Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Alcune volte la carriera di un calciatore, anche se non è riuscito a riempire la sua bacheca con nessun trofeo degno di nota, viene ricordata per un gol segnato che è entrato nella storia per un determinato motivo. Questo motivo è ciò per cui sarà ricordato Ahmed Radhi, attaccante iracheno venuto a mancare pochi giorni fa a soli 56 anni di età.

La causa del decesso di Rahdi è stato il coronavirus. Era stato ricoverato in un ospedale della capitale irachena dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus.

Giovedì della scorsa settimana le sue condizioni sembravano migliorate. Poi la situazione è di nuovo peggiorata e stava per essere trasportato in un ospedale di Amman in Giordania, ma è morto nella notte.

Questa figura verrà ricordata perchè, con la maglia della nazionale calcistica di Baghdad, è riuscito a segnare quello che è ancora oggi è l’unico gol siglato durante un campionato mondiale.

Il contesto in cui questa marcatura avvenne fu il mondiale del 1986 in Messico, il secondo disputatosi nell’immenso paese centro-americano dopo quello del 1970. L’Iraq finì nel gruppo B insieme ai padroni di casa del Messico e alle ben più quotate Paraguay e Belgio: le speranze di qualificazione erano, fin dall’inizio, quasi nulle.

L‘8 giugno 1986 si disputò la seconda giornata del girone e, presso la cittadina di Toluca, andò in scena il match tra Iraq e Belgio. Dopo essere andata sotto di due gol nel giro di 3 minuti, tra il 16′ e il 19′ minuto del primo tempo, la nazionale di Baghdad riuscì ad accorciare le distanze al 59′ grazie ad una rete di Ahmed Radhi.

Questo come detto prima resta l’unica marcatura dell’Iraq in una coppa del mondo. La partita in questione, per la cronaca, finì 2-1 per il Belgio.

L’Iraq, inoltre, perse anche l’ultimo confronto 0-1 con i padroni di casa del Messico l’11 giugno 1986 e tornò a casa con 0 punti. Al ritorno in patria Rahdi fu accolto come un vero e proprio eroe dato che la la sua marcatura, da quelle parti, venne considerata una staordinaria impresa.

A livello locale Rahdi si levò qualche soddisfazione con la casacca del suo paese. Riuscì, infatti, a conquistare per ben due volte la Coppa del Golfo: una competizione calcistica, con cadenza biennale, a cui prendono parte tutte le nazionali i cui paesi si affacciano sul Golfo Persico.

Le due edizioni che l’Iraq riuscì a conquistare furono quelle del 1984, svoltasi in Oman, e quella del 1988, giocatasi in Arabia Saudita.

Negli ultimi tempi, purtroppo, il rapporto tra Rahdi ed il suo paese natale si era incrinato per vari motivo. Nel 2006, ad esempio, si era trasferito in Giordania dopo che il Comitato Olimpico locale aveva visto rapire il suo capo durante l’apice della violenza settaria che seguì l’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003.

Nel 2007 però rientrò in Iraq per cercare fortuna nel campo della politica. Voleva entrare nel parlamento nazionale al posto di un deputato ucciso.

Nel 2014 e nel 2018 aveva ritentato fortuna in politica. In entrambi le occasioni decise di presentarsi, alle elezioni politiche, con la lista di Alleanza Nazionale che comprendeva sia sunniti che sciiti presenti nel paese.

In entrambe le occasioni però non era riuscito a raggiungere il suo scopo. L’attuale ministro dello sport iracheno, Adnan Darjal, lui stesso ex calciatore, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni per commentare la notizia della sua scomparsa: “Con grande tristezza piangiamo il nostro compagno, l’ardente stella dei nostri fan, l’atleta impareggiabile e figlio dell’Iraq, Ahmed Radhi”

Da non perdere

Calcio

Sandro Tonali e i sogni che si avverano “Santa Lucia io vorrei un completo del Milan pantaloncini, maglietta e calzettoni”. È un freddo giorno...

Calcio

La Leggenda di Pelé che “ferma” la Guerra del Biafra in Nigeria Il 21 Settembre si celebra la Giornata Mondiale della Pace ONU. Per...

Pugilato

LaMotta – Robinson: Il Massacro di San Valentino Il 19 Settembre 2017 ci lasciava a 95 anni Giacobbe LaMotta, meglio conosciuto come Jake. Un...

Calcio

Calcio Moderno e Diritti Tv, Ciampi ci aveva avvertito sulla crisi del Pallone Il 16 settembre 2016 moriva l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio...

Altri Sport

Jesse Owens: il nero che incantò Hitler Il 12 settembre 1913 nasceva Jesse Owens, leggendario corridore statunitense che alle Olimpiadi del 1936 nella Berlino...

Pugilato

E’con grande dolore e sgomento che scrivo questo articolo su Alessandro Mazzinghi. Lo scorso 22 agosto il cuore del grande pugile pontenderese ha cessato...

Calcio

Jock Stein, il destino del minatore che salì sul tetto d’Europa Il 10 Settembre 1985 ci lasciava Jock Stein, leggendario allenatore del Celtic Campione...

Calcio

Roberto Donadoni, gli Usa e una simulazione ‘da Oscar’ Compie oggi 57 anni Roberto Donadoni, splendido centrocampista d’attacco del Milan imbattibile, oggi allenatore. Per...

Calcio

C’era una volta l’U.S. Milanese, la terza forza di Milano L’8 Settembre 1928 l’Inter, per volere del Regime fascista, cambia la sua denominazione in...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 7 Settembre 2008 moriva a El Paso, in Texas, Don Haskins, leggenda del...

Motori

Monza 1988, l’incredibile doppietta rossa in ricordo di Enzo Ferrari Si corre oggi il Gp di Monza, un circuito che nel 1988 fece da...

Motori

Il campione firma un autografo, che non è soltanto l’ennesimo, stavolta. Sono da poco passate le 15, la sua penna disegna sul foglio, portogli...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro