Connect with us

Cerca articoli

Altri Sport

Alessia Orro e quei muri che servono

[themoneytizer id=”27127-1″]

Alessia Orro e quei muri che servono

Testo: Ettore Zanca 

Illustrazione Copertina: Enrico Natoli

I muri per il resto del mondo sono simbolo di chiusura, se usati male poi sono ancora peggio. Ma il mio muro è stato la salvezza. Quello che hanno costruito intorno a me. Mi chiamo Alessia Orro, faccio la pallavolista. Gioco a Busto Arsizio e in nazionale. Non ho mai indietreggiato davanti a nulla, non mi ferma nulla. Per me giocare è vita, è sentirmi me stessa e completa. Almeno fino a quel giorno.

Cominciò così, con un contatto sui social, mi scrisse prima pubblicamente e poi in privato, io risposi, educatamente e con molta cordialità. Mi fidavo del mondo e non avevo motivo di temere nulla. Solo che per l’uomo dall’altro lato della tastiera non era così. Mi aveva vista, mi aveva puntata. Per me è cominciato quell’incubo sottile, quello per cui si comincia a cingere d’assedio una donna come fosse una cosa, una fortezza da conquistare. Non conta il tuo no, non conta che tu non pensi nemmeno di accogliere quella persona nella tua vita, lui ha già pianificato tutto. Mi scriveva sempre, con frasi che erano un crescendo. E lì ho sentito crescere qualcosa che una ragazza di ventuno anni che ama giocare non dovrebbe mai provare. Quella sensazione di sentirsi quasi in difetto. Non contento di vedermi sui social, ha fatto un abbonamento per le partite in casa e in trasferta della mia squadra, perfino per le amichevoli. Io ho tenuto duro, il mio muro non è crollato. Ma provateci voi a giocare sapendo che sugli spalti c’è chi vi guarda con un occhio che vi angoscia. Camminavo su un doppio binario, la mia vita sportiva e una me che si sentiva svuotata. Ma non avevo ancora detto nulla a nessuno. Fino a quando durante una partita, mi bloccai. Un attacco di panico.

Le mie compagne chiesero cosa stesse succedendo, io non volevo nemmeno dire quella parola, ma l’ho detta tra le lacrime. Stalking. Quello era. Raccontai tutto, i complimenti scivolosi, le minacce. Chi non ha giocato in una squadra non saprà mai quanto bello è sentirsi arrivare i compagni in soccorso quando stai soccombendo. Tutta la squadra ha letteralmente fatto muro, come a pallavolo. Non mi hanno lasciata più sola e io ho denunciato. E lo hanno arrestato. Ora non mi sento sollevata, non so davvero se sia finita qui, ma di due cose ho certezza. Esistono muri che proteggono e aiutano e che dire sempre ciò che fa male, diluisce il dolore. Ah sì, ho imparato anche questo. Denunciate chi non vi rispetta, chi non pensa che un no, è un muro fatto di due parole, oltre il quale non deve passare. Torno a giocare, le mie compagne mi aspettano.

Ti è piaciuta la storia? Segui lo Sport oltre la siepe su Facebook.

[themoneytizer id=”27127-28″]

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Altri Sport

Giornata Mondiale del Rifugiato: quattro atleti, quattro fughe, quattro tragedie Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del rifugiato, un tema quanto mai...

Altri Sport

A tu per tu con Andrea Giani, la Leggenda del Volley Italiano In questo momento socialmente ed economicamente drammatico in cui tutto è stato...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrej Kuznecov, ricordo di una stella cadente Avrebbe compiuto oggi 54 anni Andrej Kuznecov, una stella assoluta della pallavolo sovietica che giocò...

Altri Sport

Lo[themoneytizer id=”27127-1″] L’Aquila 11 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un...

Basket

Un grande ringraziamento agli sportivi per il messaggio di vicinanza a tutti gli italiani in questo momento di emergenza per il coronavirus. Resisteremo e...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Andrea Lucchetta: a tu per tu con Crazy Lucky E’ un dato di fatto che nello sport moderno, nelle sue varie accezioni,...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Julio Velasco, lo Sport è una questione di Leadership. Ma non solo Compie oggi 68 anni Julio Velasco, indimenticabile coach della Pallavolo...

Altri Sport

Ride bene chi ride ultimo: i Campioni che hanno vinto la battaglia contro il Bullismo In occasione della Giornata nazionale contro il Bullismo e...

Calcio

[themoneytizer id=”27127-1″] Sport femminile: chiamateci Professioniste Svolta storica nel mondo dello sport femminile. La commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra...

Altri Sport

[themoneytizer id=”27127-1″] Sitting Volley, quando un muro abbatte le barriere con l’inclusività Quando parliamo del ruolo che lo Sport svolge nella società, una delle...

Altri Sport

Giornata contro la violenza sulle donne: Lina Khalifeh, la combattente giordana e la sua palestra in difesa delle donne Il 25 Novembre si celebra...

Inchieste & Focus

[themoneytizer id=”27127-1″] Sadaf Khadem, la pugilessa senza velo che non piace all’Iran Lo stato della Repubblica islamica dell’Iran, al giorni d’oggi, non brilla certo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro