Connect with us

Cerca articoli

Eventi

‘Alla conquista di se stessi’ è un viaggio che purifica dalle tossine della società moderna

«Uno degli aspetti più micidiali dell’attuale cultura è di far credere che sia l’unica cultura. Invece è semplicemente la peggiore», comincia così ‘Il discorso tipico dello schiavo’ di Silvano Agosti.

Il filosofo e regista bresciano porta la sua illuminante visione del mondo anche in rete. Condivide il suo sentimento di libertà attraverso le telecamere di Salvo5puntozero, una piccola web tv indipendente che ogni giovedì propone un gradevole format dal titolo ‘Alla Conquista di sè stessi’, che viaggia ormai verso le cento puntate.

«Il fatto che la gente vada a lavorare sei giorni alla settimana è la cosa più pezzente che si possa immaginare. Come si fa a rubare la vita agli esseri umani in cambio del cibo, del letto, della macchinetta», nel paese ideale di Silvano Agosti le persone lavorano non più di 3 ore al giorno e al compimento della maggiore età ogni cittadino riceve una casa.

Dal lavoro al cibo, passando per la semplicità dei sentimenti più puri. Il regista sogna un mondo in cui i bambini possano apprendere all’aria aperta, attraverso il gioco.

Un mondo privo di barriere e preconcetti, in cui uomini e donne possano essere liberi davvero.

«Bisogna sempre pensare: questi stanno rubandomi la vita, in cambio di due milioni e mezzo al mese, bene che vada, mentre io sono un capolavoro il cui valore è inenarrabile. Ma è mostruoso che il tipo debba andare a lavorare 8 ore al giorno e debba essere pure grato a chi gli fa leccare il pavimento, capisci? Tutto ciò è “oggettivamente” mostruoso, ma dove la coscienza produce coscienza, tutto ciò è “effettivamente” mostruoso».

Poesia pura. Le parole di Silvano Agosti disarmerebbero un esercito.

La rubrica con Salvo Mandarà si apre con le domande del pubblico, senza una scaletta prestabilita. Inizia un confronto interessante e in un battito di ciglia Alla Conquista di sè stessi scivola via, purificando la mente umana dagli orrori della società moderna.

Un individuo realmente consapevole, un mondo diverso da quello attuale. Forse più essenziale, per certi versi più arretrato ma sicuramente più felice.

«Tutto l’Occidente vive in un’area di beneficio perché sta rubando 8/10 dei beni del resto del Mondo. E’ un sistema politico che sa rubare 8/10 a 3/4 di Mondo e da un pò di benessere a 1/4 di Mondo, che siamo noi.

Quindi, signori miei, o ci si sveglia.. o si fa finta di dormire.. o bisogna accorgersi che siete tutti morti».

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

0 Comments

  1. Avatar

    Cosmo Mitrano

    Giugno 21, 2017 at 9:22 pm

    LetteraAperta a SilvanoAgosti – 6aprile2017
    Ciao Silvano carissimo.
    a ) Torno a dirti quanto espresso in più precedenti occasioni e pressoché come ribadito e ampliato nella nostra telefonata di giovedì scorso.
    Ciò anche in merito alla tua e-mail del 17marzo, di cui evidentemente ho sovraccreditato le parole ‘Penso tuttavia che nella trasmissione ci sia stato e ancora ci stia spazio da offrire a una tua breve frase scritta in forma di domanda che definisce la parola incriminata’ ..
    constatando il mancato esito, che per altro, indipendentemente dalla tua volontà, non ci sarebbe stato comunque, dato che SalvoMandarà non ha voluto leggere neanche l’emblematica frase “quando soffia il vento del cambiamento: alcuni alzano muri; altri costruiscono mulini nel vento”; che mi hai riferito di aver consigliato.
    ==O==
    b ) “RESILIENZA”.
    Tu stesso (l’hai ripetuto a me giovedì) hai riconosciuto di non aver mai sentito questa parola prima di giovedì 26gennaio2017.
    Questo accade perché ‘ilSistema’ fa di tutto per insabbiare quanto più possibile ciò che è controproducente alle sue malvagità.
    “RESILIENZA”.
    Il concetto è chiaro.
    E’ una facoltà stupenda, straordinaria, di ogni essere umano.
    ==O==
    c ) Tu mi spieghi che ci sono parole anche molto importanti, ma non adatatte in un contesto ‘nazional popolare’ come vuoi sia la tua trasmissione da salvo5puntozero.
    Io resto convinto del mio punto di vista: che invece la parola “resilienza” fosse e sia estremamente calzante. Calzante con tutti i vari principi enunciati da te. Da te, principalmente da te, nella tua trasmissione.
    Quindi nella valorialità, nella preziosità dell’essere umano; che poi va estrinsecata. Come? ..
    Quando poi c’è chi la vuole repressa o soppressa con dei motivi e sistemi i cui mezzi coincidono nei fini, dei quali il principale sostanzialmente è quello della sottrazione del tempo? ..
    Il tempo è vita. E’ la vita di ogni essere umano .. che, se sottomesso dalla confusione, dal nichilismo, e poi anche attraverso i costringimenti al lavoro in quantità opprimenti, si porta a schiavizzarlo e ridurlo così solo in ‘vitaApparente’.
    Mi pare che questi miei pensieri c’entrino abbastanza con la tua tua trasmissione, Silvano.
    ==O==
    d ) Tu non ricordavi e io ti ho ridetto giovedì, che questa parola è stata evocata con te in salvo5puntozero e mal definita.
    Ci fu il messaggio di Frank che appunto fu letto il 26gennaio da SalvoMandarà. E SalvoMandarà ha dato la sua definizione molto sbrigativa, che io ho tenuto a confutare.
    Mandarà l’equiparò all’erba, quindi adattamento passivo: così come l’erba che si piega quando c’è il vento.
    Invece è tutt’altro. E’ più che resistere.
    La “resilienza” va oltre il resistere.
    Di fronte a eventi traumatici, di cui molti sono afflitti continuamente, se hanno energia è necessario che si impegnino a una determinatezza per superarli e magari anche “approdare” a risultati migliori di quelli che si avrebbero avuti se ..
    Questo è un invito importantissimo.
    ==O==
    e ) Non ho portato io con quel discorso dentro in trasmissione.
    Son’ rimasto molto male perché è stata svilita questa parola da chi ne ha parlato in trasmissione, dopo il messaggio di Frank.
    Mi spiace Silvano, se questo benevolente lungo persistere possa indisporti.
    La spegazione che vi ho inviata chiedendo di comunicarla in trasmissione, è di poche righe. Soltanto poche righe, per dire che non significa adattamento passivo, ma è un resistere maggiore, impegnato, intelligente. Intelligente.
    Quindi: non rassegnarsi. Non rassegnarsi.
    Questa è la cosa semplice che ho inviato in poche righe e che, in un minuto, in quaranta secondi, vorrei venisse letta in trasmissione.
    E non sono stato io a entrare lì in questo, ma rimasi amareggiato immedesimandomi in Frank che aprì il tema col suo messaggio.
    Perché Frank, che ha pensato di offrire questo suo sentire, rispetto a questa parola, sarà rimasto così avvilito dall’inadeguata definizione di Salvo..
    E’ specialmente per Frank, più che per fare una piccola “offerta” a chi .. con uno spunto di riflessione .. a chi ignora questa facoltà, questa cosa stupenda.
    Che è, importantissimo, il costante impegno per non essere sopraffatti.
    Contro l’accidia. Contro l’ignavia.
    Contro la rassegnazione. Questo.
    ==O==
    f ) Nelle mie e-mail precedenti di aprile2016 dicevo che ‘alla conquista di se stessi’, la tua trasmissione, non dev’essere alterata. Va bene così.
    Quando io un anno fa chiesi se vi fosse la possibilità di avere degli spazi in cui ricevere le telefonate di ascoltatori e ascoltatrici nelle trasmissioni da salvo5puntozero, dicevo: preferibilmente non in quella di SilvanoAgosti. Nelle altre. Perché quella di Silvano va salvaguardata così com’è.
    E io sono stato coerente.
    Solo eccezionalmente mi son permesso di far presente questa cosa proprio perché ..
    Ora so che ti è chiarissimo l’intendimento, ma ancora non hai ritenuto di darne parola in trasmissione.
    Non dico al vocabolo, ma al concetto che esiste e va fatto vivere.
    E’ una prerogativa, una qualità che può essere espressa, estrinsecata dall’essere umano, dalle persone; che ha un nome (se non l’avesse avuto bisognava darglielo).
    Non esiste sinonimo. Potresti coniarne uno.
    “Resilienza” è assai più di “resistenza” – che si misura comunque in situazioni di particolare contrasto – e ancor più di “tenacia” – necessaria e sufficiente in condizioni di ordinaria difficoltà.
    ==O==
    g ) Ho dovuto tribulare molto sperando di giustificarmi, proprio perché non sono stato io a voler entrare con questo discorso nella trasmissione, che ritengo bella e ottima così come viene svolta. Però purtroppo c’è stata quella cosa, e io ritenendola una delle parole più importanti che esistano ..
    .. e dovrebbe essere rispettato e accolto anche questo mio parere, anziché censurato.
    ==O==
    h ) Tu sei bravissimo per come riesci a rendere chiara la tua essenza.
    Esprimendo concetti importanti che ti vengono dal tuo intimo, dalla tua anima.
    Io ho una formazione laicata, di un percorso di mia ricerca interiore per obbedire religiosamente ai miei convincimenti che rifuggono dai dogmi provenienti da altri, che vorrebbero dettare, se non imporre, a tutti.
    E tu stesso lo dici .. perché se no si sarebbe in contraddizione .. perché le risposte le abbiamo dentro noi stessi. E’ del patrimonio di ognuno di noi esseri umani che è fatta la ricchezza dell’infinito.
    Ognuno non raggiungerà mai la perfezione e la totalità, l’immensa vastità dell’Universo.
    Da molto tempo (posso documentare) divulgo gli specifici criteri che seguono, con volantini e comunicati in varie forme; della mia persuasione ne do prova scritta dal 1992 ..
    L’essere umano ha delle potenzialità che consentono di far vivere le cose più splendide, a condizione che il suo “”LiberoArbitrio”” non venga soppresso (non oppresso) da incontenibili condizionamenti.
    E questi purtroppo affliggono nelle sostanzialità le moltitudini di persone, ovunque. Uno dei fattori che costringono a questo patimento è proprio la sottrazione del tempo.
    Ti manderò copia di un mio volantino in cui scrivo: una settimana ha 168 ore ed è indispensabile che 42 di queste, almeno 42, siano riservate ..
    Perché se vengono meno queste 42 ore rispetto alle 168, l’essere umano non è più in condizione di far vivere la grandiosità che è in lui. Che è in lui.
    E’ indispensabile avere la possibilità di decidere in piena autonomia come viverle e che farne.
    E per arrivare a questo è necessario che venga, in media, dedicata una prima ora al giorno, 6-7 ore la settimana, che sono 4 ore su cento, per ascoltare e rispondere alle domande dell’io che è in noi.
    E’ sufficiente questo minimo per poter accedere ed elevarsi al massimo.
    ==O==
    CosmoMinoMitrano, pro coordinamento opinioni operative “CORO”.
    Per comunicare: capirecapire@gmail.com 3279770888

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

90 anni di Clint Eastwood: il duro che ci ha raccontato il lato sociale dello Sport Ha compiuto ieri 90 anni Clinton “Clint” Eastwood...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 16 Marzo 1941 nasceva Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori del mondo cinematografico come...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] La versione di Jorge: il calcio secondo El Filósofo Valdano Ti verrebbe voglia di incontrarlo in una via immaginaria che collega Madrid...

Libri

Visionario, dal talento geniale. Una lunga carriera formata da grandi intuizioni intervallate a rovinose cadute, un cinema incantato e al contempo crudele. Questo e...

Non solo sport

Qualche giorno fa si è spento Salvo Mandarà, splendido essere umano e meraviglioso esempio di libertà. Lottava per la verità, era il cambiamento che...

Eventi

Ci sono film che segnano la Storia del Cinema. E’ riduttivo parlare di fantascienza citando certi lungometraggi, ma se apriamo le dita di un...

Eventi

Tom Ford acclamato ed eccellente stilista a sette anni dall’esordio cinematografico con il film “A Single Man” ci riprova regalandoci un piccolo gioiello cinematografico:“Animali Notturni”, tratto...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro