Quantcast
Connect with us

Cerca articoli

Sport & Diritti

Afroamericani e Poliziotti, interviene Michael Jordan: “Non posso più stare in silenzio”

Negli Stati Uniti in piena campagna elettorale tengono banco le tensioni degli ultimi mesi tra la popolazione afroamericana e la polizia che ha portato ad un escalation di morti da entrambe le parti. Una situazione che scuote l’opinione pubblica e crea dei veri e propri schieramenti opposti tra chi difende l’operato degli agenti, costretti ad affrontare situazioni difficilissime e chi, invece, è dalla parte della gente di colore, considerata il bersaglio preferito delle sempre fumanti pistole a stelle e strisce.

Sulla questione, molte personalità dello show biz hanno voluto dire la loro, cercando di placare gli animi, forti della loro immagine riconosciuta a livello planetario. Qualche settimana fa, agli ESPY, i premi annuali di ESPN per gli atleti più meritevoli, alcuni sportivi tra cui le stelle della NBA LeBron James e Carmelo Anthony hanno chiesto di fermare questa ondata di violenza.

A fare eco a queste parole ci ha pensato la leggenda per eccellenza dello sport americano e mondiale, Michael Jordan. L’ex stella dei Chicago Bulls, ora proprietario della squadra Charlotte Hornets, con una lettera ha voluto dire la sua, rompendo un silenzio che, a suo dire non può più rimanere tale. “So che questo Paese è meglio di così. Non posso più stare in silenzio“. Questa la frase chiave di un discorso che ripercorre la vita di MJ, il cui padre è stato ucciso davanti ai suoi occhi da furfanti che volevano rubargli l’auto. Nel comunicato si legge tutta la rabbia del 23 più famoso del mondo che esprime vicinanza alle famiglie degli afroamericani uccisi così come a quelle degli agenti verso i quali sono stati sferrati attacchi “codardi” come rappresaglia degli episodi contro la popolazione nera.

Si sente frustrato per la retorica che sta dividendo gli Stati Uniti e traccia un via per trovare soluzioni che possano tutelare da una parte i neri, con un trattamento giusto ed equo, e dall’altro che debbano garantire protezione e rispetto verso quegli agenti che ogni giorno mettono in pericolo la loro vita per proteggere la comunità. Per questo, dalle parole si è passati ai fatti: Jordan ha infatti donato un milione di euro a due associazioni, all’Institute for Community-Police Relations che ha il compito di creare un dialogo tra la polizia e la comunità afro e al fondo di difesa legale Naacp, che si occupa di dare difesa legale gratuitamente alle persone di colore. Un gesto importante che, come detto dallo stesso Jordan, non basterà a risolvere il problema, ma che in questo momento può. essere d’aiuto per le persone che stanno lavorando in maniera straordinaria per portare avanti i progetti delle proprie associazioni.

Redazione
A cura di

GiocoPulito nasce nel Novembre 2015 con l’obiettivo di dare un taglio all’informazione sportiva non tanto incentrandola sulla comune, quanto importante, attualità, ma andando a costruire un prodotto di informazione che potesse accrescere la conoscenza degli accadimenti passati o presenti, soddisfare la sana curiosità, alimentare la cultura e la passione per lo sport.

Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook

Da non perdere

Altri Sport

Peter Norman: il bianco di quel podio a Messico 1968 Il 15 giugno 1942 nasceva a Melbourne Peter Norman, l’atleta australiano che alle Olimpiadi...

Basket

Predrag Stojakovic, il miglior tiro che non sia mai entrato Compie oggi 44 anni Predrag Stojakovic, uno delle mani più educate della Storia Nba....

Basket

Drazen Petrovic: poesia sospesa tra Mozart e Nietzsche Il 7 giugno 1993 ci lasciava Drazen Petrovic, uno dei migliori interpreti della pallacanestro mondiale. Una...

Basket

Krešimir Ćosić, la leggenda del Fenomeno che disse di No alla Nba Il 25 maggio 1995 moriva Kresimir Cosic, il fenomeno croato della palla...

Basket

“I sogni alcune volte restano tali, invece questo si è avverato”: il Primo Scudetto della Scavolini Pesaro La prima volta non si scorda mai,...

Basket

Compie oggi 74 anni Lew Alcindor, divenuto Kareem Abdul-Jabbar dopo la conversione all’Islam, uno dei più grandi giocatori della storia del basket. Numero uno della...

Basket

Memento: C’erano una volta i Sonics, la Leggenda di Emerald City Il 5 Aprile 1994 Kurt Cobain si suicidava sparandosi nel suo garage. E...

Basket

Don Haskins, il Martin Luther King bianco del Basket americano Il 4 Aprile 1968 veniva assassinato a Memphis, Martin Luther King. Nello stesso periodo,...

Basket

Non solo March Madness: ecco la storia del vecchio NIT Inizia oggi il March Madness, il torneo finale che assegna il titolo di Campione...

Basket

Mahmoud Abdul Rauf: il cecchino del Mississippi che ce l’aveva con gli Stati Uniti Compie oggi 52 anni Mahmoud Abdul Rauf, il cestista americano,...

Basket

A tu per tu con Denis Marconato, il gigante azzurro Abbiamo intervistato Denis Marconato, ex cestista e attuale allenatore dell’Istrana che milita in serie...

Basket

L’incredibile Febbraio ’95 di Hakeem Olajuwon “Ci sono tantissimi, grandissimi atleti nel mondo di fede islamica. E come ben sapete c’è un mese all’anno...

Gioco Pulito è una Testata giornalistica registrata presso il Tribunale Civile di Roma – Autorizzazione N° 184/2018 del 22-11-2018 Società Editrice Io Gioco Pulito srls - Direttore Responsabile Antonio Padellaro