Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Aldo Agroppi, comunque granata

Aldo Agroppi, comunque granata

Se nelle stracittadine anche gli occhi di Paolino Pulici diventavano granata, un altro cuore torinista che sentiva il derby della Mole in maniera accanita, feroce e quasi viscerale era Aldo Agroppi: otto stagioni con quella maglia. E forse era destino che dovesse esordire in campionato nella sfida casalinga con la Sampdoria del 15 ottobre 1967, giorno della tragedia di Gigi Meroni. Come se dovesse legarsi sulle pelle le vicessitudini e le sfortune di un club diverso dagli altri. Con quel temperamento forte e deciso che ai tifosi del Toro va perfettamente a genio.

Due Coppe Italia vinte e uno scudetto sfiorato, non senza polemiche: il 12 marzo 1972 al Ferraris contro i blucerchiati i granata sono in svantaggio quando un tocco di Agroppi oltrepassa la linea di porta, respinto poi da Marcello Lippi: ma l’arbitro Barbaresco annullò quel gol e il tricolore lo vinse la Juventus. Da allora l’astio verso i bianconeri aumentò. Tre anni più tardi arrivò al Torino un tecnico innovativo come Gigi Radice, al quale servivano giocatori freschi e giovani per adottare il pressing olandese. Agroppi andò al Perugia, il quale quel 16 maggio 1976 superò la Vecchia signora nel giorno del settimo scudetto granata: lui non c’era perché malconcio, ma spinse i compagni a mettercela tutta… Scrisse il giornalista Nello Pacifico: “La curva Maratona, in quell’incendio di bandiere granata, non si accorge che in pista con Radice, Pulici, Graziani, Pianelli e gli altri c’è anche Aldo Agroppi”.

Nel 2013 è stato posizionato al ventiquattresimo posto in una classifica del Guerin Sportivo sui 100 granata di sempre. Da allenatore (iniziarono i problemi di depressione) non ha ottenuto buoni risultati, a parte un quarto posto alla guida della Fiorentina nell’annata 1985-’86. Il campionato iniziò abbastanza bene, ma i rapporti non idilliaci con Giancarlo Antognoni– rientrava da un altro grave infortunio- portarono a una divisione feroce, al punto che Agroppi subì un’aggressione fisica da alcuni tifosi: il ‘Caudillo’ Passarella si schierò con il tecnico, il quale andò via al termine della stagione. E sfumò il trasferimento in viola di Marco Van Basten, opzionato dall’uomo di Piombino e dal direttore sportivo Claudio Nassi. Ma la Fiorentina di Agroppi il 6 aprile 1986 sconfisse la Juventus…

A cura di

Da non perdere

Calcio

Rivista al…Bar: il commento della Serie A di Paolo Valenti (quarta giornata) La domenica della Serie A si conclude con l’1-1 tra Juventus e...

Pugilato

Raccontami di Sugar Ray, di Scorsese e del revolver di Babbo Natale Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio...

Calcio

L’Atlético Madrid ha usurpato l’identità dell’Athletic Bilbao? Oggi nella Liga spagnola si incontreranno Atletico Madrid e Athletic Bilbao, una delle sfide più antiche del...

Calcio

Christian Pulisic, l’oro americano scoperto ‘per sbaglio’ Compie oggi 23 anni Christian Pulisic, giovane talento statunitense, per anni gemma preziosa del Borussia Dortmund, oggi...

Calcio

A Ovest di Socrates: Gol e droghe di Walter Casagrande “Quando guardi a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro.”  Friedrich Nietzsche Cosa fosse più...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Avrebbe compiuto oggi 101 anni l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Calcio

Sempre jogando, Dirceu Il 15 settembre 1995 moriva in un incidente stradale a soli 43 anni il calciatore brasiliano Dirceu, vecchia conoscenza della Serie...

Calcio

La nascita della Coppa dei Campioni E’ iniziata ieri la 30esima edizione della Champions League. Per l’occasione vi raccontiamo la storia del glorioso trofeo...

Calcio

Milan, Napoli e Roma in testa a un campionato che parla toscano Due tonfi segnano la terza giornata di campionato: quello dell’Atalanta, che viene...

Inchieste & Focus

Il 13 Settembre 2007, la FIA condanna la McLaren al pagamento di una multa di 100 milioni di dollari e l’azzeramento dei punti nel...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Calcio

Ha compiuto ieri 59 anni Renato Portaluppi, il brasiliano arrivato a Roma per spaccare il mondo, ma rivelatosi in pochi mesi uno dei “bidoni”...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro