Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ai confini del calcio che conta: Corea del Nord, tra tifosi pilotati e il sogno di un nuovo Messi

Ai confini del calcio e della libertà. Corea del Nord. Uno stato che vive nell’isolamento politico-economico da tre generazioni. Secondo per corruzione al mondo, in fondo alla classifica stilata da Amnesty International per il rispetto dei diritti umani. La figura dello stato si associa a Kim Jong-Unleader supremo” dal 18 dicembre 2011, quando è succeduto a suo padre, Kim Jong-Il “Caro leader”a sua volta erede del nonno Kim Il-sung. Il concetto di democrazia è estraneo a queste latitudini.

Il calcio, ingabbiato (come molte altre attività) dal regime, ha promesso e mai mantenuto. L’apice, nel 1966 quando la Corea del Nord fa piangere l’Italia. Gli osservatori li definiscono dei “ridolini” ma in campo è la nazionale di Fabbri a far ridere. Pak Doo Ik, sergente-dentista, opera senza anestesia e impone l’alt agli azzurri. Il nostro mondiale finisce a…pomodori. La Corea del Nord spaventa e poi si arrende al Portogallo di Eusebio. Sembra l’inizio di una nuova era. Sembra, appunto. L’avvicendamento fra “Caro Leader” e “Leader supremo” muove in senso antiorario le lancette del tempo. Il calcio, però, resiste: resta lo sport più praticato e, pensa un po’, raccoglie anche successi. A livello femminile, la nazionale è nona nel ranking fifa e la under 17, nello scorso ottobre, si è laureata Campione del Mondo superando in finale ai rigori il Giappone.

Un successo che ha esaltato, più di quanto non lo fosse già, Kim-Jong-Un. Adesso il Leader ha un nuovo capriccio: plasmare calciatori più forti di Messi e dominare il mondo calcistico. Difficile: i maschietti, a differenza delle colleghe, giocano maluccio. La Corea del Nord parte dalla posizione numero 126, è fuori dalla corsa ai Mondali del 2018: finita dietro dietro l’Uzbekistan nel girone H non è rientrata neanche nel gruppo delle migliori seconde.

Preso atto dell’inconveniente (mai parlare di fallimenti, al leader) Kim guarda al futuro con ottimismo: il calcio è molto più di uno sport. Funge da cassa di risonanza e collante della popolazione. L’atleta è un soldato un missione con un unico obiettivo: “glorificare” la Patria. Chi perde, deve lasciare l’incarico. Se gli va bene…

Il tecnico che ha avuto il coraggio o l’incoscienza assumere la guida tecnica della Corea del Nord è norvegese: Jørn Andersen. Ha vinto la partita d’esordio 3-1 con le Filippine. Adesso deve costruire qualcosa di buono pescando esclusivamente nel bacino locale.

Servirà un lanternino: la qualità media è bassina, figlia di un movimento non professionistico. Dalle poche notizie che filtrano, i tornei si sviluppano a carattere regionale e in un contesto surreale. Un reportage della BBC, firmato Tim Hartley (poi espulso dal paese e bandito a vita dal rientrarci) racconta storie lontane anni luce dalla idea di tifo. Allo stadio sono banditi cori, sciarpe, bandiere. Gli uomini indossano una spilla: non quella della squadra del cuore ma la raffigurazione del “Leader Supremo”. Si gioca alle 9.30 del mattino: posti suddivisi fra militari e civili a prescindere dal loro desiderio di essere sugli spalti. Gli steward controllano, in tutti i sensi, azioni e reazioni dei “tifosi”. Una bandierina li invita a cantare, l’altra ad applaudire. E loro, obbedienti, eseguono. In caso di gol, in presenza del Leader Supremo, la squadra deve esultare salutandolo.

Altro che barriere…

In questo panorama, difficile scorgere orizzonti rivoluzionari: nessuno ha raccolto l’eredità di Jong Tae-se, 33 presenze e 15 gol in Nazionale. Un mito capace di giocare in Europa nel Bochum e nel Colonia. Le sue lacrime, nel 2010,  hanno commosso il paese e mezzo mondo, quando, ascoltando l’inno nazionale, si è sciolto in lacrime (orgoglio, paura? Chi lo sa) prima di Corea del Nord- Brasile.

In attesa di un nuovo “Rooney del Popolo” le (poche) speranze poggiano su Pak Song-Cho, classe 1987, centrocampista con numeri da attaccante: 11 reti su 39 partite disputate. Basterà per aspirare a grandi traguardi? Forse il Leader Supremo fa leva sull’imponderabile: se la Svizzera è stata campione del mondo di vela, perchè la Corea del Nord non potrebbe vincere il Mondiale?

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Un Ufo alla partita di calcio: quando lo Stadio Franchi sembrò Roswell Il 27 ottobre 1954 le cronache del tempo raccontano che, durante una...

Calcio

Vasilis Chadzipanagis: il Maradona Greco che ha dovuto combattere con il destino Compie oggi 67 anni Vasilis Chadzipanagis è un nome che potrebbe non...

Storie di Sport

Roma-Napoli: una storia di calcio, cinema, musica e passione Si gioca oggi alle ore 18 all’Olimpico Roma-Napoli, una partita che un tempo era definita...

Economia

Malasanità: quanto è diffusa in Italia e come difendersi In questo periodo di emergenza sanitaria non dovremmo dimenticarci di un problema che purtroppo affligge...

Calcio

Jules Rimet, il visionario padre dei Mondiali che ha cambiato il ‘900 Il 14 ottobre 1873 nasceva Jules Rimet, il padre dei Mondiali di...

Calcio

Una piccola storia ignobile Il ragazzo, senegalese, quando prende palla è difficile fermarlo; sin dal primo tempo si alternano, gli avversari, nel tentare di...

Calcio

Arbitri, Tifosi e Calciatori: una Storia di sangue Le ultime settimane di calcio si sono contraddistinte per due episodi di violenza nei confronti degli...

Calcio

Justin Fashanu, il fratello “sbagliato” I trentenni, o chi gli gira intorno, a quell’età, ricordando John Fashanu. “Idolo” della Gialappa’s e di “Mai dire...

Altri Sport

10Cosa significa essere Gianni Mura Avrebbe compiuto ieri 76 anni Gianni Mura, maestro di giornalismo e non solo, che ci ha lasciato lo scorso...

Calcio

Didi, il calcio in due sillabe L’8 ottobre 1928 nasceva Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi, uno dei calciatori più iconici della...

Calcio

Aldo Biscardi: dalle intercettazioni con Moggi al “Moviolone” divenuto realtà Sono passati quattro esatti dalla morte di Aldo Biscardi. Il giornalista, autore e conduttore...

Calcio

Ezio Pascutti, l’ultima ala sinistra del Bologna Come la Juventus, anche se non vestì mai la casacca bianconera. O lo si ama(va) o lo...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro