Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta

Alfredo Martini, il “Grande Vecchio” della bicicletta

Nel 1982 Italia campione del mondo nel calcio e nel ciclismo. Otto anni dopo terza in entrambi gli sport. Come Enzo Bearzot e Azeglio Vicini, Alfredo Martini è stato un papà per i suoi ragazzi. Divenne commissario tecnico della Nazionale nel 1975, come il ‘Vecio’ (assieme a Bernardini) e al terzo anno conquistò per la prima volta l’iride – in Venezuela- con Francesco Moser, sulla piazza d’onore l’anno successivo. Come capitato al rivale Saronni nel 1981, dodici mesi prima del titolo anche lo ‘Sceriffo’ era stato battuto dal belga Freddy Maertens. A Praga c’è stata forse un incomprensione tra gli azzurri, con Beppe furibondo: Martini lasciò sbollire la sua rabbia per affidargli l’anno successivo i gradi di capitano unico. E così a Goodwood il trentino si mise al servizio del rivale.

Il gruppo per Alfredo? Nel 1992 disse a Davide Cassani di uscire in allenamento assieme a Moreno Argentin, accesso rivale del compagno di team Claudio Chiappucci. Nell’edizione di Benidorm le attese erano tutte per ‘El Diablo’ e Miguel Indurain. Bugno vi arrivò demotivato, dichiarando di essersi iscritto solo perché campione del mondo uscente. Il ‘Grande Saggio’ lo rincuorò dicendogli: <<Gianni, è un onore averti e in più io so che se c’è bisogno che tu ci dia una mano, tu non ce la neghi perché sei un galantuomo>>. Il giorno della gara, prima di salire in ammiraglia Martini si avvicinò a Sergio Neri e gli confidò: <<Vinciamo con Bugno, vedrai>>

Si dice che Alfredo iniziò a spegnersi dopo la tragedia di Franco Ballerini. Struggente il ricordo del ‘Ballero’ nel giorno dei funerali di Fiorenzo Magni. Il ‘Grande Saggio’ è volato via nell’agosto 2014, nelle settimane succesive al Tor de France vinto da Nibali. Se Alfredo Di Stefano vide in extremis la ‘Decima’ del Real Madrid, il nostro Alfredo fece in tempo ad assistere a un italiano -sedici anni dopo Pantani- vestito di giallo sui Campi Elisi. Martini era nato nel febbraio 1921.

P.S. Nel ’94 l’Italia del ciclismo giunse seconda ai Mondiali…

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Anna Magnani e Francisco Lojacono: una storia di calcio e di un tango a Via Veneto Il 7 marzo 1908 nasceva nel quartiere capitolino...

Altri Sport

A tu per tu con Marco Galiazzo, l’occhio di falco azzurro Momenti decisivi per le sorti delle Olimpiadi di Tokyo che, a detta del...

Calcio

Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 marzo 2022 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano dell’Ajax di Cruijff. Diverso dagli altri giocatori...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Altri Sport

Velokhaya: i pedali d’oro dell’Accademia che toglie i bambini dalle strade del Sudafrica Khayelitsha. Sudafrica. Anno 2003. In pochi possono immaginare che la Velokhaya...

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro