Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ai confini del calcio che conta: i “Cani da Strada” delle Filippine puntano a conquistare l’Asia

La rivolta delle Filippine. Va beh, sgombrare il campo da facili ironie: si parla di calcio. Il viaggio ai confini del pallone si ferma a Manila sede di una delle nazionali più scarse di sempre. In patria, li chiamano “Azkals”: tradotto, “cani da strada”. In effetti, giocano male e non sono neanche considerati. Da queste parti lo sport più praticato è il basket, lascito storico degli Stati Uniti, da cui l’arcipelago si è reso indipendente solo nel 1945.

Eppure negli ultimi anni, qualcosa è cambiato. La federcalcio locale, stanca di sconfitte chiede e ottiene investimenti mirati in impianti e scuole calcio. Quindi, apre una “caccia all’emigrato”. Obiettivo? Valorizzare i talenti locali e scovare in giro per il mondo i figli di filippini che possano rendersi utili alla causa. L’idea è buona. Il movimento si espande. Giocare a calcio inizia ad avere senso. Anche perché, passione, a parte, chiunque si stufa di perdere. E non è facile giocare e vincere una partita a basket se l’altezza media della nazionale è di 165 cm…

Nasce un campionato semiprofessionistico a 12 squadre. Il 5 dicembre del 2010 si  riscrive la storia: le Filippine affrontano e superano il Vietnam in Coppa d’Asia meridionale. 2-0. Un miracolo sportivo. Firmato Chris Greatwich e Paul Younghusband, un passato anonimo al Chelsea (presenze in blues? Zero) ma leader assoluto della propria nazionale:  classe 1987, conta 79 presenze e 42 reti. Un monumento. Del resto, la mobilità del numero 10 è simile…poco importa, l’importante è essere efficaci negli ultimi 16 metri.

L’insperato successo restituisce credibilità all’intero movimento. Nel 2011 le Filippine provano il primo assalto alla storia. Obiettivo Brasile 2014? Svampato signò: 1-5 nel doppio confronto contro il Kuwait. Poco importa. I “cani da strada” sono scarsi ma tenaci. La Federcalcio assume Thomas Dooley, una vita spesa a cercare palloni e trovare caviglie in Bundesliga.

Il suo compito è improbo. Niente, però, stuzzica un mediano come una sfida impossibile.

Dooley accetta. Le Filippine si giocano la qualificazione al girone finale per le qualificazioni a Russia 2018 in un girone proibitivo: gruppo H con Uzbekistan, Bahrain, Corea del Nord e Yemen. Passa la prima. Speranze? Zero virgola zero.

Eppure, per 180′ le Filippine accarezzano il sogno. Dooley vara un 4-2-3-1 che esalta le caratteristiche degli Azkals. Corsa, ordine, disciplina e volontà. Quanto basta superare il Barhain (2-1) all’esordio e lo Yemen (0-2) in trasferta. Dopo due turni, contro ogni pronostico, le Filippine si giocano il primato con il favoritissimo Uzbekistan. Finisce come deve: 1-5 in Casa, 0-1 in trasferta e addio ai sogni di gloria. I “cani da strada” però, non demordono: un ultimo sussulto d’orgoglio, la vittoria per 3-2 contro la Corea del Nord che vale il dignitosissimo terzo posto nel girone, il 125esimo posto della classifica Fifa e la soddisfazione di averci provato senza incappare nelle solite storiche figuracce. Non è poco.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Chi vince la Champions? E l’Europa League? E, soprattutto, quando potremo tornare allo Stadio? Se fino a qualche giorno fa le domande di milioni...

Calcio

Quello a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni rappresenta uno dei punti più bassi che il calcio ci ha offerto nelle ultime decadi. Una...

Calcio

Andrea Silenzi, il bomber ‘Pennellone’ partito dalla polvere della Prima Categoria La torre di Ostia: Andrea Silenzi. A cavallo tra gli anni ottanta e...

Calcio

41 anni di Zimbabwe: il calcio al tempo dell’Apartheid Il 18 aprile 1980 lo Zimbabwe, nuovo nome della colonia dell’ex Rhodesia Meridionale, otteneva l’indipendenza...

Calcio

Quando Divock Origi divenne uno Spot sulla sicurezza Compie oggi 26 Anni Divock Origi, l’attaccante belga del Liverpool che si rese protagonista di goal...

Calcio

Carlo Petrini: il coraggio di denunciare Il 16 aprile 2012 moriva Carlo Petrini, il calciatore che degli anni 70-80 ha vissuto sulla sua pelle...

Calcio

Piermario è caro al cielo Citato ogni volta da mio padre, quando avveniva una morte prematura per lui ingiusta. Ormai appartiene a Piermario. Piermario...

Calcio

Se lo Sport si inchina alla Fede: Calcio e Ramadan, un’integrazione difficile Nelle prossime settimane, per alcuni allenatori di diverse compagini, composte principalmente da...

Calcio

Helenio Herrera: Morte e Misteri dell’Inter del Mago Il 10 aprile 1910 nasceva Helenio Herrera, il Mago dell’Inter capace di vincere tutto. Della sua...

Calcio

Lo monetina di Alemao e gli altri misteri del Campionato 1989-90 L’8 aprile 1990 durante la partita tra Atalanta e Napoli, il centrocampista brasiliano...

Altri Sport

L’Aquila 12 anni dopo: storie di sportivi portate via da un terremoto Il 6 aprile 2009, alle ore 03:32 di notte, un terremoto di...

Calcio

Il “Best friulano”: Ezio Vendrame, la mezzala che sarebbe diventata un poeta  Ieri si è ricordata la scomparsa avvenuta il 4 aprile dello scorso...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro