Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Aiutiamoli a casa loro!”: la Fifa scivola sull’erba del Continente Nero

Lo Zimbabwe ha recentemente rimosso e rimesso a nuovo completamente un campo da calcio in erba artificiale donato direttamente dalla FIFA nel 2008, quando il massimo organo di governo del calcio internazionale decise di tentare in ogni modo di avvicinare le popolazioni africane allo sport dalla palla rotonda, in previsione dei Mondiali del 2010 in Sudafrica (che sarebbero, poi, passati alla storia nel nostro paese più per le vuvuzelas che per le performance della nazionale italiana 2.0 di Marcello Lippi).

“Win In Africa With Africa”: questo era il nome del progetto messo in piedi dalla FIFA, allora ancora guidata da Blatter.

Esso prevedeva in ‘regalo’ a ogni paese del continente nero un impianto da calcio.

Naturalmente, le polemiche in merito alla chiusura del suddetto impianto oggi si sprecano.

I motivi? In molti affermano che la superficie del campo fosse tutt’altro che pronta per ospitare partite di alto livello e che quindi non si potesse far altro che constatare l’inagibilità del campo.

“Tanti giocatori si sono lamentati di un terreno troppo duro, una volta venuti a giocare da noi”, queste le parole di Lloyd Mutasa, tecnico dei Dynamos, la squadra che disputa le proprie gare casalinghe proprio sul campo ‘incriminato’.

“Tornare all’erba naturale è un bene per tutti: per lo spettacolo, per gli atleti e per i tifosi del bel calcio.”

In effetti, secondo tanti addetti ai lavori locali, il terreno di gioco non è mai stato perfetto; a ciò, si è aggiunto il fatto che il campo non è stato oggetto di opere di manutenzione significative e a lungo andare si è notevolmente rovinato, tanto da portare all’ipotesi (più che fondata) che abbia causato numerosi infortuni, soprattutto alle ginocchia degli atleti.

Dopo pochi mesi di lavori, l’impianto ha già riaperto con un campo nuovo di zecca (in erba naturale) e una vittoria dei Dynamos.

La FIFA preferì donare campi in erba artificiale nella convinzione che in tal modo non ci dovessero poi essere grosse spese di manutenzione, che si potesse giocare frequentemente senza creare problemi all’erba e che, infine, fosse più facile rispondere alle difficili condizioni meteorologiche di molti paesi africani.

Tutto inutile poiché, evidentemente, la qualità dell’erba artificiale scelta dalla FIFA dev’essere stata di livello piuttosto basso.

Nello Zimbabwe avranno giustamente pensato: “Grazie Blatter, ma chi fa da sé fa per tre.”

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Neve, Black out e colpi di pistola: i 5 episodi del Derby di Roma che (forse) non conoscete Il derby non è mai una...

Calcio

Rod Stewart ama il Calcio alla follia Rod Stewart compie oggi 76 anni. L’ eterno musicista britannico in carriera ha venduto più di 100...

Calcio

Auguri Davide Avrebbe compiuto 34 anni oggi Davide Astori, il capitano della Fiorentina che ci ha salutato tre anni fa, sconvolgendo il calcio italiano....

Calcio

La Leggenda Eusebio: quando la Pantera Nera sbranò la Corea del Nord Il 5 Gennaio 2014 moriva Eusebio, fenomenale giocatore portoghese Pallone d’Oro nel...

Motori

Tanti auguri Schumi, Keep Fighting Michael Schumacher: 52 anni oggi e ultimi 8 compleanni vissuti fra silenzio, angosce e speranze. Sono trascorsi sei anni...

Pugilato

Bruno Arcari, la concretezza del Campione riservato di una Boxe che non esiste più In un’epoca in cui la spettacolarizzazione dello sport è all’ordine...

Calcio

Ad un passo dalla morte fino alla Premier League: la storia di Shane Duffy Compie oggi 29 anni Shane Duffy, il calciatore irlandese la...

Calcio

La partita di Natale: quando il calcio sconfisse la Grande Guerra Il freddo di dicembre mi riporta in mente uno degli episodi che descrivono...

Altri Sport

Ultime Frontiere: Come fanno Sport al Polo Nord? “La forza dei popoli artici deriva dal Grande Freddo, si fa ghiaccio indistruttibile nelle difficoltà, acqua...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 17 Dicembre 1963 Lev Yashin, fenomenale portiere russo, vinceva il Pallone d’Oro davanti a Gianni Rivera e...

Calcio

Josef Bican, il più grande marcatore della storia dimenticato per colpa della Guerra Il 12 dicembre 2001 moriva Josef Bican, un nome che potrebbe...

Motori

La Mototerapia di Vanni Oddera: un salto pieno d’amore Tra le pagine di un quotidiano ho conosciuto la storia di Vanni Oddera, campione del...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro