Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Alexi Lalas, che fine ha fatto il calciatore punk che conquistò Padova?

Alexi Lalas, che fine ha fatto il calciatore punk che conquistò Padova?

Compie oggi 50 anni Alexi Lalas, iconico calciatore americano famoso per il suo look e per aver giocato nel Padova negli anni 90. Per l’occasione scopriamo che fine ha fatto il primo statunitense a giocare in Italia dal dopoguerra in poi.

Il suo punto di vista è sempre stato particolare, come quando commentava le star del calcio avanti con l’età che andavano a giocare nel campionato a stelle e strisce: “Qui si godono la vita, è certo. Ma sul campo è un’altra cosa”. Oggi come ieri, Alexi Lalas non ha certo paura di dire la sua. Tutt’altro. Nato a Birmingham, nello stato del Michigan, il 1º giugno 1970, una parentesi da calciatore (ruolo difensore centrale) anche in Italia – nel biennio 1994/1996, durante il quale nelle fila del Padova disputò 44 partite andando a segno due volte – Lalas è stato il primo calciatore statunitense, dal dopoguerra, a sbarcare nel nostro paese.

 

Esattamente, subito dopo i mondiali di Usa 94, che disputò dopo essere stato selezionato dal “giramondo” Bora Milutinović, del quale ha sempre conservato un ottimo ricordo: “Quando l’ho incontrato per la prima volta ero solamente un ventiduenne punk che non aveva mai pensato al suo posto nel mondo. Mi ha insegnato a giocare e mi ha dato una nuova collocazione in campo per cui, nella mia immaginazione, quell’uomo è un genio assoluto”. Oggi Lalas è lontano anni luce dal calciatore ingaggiato per 400 milioni di lire dal Padova allenato da Mauro Sandreani, da quei capelli rossi portati lunghi e incolti e dal pizzetto caprino che lo fecero ribattezzare “Generale Custer”, da certe dichiarazioni post partita (“Come ho preso la sconfitta di oggi? Non mi importa nulla: adesso vado a casa, suono la chitarra, sto con la mia ragazza e tutto si sistema”), ma non da quel giovane simpatico e stravagante, sempre disponibile e corretto con tutti. In campo e fuori.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo proprio con i Los Angeles Galaxy (2003), per lo stesso club Lalas ha ricoperto il ruolo di presidente e general manager ed è stato dirigente anche nei San Jose Earthquakes e nei New York Red Bulls. E ancora, si è laureato alla Rutgers University del New Jersey, dopo essersi iscritto giovanissimo (“Sono contento per i miei bambini, così capiscono che se si comincia una cosa bisogna anche portarla a termine. E bisogna sapersi distinguere dagli altri”). Spontaneo e genuino, attualmente Alexi Lalas – senza più barba e con i capelli curati, cravatta e giacca d’ordinanza – veste i panni di analista e commentatore calcistico per Fox Sports. Ma il ricordo vivo del suo modo d’intendere il pallone, e tutto ciò che ruota intorno, siamo certi non lo abbandonerà mai.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe – Per Didi giocare a calcio è come sbucciare un’arancia. – Pelé  Nella favela di Campos, alle porte...

Calcio

Se per un colpo di testa rischi la vita: il calcio e i problemi legati alla neurodegenerazione E’ tornato d’attualità un tema spinoso che...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 59 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta Avrebbe compiuto ieri 73 anni un giocatore unico nel suo genere, dentro...

Calcio

Tòth e Kertész, gli eroi ungheresi più forti delle deportazioni naziste Il 21 novembre 1894 nasceva a Budapest Géza Kertész, il calciatore e allenatore...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Calcio

Paulo Dybala: ‘La Joya’ di Laguna Larga che segna in nome del padre Compie oggi 27 anni Paulo Dybala, l’attaccante argentino della Juventus, che...

Calcio

Happel, Vilanova e Maestrelli: Storie di Vita, Storie di Sport Il 14 Novembre 1992 moriva Ernst Happel, il maestro di calcio austriaco che da...

Calcio

Carmelo Bene e il calcio, tra Romario, tempo aiòn e processo di Biscardi L’artista salentino amava i grandi «atti» extra-ordinari del calcio, quelli che...

Calcio

Muro di Berlino: Dirk Schlegel e Falko Götz, i due talenti della Germania Est fuggiti dalla Stasi Il 9 novembre 1989 cadeva il Muro...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 9 novembre 19777 moriva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro