Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Allenatori “a ciascuno il suo”: lo strano caso dello Zimbabwe

Tre allenatori per tre competizioni. No, non è il titolo (di dubbio gusto, peraltro) di un film dei Vanzina sul calcio: è la pura verità.

Accade in Africa, precisamente nel caso della nazionale dello Zimbabwe.

La decisione, nel bene o nel male, in base a come la si voglia recepire, ha fatto assai discutere ed è la seguente: invece di avere un solo allenatore nazionale a tempo pieno, i vertici della federazione stanno utilizzando tre uomini diversi, in carica per tre differenti tornei in cui la squadra è coinvolta.

Lo Zimbabwe, inoltre, non ha formalmente sostituito Kalisto Pasuwa, che ha lasciato il posto come ct della nazionale dopo la brutta uscita dalla Coppa d’Africa svoltasi in Gabon all’inizio di quest’anno.

Ad ogni modo, i responsabili del compito un tempo spettante al solo Pasuwa oggi sono ben tre: Norman Mapeza, che sceglie e allena i calciatori per le qualificazioni alla prossima Coppa d’Africa; Rahman Gumbo, per la African Nations Championship; infine, l’esperto Sunday Marimo Chidzambwa, che sta guidando la squadra nella Cosafa Cup.

“Il mio compito è quello di occuparmi della squadra nella Cosafa Cup. Al suo termine, il mio lavoro sarà concluso” ha spiegato Chidzambwa.

“Non sto guardando allo sviluppo futuro degli eventi o qualcosa del genere, come invece accade per qualsiasi altro allenatore: Io voglio solo arrivare al massimo, anzi voglio proprio vincere la finale”.

D’altronde, Chidzambwa ha già vinto il torneo per due volte e ha un record d’imbattibilità invidiabile nella Cosafa Cup.

Il paese, invece, la cui federazione è stata spesso oggetto di indagini e sequestri da parte delle autorità giudiziarie, guarda a tale possibilità con orgoglio e, soprattutto, la speranza di rialzare la testa intanto, almeno, in campo sportivo.

Per quanto concerne Mapeza, questi ha assunto l’incarico per le qualificazioni alla coppa continentale del 2019, dove i Warriors (questo il soprannome dei calciatori dello Zimbabwe), hanno iniziato con una vittoria impressionante per 3-0 sulla Liberia.

In ultimo, ma non certo per importanza, il ‘vecchio’ Chidzambwa. Egli fu parte del primo gruppo di calciatori post-indipendenza dello Zimbabwe nel 1980 e ha pure già guidato la nazionale nel 1995.

Che dire, una storia veramente incredibile ma, certamente, affascinante.

 

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

13/5/1990: Dinamo Zagabria – Stella Rossa, venti(due) di Guerra Se quel giorno le squadre scesero in campo, fu solo per rappresentare la negazione dell’evento...

Calcio Social

Nei primi giorni di aprile, Vivek Ranadivé, amministratore delegato dei Sacramento Kings, ha annunciato in una stanza su Clubhouse che tutti i membri della...

Calcio

Chi vince la Champions? E l’Europa League? E, soprattutto, quando potremo tornare allo Stadio? Se fino a qualche giorno fa le domande di milioni...

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro