Connect with us

Cerca articoli

Calcio

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Ahmed Radhi, la Leggenda di Baghdad

Alcune volte la carriera di un calciatore, anche se non è riuscito a riempire la sua bacheca con nessun trofeo degno di nota, viene ricordata per un gol segnato che è entrato nella storia per un determinato motivo. Questo motivo è ciò per cui sarà ricordato Ahmed Radhi, attaccante iracheno venuto a mancare pochi giorni fa a soli 56 anni di età.

La causa del decesso di Rahdi è stato il coronavirus. Era stato ricoverato in un ospedale della capitale irachena dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus.

Giovedì della scorsa settimana le sue condizioni sembravano migliorate. Poi la situazione è di nuovo peggiorata e stava per essere trasportato in un ospedale di Amman in Giordania, ma è morto nella notte.

Questa figura verrà ricordata perchè, con la maglia della nazionale calcistica di Baghdad, è riuscito a segnare quello che è ancora oggi è l’unico gol siglato durante un campionato mondiale.

Il contesto in cui questa marcatura avvenne fu il mondiale del 1986 in Messico, il secondo disputatosi nell’immenso paese centro-americano dopo quello del 1970. L’Iraq finì nel gruppo B insieme ai padroni di casa del Messico e alle ben più quotate Paraguay e Belgio: le speranze di qualificazione erano, fin dall’inizio, quasi nulle.

L‘8 giugno 1986 si disputò la seconda giornata del girone e, presso la cittadina di Toluca, andò in scena il match tra Iraq e Belgio. Dopo essere andata sotto di due gol nel giro di 3 minuti, tra il 16′ e il 19′ minuto del primo tempo, la nazionale di Baghdad riuscì ad accorciare le distanze al 59′ grazie ad una rete di Ahmed Radhi.

Questo come detto prima resta l’unica marcatura dell’Iraq in una coppa del mondo. La partita in questione, per la cronaca, finì 2-1 per il Belgio.

L’Iraq, inoltre, perse anche l’ultimo confronto 0-1 con i padroni di casa del Messico l’11 giugno 1986 e tornò a casa con 0 punti. Al ritorno in patria Rahdi fu accolto come un vero e proprio eroe dato che la la sua marcatura, da quelle parti, venne considerata una staordinaria impresa.

A livello locale Rahdi si levò qualche soddisfazione con la casacca del suo paese. Riuscì, infatti, a conquistare per ben due volte la Coppa del Golfo: una competizione calcistica, con cadenza biennale, a cui prendono parte tutte le nazionali i cui paesi si affacciano sul Golfo Persico.

Le due edizioni che l’Iraq riuscì a conquistare furono quelle del 1984, svoltasi in Oman, e quella del 1988, giocatasi in Arabia Saudita.

Negli ultimi tempi, purtroppo, il rapporto tra Rahdi ed il suo paese natale si era incrinato per vari motivo. Nel 2006, ad esempio, si era trasferito in Giordania dopo che il Comitato Olimpico locale aveva visto rapire il suo capo durante l’apice della violenza settaria che seguì l’invasione guidata dagli Stati Uniti nel 2003.

Nel 2007 però rientrò in Iraq per cercare fortuna nel campo della politica. Voleva entrare nel parlamento nazionale al posto di un deputato ucciso.

Nel 2014 e nel 2018 aveva ritentato fortuna in politica. In entrambi le occasioni decise di presentarsi, alle elezioni politiche, con la lista di Alleanza Nazionale che comprendeva sia sunniti che sciiti presenti nel paese.

In entrambe le occasioni però non era riuscito a raggiungere il suo scopo. L’attuale ministro dello sport iracheno, Adnan Darjal, lui stesso ex calciatore, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni per commentare la notizia della sua scomparsa: “Con grande tristezza piangiamo il nostro compagno, l’ardente stella dei nostri fan, l’atleta impareggiabile e figlio dell’Iraq, Ahmed Radhi”

Da non perdere

Pugilato

Hector Macho Camacho: Commediante, eccentrico, imprevedibile, volubile Il 24 Novembre 2012 a seguito di una sparatoria moriva Hector Camacho, un pugile unico nel suo...

Cura e Prevenzione

Coronavirus: RS Components presenta la nuova gamma di igienizzanti per mani Gli igienizzanti per mani sono entrati a tutti gli effetti nella routine di...

Calcio

Mistero Bergamini: Cronaca di un suicidio che non è mai accaduto Il 19 Novembre 1989 l’Italia del calcio e non solo si svegliava con...

Basket

La Legge Len Bias: quando per cambiare le regole ci deve scappare il morto Il passaggio dall’infanzia all’adolescenza e infine all’età adulta è lastricato...

Altri Sport

Jonah Lomu, più forte del suo destino Il 18 novembre 2015 ci lasciava, nella città neozelandese di Auckland, Siona Tali “Jonah” Lomu, da tutti...

Motori

Nuvolari, quel giorno d’agosto Il 16 novembre 1892 nasceva Tazio Nuvolari, il leggendario pilota automobilistico che correva negli anni in cui salire su una...

Altri Sport

Johann Kastenberger: il maratoneta che scappava dalla polizia Il 15 novembre 1988 finiva tragicamente la fuga di Johann Kastenberger, un atleta sconosciuto nel mondo,...

Altri Sport

We are Marshall! Quando un Aereo consegna lo Sport alla storia Il 14 Novembre 1970 in West Virginia, l’aereo della Southern Airways Flight 932 con...

Calcio

Jake Livermore, che non ha mai cercato scuse Testo: Ettore Zanca Illustrazione: Enrico Natoli Compie oggi 31 anni Jake Livermore, il calciatore inglese che...

Altri Sport

Nadia Comăneci: una farfalla in cerca della felicità Compie oggi 59 anni Nadia Comaneci, fenomenale ginnasta rumena che alle Olimpiadi 1976 mandò in tilt...

Motori

Vittorio Brambilla, un pilota da film Sbucano sempre da qualche parte, i ricordi più rari. Quando meno te lo aspetti, sembrano materializzarsi dal nulla,...

Altri Sport

Quando i Re del Rugby curarono le ferite della Grande Guerra L’11 novembre 1918 il primo conflitto mondiale giunse finalmente al termine con la...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro