Connect with us

Cerca articoli

Calcio

“Aiutiamoli a casa loro!”: la Fifa scivola sull’erba del Continente Nero

Lo Zimbabwe ha recentemente rimosso e rimesso a nuovo completamente un campo da calcio in erba artificiale donato direttamente dalla FIFA nel 2008, quando il massimo organo di governo del calcio internazionale decise di tentare in ogni modo di avvicinare le popolazioni africane allo sport dalla palla rotonda, in previsione dei Mondiali del 2010 in Sudafrica (che sarebbero, poi, passati alla storia nel nostro paese più per le vuvuzelas che per le performance della nazionale italiana 2.0 di Marcello Lippi).

“Win In Africa With Africa”: questo era il nome del progetto messo in piedi dalla FIFA, allora ancora guidata da Blatter.

Esso prevedeva in ‘regalo’ a ogni paese del continente nero un impianto da calcio.

Naturalmente, le polemiche in merito alla chiusura del suddetto impianto oggi si sprecano.

I motivi? In molti affermano che la superficie del campo fosse tutt’altro che pronta per ospitare partite di alto livello e che quindi non si potesse far altro che constatare l’inagibilità del campo.

“Tanti giocatori si sono lamentati di un terreno troppo duro, una volta venuti a giocare da noi”, queste le parole di Lloyd Mutasa, tecnico dei Dynamos, la squadra che disputa le proprie gare casalinghe proprio sul campo ‘incriminato’.

“Tornare all’erba naturale è un bene per tutti: per lo spettacolo, per gli atleti e per i tifosi del bel calcio.”

In effetti, secondo tanti addetti ai lavori locali, il terreno di gioco non è mai stato perfetto; a ciò, si è aggiunto il fatto che il campo non è stato oggetto di opere di manutenzione significative e a lungo andare si è notevolmente rovinato, tanto da portare all’ipotesi (più che fondata) che abbia causato numerosi infortuni, soprattutto alle ginocchia degli atleti.

Dopo pochi mesi di lavori, l’impianto ha già riaperto con un campo nuovo di zecca (in erba naturale) e una vittoria dei Dynamos.

La FIFA preferì donare campi in erba artificiale nella convinzione che in tal modo non ci dovessero poi essere grosse spese di manutenzione, che si potesse giocare frequentemente senza creare problemi all’erba e che, infine, fosse più facile rispondere alle difficili condizioni meteorologiche di molti paesi africani.

Tutto inutile poiché, evidentemente, la qualità dell’erba artificiale scelta dalla FIFA dev’essere stata di livello piuttosto basso.

Nello Zimbabwe avranno giustamente pensato: “Grazie Blatter, ma chi fa da sé fa per tre.”

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

C’era una volta il Calais: i dilettanti che distrussero le grandi del calcio Quella che stiamo per raccontarvi è una delle storie più romantiche...

Calcio

Ciao Madiba: il calcio di Mandela nel carcere dove trascorse 18 anni Il 5 Dicembre 2013 ci lasciava Nelson Mandela, uno degli uomini più...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 In occasione dei 60 anni compiuti oggi da Ricardo Alemao, l’ex centrocampista brasiliano...

Calcio

Deportivo Palestino, il club cileno che gioca per i diritti dei palestinesi Il 15 novembre 1988  Yasser Arafat, presidente dell’OLP, proclama unilateralmente l’Indipendenza dello...

Altri Sport

We are Marshall: Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 Novembre 1918 terminava la Prima Guerra Mondiale lasciando morte e miseria in...

Calcio

149 a 0: quando una sconfitta ti regala un posto nella storia del calcio Il 31 ottobre 2002 allo Stade Mahamasina di Antananarivo, Madagascar,...

Calcio

Il giorno in cui Roma e Lazio giocarono con la stessa maglia in onore di Paparelli Il 28 Ottobre 1979 durante il derby della...

Calcio

Lev Yashin: storia dell’invincibile Ragno Nero Il 22 ottobre 1929 nasceva Lev Yashin, fenomenale portiere russo, unico estremo difensore a conquistare il Pallone d’oro....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 22 ottobre 1964 nasceva Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una fiamma...

Calcio

Quelli che sono stati anche figli di Beppe Viola Il 17 Ottobre 1982 ci salutava quel genio giornalistico, ma non solo, di Beppe Viola....

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro