a quel ragazzino impertinente.

Nove anni (e tre titoli mondiali vinti da Hamiltom dopo) l’improvvisa convivenza in fondo alla griglia sembra risvegliare il “fair play” di Alonso: il pilota McLaren è convinto che il rapporto, ad oggi, sarebbe diverso. Questione di esperienza, maturità, rispetto. E quel pizzico di convenienza, che non guasta…

Alonso è fuori dai top team e non lotta da anni per il titolo mondiale: il terzo alloro iridato, complice la non più giovanissima età, si allontana. Quanto basta per cambiare idea e stimare il collega più odiato di sempre. Strano. Alonso non è tipo da inverisone a U. E però, entrambi i piloti sono in scadenza nel 2018. Il leoncino di Oviedo, non più di primo pelo, appare più in cerca di un ultima chanche che di una riconciliazione. Ed è legittimo che Alonso ambisca a un sedile di prestigio. Del resto ha lasciato la Ferrari, giudicata poco competitiva, per guidare quel che resta di una McLaren che sinora gli ha riservato pochissime gioie. Caduto dalla padella, alla brace, insomma, con il rischio di scivolare nell’anonimato. Cosa c’è di meglio allora, della diplomazia, anche per capire l’effetto che farà? Hamilton, che ha talento pari all’arguzia, non si lascia certo pregare: ritiene Alonso il compagno di squadra più forte e talentuoso con cui abbia mai corso, nonchè uno dei migliori della F1. Troppa grazia? Di certo utile: nella sottile guerra di nervi, questi pensieri si traducono in una stoccata dritta a Rosberg, unico rivale credibile per il Mondiale. Tradotto: parto penultimo, accanto ad Alonso, che è comunque più bravo di te, che parti in pole: un po’ di pressione sul ragazzo, che partirà almeno 20 posizioni davanti, non guasta…

Luigi Pellicone
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Le Origini del Giro delle Fiandre Si corre domani alle ore 10 l’edizione 2021 del Giro delle Fiandre, una delle Classiche Monumento del ciclismo....

Motori

Elio De Angelis, il pilota e il pianoforte Avrebbe compiuto oggi 63 anni Elio De Angelis, sfortunato pilota romano che ha perso la vita...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Motori

Luca Badoer, “lo Stachanov del volante” Compie oggi 50 anni Luca Badoer, l’uomo nell’ombra della Ferrari che vinceva i Mondiali. Il nostro tributo allo...

Motori

Gerhard Berger, l’uomo del ritorno Correva l’anno 1987. L’ultimo intero del ‘Drake’ Enzo Ferrari. Domenica 20 settembre in Portogallo andava in scena la settima...

Motori

Tanti auguri “Fisico”, ultimo patriota della Formula 1 231 gran premi disputati in Formula 1, 19 podi, 4 pole position e 3 gare vinte;...

Motori

Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 52 anni oggi e ultimi 8 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi sei anni...

Motori

La Formula 1 e quel titolo Mondiale prima di Capodanno, ma dopo Natale Che fa un pilota di F1 tra Natale e Capodanno? Trascorre...

Motori

Perez in Red Bull: una scelta che fa soprattutto gli interessi della Formula 1 Pecunia non olet, dicevano gli antichi. Il denaro non ha...

Calcio

Sentenza Bosman 25 anni dopo: storia dell’uomo che cambiò per sempre il calcio Il 15 Dicembre 1995 la Corte di Giustizia dell’Unione Europea emette...

Motori

François Cevert: una folata di vento – Alcune strade  portano più ad un destino che a una destinazione. – Jules Verne La verità è...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro