Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo

Allianz Riviera di Nizza: la “Cicala” più ecosostenibile al Mondo

Per la Giornata Internazionale dedicata al risparmio energetico, vi portiamo a Nizza per entrare in uno stadio che ha fatto della sostenibilità ambientale il suo obiettivo principale.

Nel mondo del calcio moderno uno dei pochi lati positivi che ancora affascina molte persone è la bellezza di alcuni stadi di varie zone del globo. Dalle forme più strane, questi impianti ultra- moderni rendono una partita di calcio di per sé molto affascinante visto che si disputa in un luogo pieno di fascino sotto numerosi punti di vista.

Sono molti gli stadi che hanno un aneddoto da raccontare. Tra i molti che si possono scegliere abbiamo optato per un impianto della Francia del sud: l’Allianz Riviera di Nizza. Abbiamo scelto proprio questo perchè, tale campo da gioco, è costruito secondo le più moderne tecniche eco-friendly. Viste le numerose iniziative ambientali che si sono svolte, nelle scorse settimane, in ogni angolo del globo contro il riscaldamento mondiale ci sembrava giusto dopo  avervi parlato, in articoli precedenti, di squadre e singoli giocatori ambientalisti dare spazio anche  ad un altro lato pro-ambiente del mondo del pallone moderno.

L’Allianz Riviera di Nizza è stato inaugurato nel settembre 2013. Con una capienza di poco più di 35.000 posti a sedere, l’Allianz è uno degli impianti che hanno ospitato alcune delle partite di calcio dell’Europeo di Francia 2016.

Oltre a questo, il campo da gioco della cittadina della Costa Azzurra, viene usato anche per altri scopi. Tra essi possiamo citare partite di rugby ma anche concerti teatrali, opere liriche e spettacoli di grandi dimensioni.

L’Allianz Rivera, ad oggi, risulta essere lo stadio francese con il minor impatto ambientale di tutti. Questo è stato possibile visto che l’architetto del progetto, Jean-Michel Wilmott, ha deciso di utilizzare solamente materiali riciclabili al 100% e tecnologie green per la sua costruzione.

La copertura è stata costruita con un materiale speciale: una membrana trasparente di fluoruro di polivinile precompresso. Grazie ad essa la luce solare riesce a penetrare all’interno dell’impianto molto meglio; tutto ciò rende inutile l’utilizzo del normale impianto di illuminazione.

Oltre a ciò, sugli spalti e all’esterno, sono presenti circa 4000 pannelli solari che generano l’elettricità di cui si ha bisogno. Grazie ad essi si riesce a garantire una totale illuminazione sia dell’interno che dell’esterno della struttura.

Nelle giornate in cui non viene consumata tutta l’energia prodotta, le rimanenze non vengono disperse ma utilizzate per illuminare le case private che si trovano nelle vicinanze.

La stessa forma dell’Allianz vuole richiamare un aspetto ambientale. Essa, difatti, ricorda quella delle ali di una cicala, animale simbolo della regione della Provenza.

L’intera opera rientra nel “Piano Clima Energetico” della città di Nizza, la quale  vorrebbe raggiungere l’agognato traguardo di 25.110 milioni Wattora da fonti rinnovabili. Solo lo stadio Allianz Riviera conta 1500 mwh all’anno.

Un altro valore aggiunto dell’impianto sportivo, made in Francia, è costituito dal sistema di raccolta dell’acqua piovana che alimenta l’impianto di irrigazione del manto.

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Giornata Mondiale della Terra: Olimpiadi Tokyo 2021, l’evento sportivo più ecosostenibile della storia Il 22 Aprile si celebra la Giornata Mondiale della Terra, per...

Calcio

Chi vince la Champions? E l’Europa League? E, soprattutto, quando potremo tornare allo Stadio? Se fino a qualche giorno fa le domande di milioni...

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro