Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Alcune volte la carriera di un calciatore, anche se non è riuscito a riempire la sua bacheca con nessun trofeo degno di nota, viene ricordata per un gol segnato che è entrato nella storia per un determinato motivo. Questo motivo è ciò per cui sarà ricordato Ahmed Radhi, attaccante iracheno venuto a mancare pochi giorni fa a soli 56 anni di età.

La causa del decesso di Rahdi è stato il coronavirus. Era stato ricoverato in un ospedale della capitale irachena dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus.

Giovedì della scorsa settimana le sue condizioni sembravano migliorate. Poi la situazione è di nuovo peggiorata e stava per essere trasportato in un ospedale di Amman in Giordania, ma è morto nella notte.

Questa figura verrà ricordata perchè, con la maglia della nazionale calcistica di Baghdad, è riuscito a segnare quello che è ancora oggi è l’unico gol siglato durante un campionato mondiale.

Il contesto in cui questa marcatura avvenne fu il mondiale del 1986 in Messico, il secondo disputatosi nell’immenso paese centro-americano dopo quello del 1970. L’Iraq finì nel gruppo B insieme ai padroni di casa del Messico e alle ben più quotate Paraguay e Belgio: le speranze di qualificazione erano, fin dall’inizio, quasi nulle.

L‘8 giugno 1986 si disputò la seconda giornata del girone e, presso la cittadina di Toluca, andò in scena il match tra Iraq e Belgio. Dopo essere andata sotto di due gol nel giro di 3 minuti, tra il 16′ e il 19′ minuto del primo tempo, la nazionale di Baghdad riuscì ad accorciare le distanze al 59′ grazie ad una rete di Ahmed Radhi.

Questo come detto prima resta l’unica marcatura dell’Iraq in una coppa del mondo. La partita in questione, per la cronaca, finì 2-1 per il Belgio.

L’Iraq, inoltre, perse anche l’ultimo confronto 0-1 con i padroni di casa del Messico l’11 giugno 1986 e tornò a casa con 0 punti. Al ritorno in patria Rahdi fu accolto come un vero e proprio eroe dato che la la sua marcatura, da quelle parti, venne considerata una staordinaria impresa.

A livello locale Rahdi si levò qualche soddisfazione con la casacca del suo paese. Riuscì, infatti, a conquistare per ben due volte la Coppa del Golfo: una competizione calcistica, con cadenza biennale, a cui prendono parte tutte le nazionali i cui paesi si affacciano sul Golfo Persico.

Le due edizioni che l’Iraq riuscì a conquistare furono quelle del 1984, svoltasi in Oman, e quella del 1988, giocatasi in Arabia Saudita.

Negli ultimi tempi, purtroppo, il rapporto tra Rahdi ed il suo paese natale si era incrinato per vari motivo. Nel 2006, ad esempio, si era trasferito in Giordania dopo che il Comitato Olimpico locale aveva visto rapire il suo capo durante l’apice della violenza settaria che seguì l’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003.

Nel 2007 però rientrò in Iraq per cercare fortuna nel campo della politica. Voleva entrare nel parlamento nazionale al posto di un deputato ucciso.

Nel 2014 e nel 2018 aveva ritentato fortuna in politica. In entrambi le occasioni decise di presentarsi, alle elezioni politiche, con la lista di Alleanza Nazionale che comprendeva sia sunniti che sciiti presenti nel paese.

In entrambe le occasioni però non era riuscito a raggiungere il suo scopo. L’attuale ministro dello sport iracheno, Adnan Darjal, lui stesso ex calciatore, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni per commentare la notizia della sua scomparsa: “Con grande tristezza piangiamo il nostro compagno, l’ardente stella dei nostri fan, l’atleta impareggiabile e figlio dell’Iraq, Ahmed Radhi”

Avatar
A cura di

Da non perdere

Calcio

Velibor Vasovic, il guardiano del vento Il 4 marzo 2022 moriva Velibor Vasovic, il calciatore serbo capitano dell’Ajax di Cruijff. Diverso dagli altri giocatori...

Altri Sport

Scandalo Festina: il doping piomba sul Tour de France 1998 L’oscurità dei pedali. Il ciclismo, disciplina favolosa ma al tempo stesso maledetta in talune...

Calcio

Tostão, O Rei Branco Negli anni ’80, un abitante della zona ovest di Belo Horizonte con problemi alla vista, si sarebbe potuto facilmente imbattere...

Calcio

Josè Leandro Andrade: la vita estrema della Maravilla Negra La Garra Charrúa ancora doveva fare il giro del mondo, il Maracanazo neanche era arrivato....

Pugilato

Chuck Wepner: Storia del vero Rocky Balboa Per gli 82 anni compiuti oggi, vi raccontiamo la storia di Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa....

Calcio

Bruno Pesaola, il Petisso Un argentino amatissimo in riva al Golfo ed entrato nella storia di ‘Citta nuova’. Non solo Diego Armando Maradona. Nato...

Motori

Senna contro Prost: la leggendaria rivalità all’ombra del Sol Levante Per i 66 anni compiuti oggi da Alain Prost, vi raccontiamo una delle rivalità...

Pugilato

La storia del Terribile Terry, il piccolo Mike Tyson di un secolo fa Nato il 9 marzo del 1880 col nome Joseph Terrence McGovern,...

Motori

Come faccio a spiegarti cosa fosse Niki Lauda? Il 22 febbraio 1949 nasceva Niki Lauda, la leggenda della Formula Uno. Il nostro tributo a...

Calcio

Helmut Haller: il giocoliere teutonico Il biondone di Augusta. Helmut Haller: un teutonico consacrato in Italia. Lo stivale è diventato presto casa sua. Lui,...

Calcio

Socrates: storia di un Dottore che non faceva altro che essere se stesso Il 19 febbraio 1954 nasceva uno dei personaggi più iconici della...

Calcio

Roberto Baggio: Genealogia del Divin Codino Quest’anno le candeline da spegnere sono cinquataquattro. Se provi ad affiancare le immagini di quando accarezzava palloni deliziando...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro