Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce

Il 12 Aprile si festeggia nel mondo la Yuri’s night (in Russia “il giorno dei cosmonauti), per celebrare Jurij Gagarin, il primo uomo ad andare nello spazio proprio in questo giorno del 1961. Un eroe la cui impresa ha avuto un impatto fondamentale nella storia dell’uomo, tanto da ispirare anche il calcio, con un giocatore che ebbe l’onore di portare il suo nome.

Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal, ci vengono in mente i soliti nomi. Ma tra le pieghe dell’almanacco del pallone esistono personaggi che nessuno conosce, ma che hanno lasciato una traccia indelebile nella storia del loro paese.

Per questo oggi vogliamo raccontarvi la storia di un vero bomber, con all’attivo centinaia di goal, e che in Sudan è considerato il più importante calciatore di sempre: Haydar Hassan Haj Al- Sidig. Egli, probabilmente, è conosciuto ai più tramite il soprannome che si guadagnò nel corso della sua carriera: Ali Gagarin  “il cosmonauta calciatore”).

Tale appellativo, manco a dirlo, deriva da Jurij Gagarin: il cosmonauta, di nazionalità russa, che fu il primo uomo della storia a volare nello spazio. Tale impresa avvenne in una data ben precisa: il 12 aprile 1961. Proprio in quelle stesse ore, nella città sudanese di Omdurman, Al-Sidig muoveva i  suoi primi passi su un campo di calcio a soli 12 anni di età. Nel 1966, pochi anni dopo il suo esordio su rettangolo da gioco, il giocatore diventava un attaccante titolare dell’Al-Hilal Club, la squadra della sua città ed uno dei team calcistici più famosi di tutto il Sudan.

Il suo soprannome sovra-citato gli fu dato relativamente presto, nel 1970 circa. Troppo veloce fu infatti l’ascesa calcistica dell’attaccante. Secondo alcuni tale “gavetta” poteva essere paragonata a quella del famoso cosmonauta sovietico. Da questa similitudine, il giocatore, diventò famoso come Ali Gagarin.

Il 1970 è un anno molto importante anche per un altro motivo. Proprio allora si svolgeva, in Sudan, la settima edizione del più importante torneo calcistico riservato alle nazionali del continente africano: la Coppa d’Africa. Alla manifestazione presero parte solo otto nazionali e si giocò in due soli stadi, a Karthoum e Wad Madani, di un paese che, fino a pochi anni prima, aveva conosciuto la tragedia di una guerra civile.

Nonostante tutto il Sudan, ammesso d’ufficio poichè paese ospitante, riuscì a vincere la manifestazione. Ad oggi, tale traguardo, è il maggior successo sportivo di sempre raggiunto dalla nazionale sudanese di calcio. La foto simbolo di quella vittoria ritrae proprio Ali Gagarin, con il trofeo tra le mani, dopo la vittoria per 1-0 in finale contro la rappresentativa del super-favorito Ghana. Lo stesso Gagarin segnò il primo gol del torneo, il 6 febbraio 1970, nella partita inaugurale tra Sudan ed Etiopia. Grazie a questo successo la coppa tornava alle sorgenti del Nilo dopo tredici anni, quando era stata disputata la prima storica edizione della Coppa d’Africa vinta dai rivali sportivi e politici dell’Egitto. Con questo succeso, per una volta, uno dei paesi più martoriati del continente africano si ritrovava, almeno per qualche ora, unito ed in festa. Altro dato che sorprende, riguardante l’attaccante sudanese, è il seguente: con la maglia dell’Al- Hilal, Gagarin riuscì a segnare, in circa 12 anni, ben 350 gol.

Questi numeri lo fecero diventare il miglior marcatore di sempre nella storia di tutto il calcio sudanese. Tale record, infatti, risulta essere imbattuto ancora oggi. Questa tradizione calcistica sembra far parte a pieno della famiglia di Ali. Egli, infatti, è il fratello minore di Jaafer Gagarin, un difensore che ha giocato per Al-Merreikh, la storica squadra rivale di Al-Hilal. Come il fratello, anche Jaafer ha ricevuto il soprannome Gagarin in onore del cosmonauta sovietico. La rivalità tra Al-Hilal e Al-Merreikh è stata testimoniata fin dagli anni ’30, quando entrambe le squadre cominciarono ad avere un grande successo. Anche se Al-Hilal ha vinto più titoli di campionato di Al-Merreikh, ha vinto la Coppa sudanese solo in 7 occasioni, mentre Al- Merreikh ha potuto celebrare questo campionato 20 volte. Insomma, penso che il termine “vizio di famiglia” si quello più appropriato da usare in questa occasione….

[themoneytizer id=”27127-28″]

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chapecoense 4 anni dopo: storia di un sogno rimasto in bianco e nero Il 28 Novembre 2016 l’aereo con a bordo la squadra brasiliana...

Calcio

Guido Masetti, “primo portiere”, oggi più di ieri Il 27 novembre 1993 ci salutava Guido Masetti, storico portiere della protagonista del primo scudetto giallorosso....

Calcio

Dieci e non più dieci Germogliano i fiori, in mezzo ai rifiuti,  Per ogni rimbalzo che resta immacolato; Tra terra battuta, tra il fango e...

Calcio

Il calcio secondo Bernardo Bertolucci Il 26 novembre 2018 ci lasciava, all’età di 77 anni, Bernardo Bertolucci, il regista parmigiano, autore di alcuni capolavori...

Integratori

7 integratori necessari per una dieta vegana  Una preoccupazione comune delle diete vegane è se forniscono al tuo corpo tutte le vitamine e i...

Calcio

Last United: l’ultima volta di George Best Il 25 novembre 2005 ci lasciava George Best, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio,...

Calcio

Non sono andato a letto presto: Vita e Assist di Gianfranco Zigoni Compie oggi 76 anni Gianfranco Zigoni, iconico calciatore anni 70, capace di...

Calcio

Jan Jongbloed: c’erano una volta un tabaccaio, un pescatore e un portiere di calcio Compie oggi 80 anni Jan Jongbloed, storico portiere di quella...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro