Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata

Aldo Agroppi, comunque granata

Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della Mole in maniera accanita, feroce e quasi viscerale era Aldo Agroppi: otto stagioni con quella maglia. E forse era destino che dovesse esordire in campionato nella sfida casalinga con la Sampdoria del 15 ottobre 1967, giorno della tragedia di Gigi Meroni. Come se dovesse legarsi sulle pelle le vicessitudini e le sfortune di un club diverso dagli altri. Con quel temperamento forte e deciso che ai tifosi del Toro va perfettamente a genio.

Due Coppe Italia vinte e uno scudetto sfiorato, non senza polemiche: il 12 marzo 1972 al Ferraris contro i blucerchiati i granata sono in svantaggio quando un tocco di Agroppi oltrepassa la linea di porta, respinto poi da Marcello Lippi: ma l’arbitro Barbaresco annullò quel gol e il tricolore lo vinse la Juventus. Da allora l’astio verso i bianconeri aumentò. Tre anni più tardi arrivò al Torino un tecnico innovativo come Gigi Radice, al quale servivano giocatori freschi e giovani per adottare il pressing olandese. Agroppi andò al Perugia, il quale quel 16 maggio 1976 superò la Vecchia signora nel giorno del settimo scudetto granata: lui non c’era perché malconcio, ma spinse i compagni a mettercela tutta… Scrisse il giornalista Nello Pacifico: “La curva Maratona, in quell’incendio di bandiere granata, non si accorge che in pista con Radice, Pulici, Graziani, Pianelli e gli altri c’è anche Aldo Agroppi”.

Nel 2013 è stato posizionato al ventiquattresimo posto in una classifica del Guerin Sportivo sui 100 granata di sempre. Da allenatore (iniziarono i problemi di depressione) non ha ottenuto buoni risultati, a parte un quarto posto alla guida della Fiorentina nell’annata 1985-’86. Il campionato iniziò abbastanza bene, ma i rapporti non idilliaci con Giancarlo Antognoni– rientrava da un altro grave infortunio- portarono a una divisione feroce, al punto che Agroppi subì un’aggressione fisica da alcuni tifosi: il ‘Caudillo’ Passarella si schierò con il tecnico, il quale andò via al termine della stagione. E sfumò il trasferimento in viola di Marco Van Basten, opzionato dall’uomo di Piombino e dal direttore sportivo Claudio Nassi. Ma la Fiorentina di Agroppi il 6 aprile 1986 sconfisse la Juventus…

Avatar
A cura di

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

Lou Gehrig, lo Sportivo che ci ha fatto conoscere la SLA Per la Giornata Mondiale per la lotta alla Sla che si celebra oggi,...

Calcio

Manu Chao, la passione per il calcio con il Genoa nel cuore Il 21 giugno 1961 nasceva, nella città di Parigi, José Manuel Arturo...

Calcio

Mario Corso, il poeta maledetto del calcio italiano Il 20 giugno 2020 ci salutava Mario Corso, il funambolo dell’Inter, soprannominato “Mandrake” per le sue...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il 19 Giugno 1986 una overdose di cocaina interrompe il...

Basket

Dirk Nowitzki: quando il Basket incontrò la matematica Compie oggi 43 anni Dirk Nowitzki, il fenomeno tedesco che in NBA ha fatto la storia...

Motori

Kevin Schwantz, il “kamikaze” che ha reso pazzo il motociclismo Compie oggi 57 anni Kevin Schwantz, pilota iconico del Motociclismo a cavallo tra gli...

Calcio

“La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro.” Questo aforisma è...

Calcio

Intervista a Giorgio Martino, autore del libro “Rossi, Rossi, Rossi” Due chiacchiere con Giorgio Martino, per farci raccontare come è germogliato il progetto di...

Altri Sport

I rivoluzionari dello Sport: Bill James, l’inventore dell’algoritmo vincente Il 17 giugno 2003 veniva pubblicato il libro “Moneyball” in cui l’autore Michael Lewis racconta...

Calcio

Gli Europei e le scorie della Guerra Fredda Nel 1991 ho accompagnato la nazionale di calcio under 21 dell’allora Unione Sovietica in una delle...

Motori

Fratelli di Montreal: quando il Gp del Canada parlava italiano Se non ci fosse stato il Covid-19, oggi in Formula Uno si sarebbe disputato...

Calcio

Mauro Tassotti, il Djalma Santos bianco “Puoi togliere il ragazzo dal ghetto ma non il ghetto dal ragazzo”, dice Zlatan Ibrahimovic. Potremmo portare questa...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro