Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Alexi Lalas, che fine ha fatto il calciatore punk che conquistò Padova?

Alexi Lalas, che fine ha fatto il calciatore punk che conquistò Padova?

Compie oggi 50 anni Alexi Lalas, iconico calciatore americano famoso per il suo look e per aver giocato nel Padova negli anni 90. Per l’occasione scopriamo che fine ha fatto il primo statunitense a giocare in Italia dal dopoguerra in poi.

Il suo punto di vista è sempre stato particolare, come quando commentava le star del calcio avanti con l’età che andavano a giocare nel campionato a stelle e strisce: “Qui si godono la vita, è certo. Ma sul campo è un’altra cosa”. Oggi come ieri, Alexi Lalas non ha certo paura di dire la sua. Tutt’altro. Nato a Birmingham, nello stato del Michigan, il 1º giugno 1970, una parentesi da calciatore (ruolo difensore centrale) anche in Italia – nel biennio 1994/1996, durante il quale nelle fila del Padova disputò 44 partite andando a segno due volte – Lalas è stato il primo calciatore statunitense, dal dopoguerra, a sbarcare nel nostro paese.

 

Esattamente, subito dopo i mondiali di Usa 94, che disputò dopo essere stato selezionato dal “giramondo” Bora Milutinović, del quale ha sempre conservato un ottimo ricordo: “Quando l’ho incontrato per la prima volta ero solamente un ventiduenne punk che non aveva mai pensato al suo posto nel mondo. Mi ha insegnato a giocare e mi ha dato una nuova collocazione in campo per cui, nella mia immaginazione, quell’uomo è un genio assoluto”. Oggi Lalas è lontano anni luce dal calciatore ingaggiato per 400 milioni di lire dal Padova allenato da Mauro Sandreani, da quei capelli rossi portati lunghi e incolti e dal pizzetto caprino che lo fecero ribattezzare “Generale Custer”, da certe dichiarazioni post partita (“Come ho preso la sconfitta di oggi? Non mi importa nulla: adesso vado a casa, suono la chitarra, sto con la mia ragazza e tutto si sistema”), ma non da quel giovane simpatico e stravagante, sempre disponibile e corretto con tutti. In campo e fuori.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo proprio con i Los Angeles Galaxy (2003), per lo stesso club Lalas ha ricoperto il ruolo di presidente e general manager ed è stato dirigente anche nei San Jose Earthquakes e nei New York Red Bulls. E ancora, si è laureato alla Rutgers University del New Jersey, dopo essersi iscritto giovanissimo (“Sono contento per i miei bambini, così capiscono che se si comincia una cosa bisogna anche portarla a termine. E bisogna sapersi distinguere dagli altri”). Spontaneo e genuino, attualmente Alexi Lalas – senza più barba e con i capelli curati, cravatta e giacca d’ordinanza – veste i panni di analista e commentatore calcistico per Fox Sports. Ma il ricordo vivo del suo modo d’intendere il pallone, e tutto ciò che ruota intorno, siamo certi non lo abbandonerà mai.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Pasolini e il calcio. L’intellettuale che voleva essere un’ala sinistra Il 5 marzo 1922 nasceva a Bologna, quartiere Santo Stefano, Pier Paolo Pasolini, uno...

Calcio

Le meteore della Serie A: El Uablo bianconero Juan Eduardo Esnaider Compie oggi 48 anni Juan Eduardo Esnaider, uno dei tanti “fenomeni parastatali” (come...

Calcio

La Dittatura di Videla e quella protesta attaccata ad un palo Molti al mondo sono i modi di protestare. Alcuni tranciano come il cordone...

Calcio

A tu per tu con Giacomo Tedesco Abbiamo avuto il piacere di intervistare Giacomo Tedesco, ex calciatore e attuale allenatore di tecnica individuale. Giacomo,...

Calcio

L’India ai Mondiali del 1950: una storia da raccontare mai accaduta Il 16 luglio 1950 si chiudeva con la mitica finale tra Uruguay e...

Calcio

Dino Zoff racconta i Mondiali del 1974 Compie oggi 79 anni Dino Zoff, leggendario portiere italiano tra i più forti della storia del calcio....

Calcio

Roma – Milan: la distanza non è solo nei chilometri Roma – Milan. Roma e Milano. Una splendida dicotomia. Difficile che chi ami una,...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Calcio

O Gigante da colina e il suo profeta magro: Roberto Dinamite “Gigante da colina”: un nome da fiaba, che sembra posarsi sulle spalle dei...

Azzardo

Calcio e gioco d’azzardo: nuova partnership tra As Roma e Leovegas.News Un accordo che era nell’aria, anticipato dalla pubblicità comparsa sui cartelloni dello stadio...

Calcio

Ali Gagarin: storia di un Bomber che nessuno conosce Quando parliamo di attaccanti che hanno fatto la storia del calcio a suon di goal,...

Calcio

Willem van Hanegem, il Sopravvissuto Compie oggi 77 anni Willem van Hanegem, iconico giocatore dell’Olanda del Calcio totale che per tutta la sua vita...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro