Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Alex Morgan: una storia talmente strana che dovrebbe essere normale

[themoneytizer id=”27127-1″]

Alex Morgan: una storia talmente strana che dovrebbe essere normale

Testo: Ettore Zanca

Illustrazione: Enrico Natoli

Questa è una storia strana, strana perché inusuale e che dovrebbe servire da esempio. Alex Morgan, calciatrice statunitense, è una divoratrice di titoli. Campione del mondo con la sua nazionale per ben due volte, vincitrice di una Champions giocando in prestito con il Lione e “sindacalista” che si batte per la parificazione del calcio femminile a quello maschile. Fin qui nulla di nuovo. Ma Alex è una donna che ha una famiglia e che desidera essere madre.

Il suo compagno è Servando Carrasco, calciatore anche lui con i Los Angeles Galaxy. Qualche giorno fa, Alex annuncia di essere incinta. Una delle maggiori difficoltà per chi fa questo sport è appunto il gestire la gravidanza e la maternità. Essendo professioniste, non è detto che ritrovino il posto in squadra e non è detto che possano giocare da madri. Alcune atlete sono andate ai mondiali pagando la babysitter in proprio, altre l’hanno avuta dalla propria federazione. Sidney Leorux, compagna di squadra di Alex, a marzo, è stata fotografata mentre si allenava al quinto mese di gravidanza.

Illustrazione di Enrico Natoli

La novità è che la sua squadra, l’Orlando Pride, ha detto che Alex non solo avrà garantito lo stipendio durante la gravidanza, ma conserverà il posto in squadra quando tornerà. Immaginiamo già le risposte piccate. Una famosa, le viene garantito tutto. No, perché è proprio dall’esempio di una donna famosa che bisognerebbe ripartire. In Italia siamo pieni di casi di donne “gentilmente invitate” a non fare figli per non perdere il posto e se lo fanno, spesso, diventano delle appestate. Donne con competenze e capacità, che si vedono sorpassare da uomini nelle carriere dirigenziali, perché danno più garanzie di presenza e meno rischio di assentarsi per i figli. Donne che se rientrano nel posto di lavoro, a volte dopo battaglie legali, vengono trattate da appestate e messe a fare fotocopie.

L’apice della scarsa considerazione della donna spesso è il suo annullamento fisico. Di fronte ad un femminicidio inorridiamo e ci premuriamo di dire che noi non siamo così, che quelle sono belve e assassini. Ma c’è un sommerso di privazione della dignità di una donna che non fa rumore ma uccide lentamente o annulla l’anima. E se anche delle calciatrici famose devono intentare una battaglia per vedersi riconosciute dei diritti, significa che questa battaglia affonda le radici fino all’ultima dipendente di un fast food che non riesce nemmeno a soffiarsi il naso, figuriamoci fare un figlio.

Sì, Alex Morgan è famosa, per questo forse ha più garanzie, ma chi priva una donna dei diritti in maniera subdola, dovrebbe prendere esempio dalla squadra dove Alex gioca. Questa è una storia strana, quella della conservazione di un posto di lavoro ad una donna. Talmente strana, che dovrebbe essere normale. Ma non lo è.

Ti è piaciuta la Storia? Segui Lo Sport oltre la siepe su Facebook!

[themoneytizer id=”27127-28″]

A cura di

Da non perdere

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra Il 5 Ottobre 1957 ci lasciava Josè Leandro Andrade, la Maravilla Negra, il fenomeno dell’Uruguay...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro