Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Alla scoperta del Bandy, lo sport dei popoli nordici

[themoneytizer id=”27127-1″]

Alla scoperta del Bandy, lo sport dei popoli nordici

Il bandy è una disciplina praticata tradizionalmente in Scandinavia e Russia. È probabilmente il secondo sport di squadra invernale più popolare al mondo dopo l’hockey su ghiaccio, con cui condivide diversi aspetti.

Due squadre di undici giocatori ciascuna si affrontano su una superficie di ghiaccio dalle dimensioni di un campo da calcio per due tempi da 45 minuti. Equipaggiamento in dotazione: casco, pattini e mazza. Si usa una pallina al posto del disco e il portiere gioca con le mani libere.

Il Campionato mondiale di bandy, Bandy World Championship, è la competizione principale per le nazionali ed è organizzato dalla Federation of International Bandy (FIB). Il primo campionato ha avuto luogo nel 1957 in Finlandia, allo Stadio olimpico di Helsinki, e ha visto la partecipazione di tre selezioni: URSS, Svezia e la stessa Finlandia.

Dal 1961 il torneo è stato disputato con cadenza biennale, ma dal 2003 è diventato annuale. Per diversi anni solo quattro Paesi vi hanno presso parte: Unione Sovietica, assoluta dominatrice, Svezia, Finlandia e Norvegia. Nel tempo, altri Paesi vi hanno aderito, a partire dagli Stati Uniti nel 1985. L’interesse si è diffuso in altre parti d’Europa, America, Asia e la dissoluzione dell’URSS ha dato il via alla partecipazione delle squadre nazionali delle ex Repubbliche sovietiche. Inoltre, il Giappone ha fatto il suo debutto nel 2012, la Germania e la Somalia nel 2014, nei Campionati di Irkutsk, e poi la Cina nel 2015.

In tutta la storia dei Campionati del mondo solo tre Paesi hanno ottenuto il successo. La squadra più titolata è l’Unione Sovietica / Russia, che ha conquistato il trofeo 26 volte (14 volte come URSS e 12 volte come Russia). La Svezia si è imposta 12 volte e la Finlandia una volta. I 38 Campionati disputati si sono finora tenuti in sette Paesi (Russia, Svezia, Finlandia, Norvegia, Ungheria, Kazakistan e Stati Uniti).

 

Purtroppo rimangono molti i problemi del bandy, soprattutto di ordine economico e in termini di partecipazione. Problemi che da sempre affliggono questo sport nei vari Paesi, sia a livello delle federazioni minori sia delle maggiori, Canada in primis.

L’interesse, seppur tuttora fortemente circoscritto solo a Svezia, Finlandia e Russia, ha registrato negli ultimi tempi un lieve ma costante aumento che però non è andato in parallelo con una crescita significativa nel numero di partecipanti alla disciplina. Molti sono i casi di federazioni nate e sciolte dopo pochi anni di attività, come successo anche alla Federazione Italiana Bandy.

Un vero peccato per uno sport entusiasmante e dinamico in grado di farsi promotore dei valori dell’integrazione, vedasi gli esempi di Somalia e Afghanistan, e di riunire una discreta quantità di pubblico durante i mondiali in terre, forse, sentite ancora troppo lontane per suscitare l’attrattiva necessaria allo sviluppo del movimento.

LEGGI ANCHE: Lo conosci l’Innebandy?

[themoneytizer id=”27127-28″]

Avatar
A cura di

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

Stoccolma 1956: quelle Olimpiadi Australiane che si disputarono in Svezia Domenica 10 giugno 1956 allo Stockholm Stadium nell’omonima città di Stoccolma si svolse una...

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Calcio

Bianchi contro Neri, la partita “razzista” dove nessuno si sentì discriminato Estate 1979; West Midlands, più precisamente West Bromwich. La società di casa allo...

Calcio

2 giugno 1978: Quando toccò alla nazionale regalare speranza a una società ferita Il 2 giugno 1978 gli azzurri di Bearzot esordivano nel Mundial...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Sta avendo enorme successo il film da poco uscito su Netflix “Il Divin Codino”, dedicato alla vita di...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni Si giocherà questa sera la finale di Champions League 2020-21 tra Manchester City e Chelsea. Per l’occasione vi...

Altri Sport

Nino Bibbia: storia di un fruttivendolo diventato Campione Olimpico Il 28 maggio 2013 moriva Nino Bibbia, il primo azzurro a conquistare un oro nei...

Calcio

Chi era Gaetano Scirea Avrebbe compiuto oggi 68 anni Gaetano Scirea, un campione vero, uno sportivo d’altri tempi, tragicamente scomparso in un incidente stradale...

Calcio

Tributo all'”Onorevole Giacomino” Bulgarelli Nella classifica dei 100 di sempre del Bologna pubblicata dal Guerin Sportivo nel dicembre 2015 Gianfranco Civolani l’ha messo al...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 20 maggio 2019 ci lasciava Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo...

Calcio

L’ultima partita di Roberto Baggio Il 16 Maggio 2004 giocava l’ultima partita della sua carriera, Roberto Baggio. Uno dei giocatori più forti della storia...

Pugilato

Bosisio e Mascena: due pugili, due destini opposti Il 15 maggio 1905 nasceva Pietro Mascena, il pugile la cui storia si intreccia incredibilmente con...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro