Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Il Calcio in Cambogia tra ONG, lavoro a basso costo e combattimento tra galli

Ultimi? Quasi. La Cambogia è una delle squadre più deboli del pianeta. Il viaggio fra i “desperados” del calcio, parte da questa nazionale. La federazione è nata nel 1933, si è affiliata FIFA dal 1954 ed attualmente è 172esima nel ranking. Tutto sommato, neanche troppo male. Vissuti momenti anche peggiori con il 189esimo posto del 2013. Per completezza d’informazione, l’apice si assesta nel 1998, quando la Cambogia occupa la casella numero 162. Attualmente la selezione è allenata da Lee-Tae-Hoon che si disimpegna, fra alterne fortune, nella Suzuki Cup, un torneo dove la selezione asiatica riesce, qualche volta, persino a fare la voce grossa: 3-0 al Brunei.

Eppur si vince. L’ultimo biennio è stato caratterizzato da un piccolo record: la nazionale ha raggiunto il secondo turno nelle qualificazioni di coppa del Mondo. Il momento di gloria si consuma nella primavera del 2015: eliminato il temibilissimo Macao (3-0 in casa, 1-1 in trasferta).

Nel secondo turno, però, i nodi sono venuti al pettine e i cambogiani ci hanno lasciato lo scalpo. Inseriti nel girone E di qualificazione con Giappone, Siria, Singapore ed Afghanistan, hanno perso tutto il perdibile; 8 partite, altrettante sconfitte, appena un gol realizzato a fronte di 27 reti subite.

Stella, capocannoniere, capitano, mozzo e nostromo è Khoun Laborawy, classe 1988, 39 presenze e otto reti in nazionale. Gioca nello Svay Rieng, un club (oddio, più che squadra di calcio, dei dopolavoristi) che occupa il quarto posto della Cambodian League.

Eh già. In Cambogia c’è anche un campionato. Ma chi gioca a calcio? Premessa: lo sport nazionale più seguito, da queste parti, è il combattimento fra galli

mg_4998

Il panorama calcistico è ristretto a pochissime realtà neanche trainate dall’economia. Cosa aspettarsi? Il paese ha un reddito medio pro capite di 926 dollari annui. Lo sport, in generale, non prevede professionismo, né assicurazioni mediche. Fra l’altro  giocare a calcio in Cambogia (come molte altre cose…) non è sicurissimo. Nel 2008, durante la stagione dei monsoni, tre calciatori ci hanno lasciato la vita: fulminati in campo.

Chi si avventura da quelle parti è spinto da diverse motivazioni, spesso non economiche: più che il pallone, si insegue la libertà. Il calcio è legato a rappresentative ONG o a gruppi di espatriati. Chi ci guadagna, dunque, con il pallone? Beh, qualcuno c’è. Specificatamente, le multinazionali di abbigliamento: le maggiori case produttrici soffrono la crescita degli stipendi annuali medi e minimi in Cina. La nuova delocalizzazione “premia” la Cambogia identificata come nuovo lido dove non far rispettare orari e salari minimi di lavoro. Stupisce chi si stupisce: la Cambogia ha qualcosa come 330 tra ministri e sottosegretari frutto della compravendita delle cariche. Ma questa è un’altra storia…

A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Da non perdere

Calcio

Matthias Sindelar, il patriota anti Hitler Ieri, 23 gennaio, ricadeva l’anniversario della morte, datato 1939, avvenuta in circostanze misteriose di Matthias Sindelar, il fenomeno...

Calcio

Rogerio Ceni, molto più che un portiere Quando si è piccoli e ci si affaccia per la prima volta al mondo del pallone, l’unico...

Altri Sport

“La Guerra meno lo sparo”: la stroncatura dello Sport secondo George Orwell Il 21 gennaio 1950 moriva lo scrittore inglese Eric Arthur Blair, da tutti conosciuto...

Calcio

Dino Viola, l’educatore Il 19 Gennaio 1991 moriva Dino Viola, indimenticabile presidente della Roma, che ha lasciato un segno indelebile nel cuore dei tifosi...

Calcio

Luciano Re Cecconi: il tragico destino di un giocatore che veniva dal futuro Si ricordava ieri la morte, avvenuta il 18 gennaio 1977, di ...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Si è festeggiato ieri negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, per celebrare...

Calcio

La faccia di Cyrille Regis, pioniere della lotta al razzismo Il 14 gennaio 2018 moriva Cyrille Regis, il calciatore che durante la sua carriera...

Calcio

Il calcio è una chiave per vincere il dolore di un bambino mai nato Ci sono molti modi per esorcizzare il dolore. C’è chi...

Calcio

Milan-Roma: la distanza non è solo nei chilometri Oggi alle ore 18.30 si sfideranno a San Siro due squadre che rappresentano due città così...

Calcio

Wimbledon ’88, la gloria dei bastardi Per i 57 anni compiuti oggi da Vinnie Jones, vi raccontiamo in FA Cup della squadra più scorretta di...

Calcio

Ronaldo: Fenomeno, a tutti i costi Il 4 Gennaio 1998 il calcio riconosceva la grandezza di Ronaldo il Fenomeno, consegnandogli il primo Pallone d’Oro...

Calcio

Che squadra tifava Sergio Leone? Avrebbe compiuto ieri 93 anni uno dei più grandi e conosciuti registi italiani di tutti i tempi: Sergio Leone,...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro